If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Terremoti e tsunami nel Pacifico: il maremoto di Palu-Koro, Indonesia

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Tsunami, maremoti, rete di allarme
.

Il terremoto di Magnitudine 7.5 nei pressi di Palu, Sulawesi, Indonesia, del settembre 2018 fu un forte sisma che interessò circa 160 km del sistema di faglia di Palu-Koro, la faglia più attiva di Sulawesi. Questa faglia è nota per avere un rapporto di movimento maggiore della più conosciuta faglia di San Andreas della California. Entrambi questi terremoti sono generati da frizioni tra faglie che si muovono parallelamente fra di loro, generando un movimento verticale che solitamente non è molto importante. Come si spiega allora il forte maremoto che colpì Palu-Koro?

Prima di tutto cerchiamo di comprendere cosa sono gli tsunami
Gli tsunami o maremoti sono movimenti dinamici di masse d’acqua che si abbattono sulla costa creando gravi danni alle popolazioni ed alle infrastrutture. Questi fenomeni catastrofici possono essere conseguenti a diverse cause:

  • terremoti che causano un movimento verticale del fondo marino; 
  • frane sottomarine che generano uno spostamento di masse d’acqua; 
  • violenti esplosioni vulcaniche sottomarine.

I terremoti che avvengono a causa di un compressione geologica, ovvero dove le placche terrestri si spostano l’una verso l’altra, generano normalmente i movimenti verticale maggiori. Questi terremoti avvengono principalmente nelle zone di subduzione, ai confini delle placche convergenti, come al largo di Sumatra, in Giappone, nel Pacifico nord-occidentale negli Stati Uniti (Washington, Oregon e California, e generano violenti movimenti verticali del terreno con spostamenti dell’intera colonna d’acqua.

Questa figura illustra la terminologia comunemente impiegata per definire gli elementi di contorno e le onde dello tsunami (National Research Council, 2011). L’altezza delle onde H è l’elevazione della superficie dell’acqua sopra il livello del mare. L’altezza di rincorsa R è l’elevazione massima che lo tsunami raggiunge a terra. Man mano che l’onda raggiunge la costa e la profondità diminuisce, l’onda si alza fino ad abbattersi sulla costa. Una sezione trasversale dell’oceano come un’onda di tsunami viaggia verso la costa. Il livello del mare ambientale è rappresentato da una linea orizzontale nera. da Tremblor.net

Da un punto di vista terminologico, l’ampiezza dell’onda H è  l’altezza massima della stessa sopra il livello del mare in acque profonde. L’inondazione si riferisce all’estensione orizzontale delle inondazioni costiere causate dallo tsunami da non confondere con il run up (R, altezza di rincorsa) che è l’elevazione verticale dell’onda dello tsunami rispetto al livello del mare iniziale.

Genesi di uno tsunami
Un articolo apparso sulla rivista Tremblor fornisce molte informazioni sull’accaduto. L’immagine seguente (Atwater et al. (2005)) ci mostra come un terremoto in una zona di subduzione possa generare un movimento verticale del terreno. Questo movimento verticale della terra spinge l’acqua verso l’alto e, quando l’acqua ricade verso il basso, inizia ad oscillare verticalmente, generando le onde dello tsunami.

A sinistra vediamo una sezione trasversale della configurazione fisica di una zona di subduzione. Nel mezzo, vediamo cosa succede quando due placche, che scivolano liberamente a grandi profondità, in prossimità di acque basse possano generare un movimento oscillatorio. A destra, abbiamo la fase del terremoto e la generazione delle onde di tsunami.

Le onde sismiche possono quindi generare tsunami solo se vi è un movimento verticale significativo
La morfologia del fondale può facilitare, anche se in maniera minore, le oscillazioni della massa d’acqua causando uno tsunami. Un esempio di tsunami generato da un terremoto fu quello di M 7.4 a İzmit (Turchia) del 1999, sulla faglia dell’Anatolia settentrionale che generò uno tsunami con una altezza massima di risalita delle onde di circa 2 metri. Nel caso dello tsunami di Sulawesi, si ritiene che possano aver contributo al sisma della scala M 7,5 anche delle frane sottomarine. I geologi hanno potuto osservare ampie frane nelle montagne circostanti, lungo il fondovalle nella città di Palu e lungo la costa per cui è plausibile motivo che frane si siano verificate anche nelle profondità sottomarine. Il Dr. Robert Hall, un geologo studioso della tettonica del sud-est asiatico, ha presentato un interessante rapporto con una mappa che mostra la batimetria ad alta risoluzione dell’oceano a nord di Palu Bay. 

La mappa mostra nei dettagli la faglia di Palu-Koro nella regione di Sulawesi, in Indonesia. Il riquadro (casella rossa sulla destra) mostra la forma del fondo marino con il colore che rappresenta la profondità. da Tremblor.net

La mappa mostra nei dettagli la faglia di Palu-Koro nella regione di Sulawesi, in Indonesia. Il riquadro (casella rossa sulla destra) mostra la forma del fondo marino con il colore che rappresenta la profondità. Le immagini (generate da immagini satellitari) rivelano la presenza di grandi frane avvenute nel passato. Inoltre, si notano frane correnti con grandi quantità di sedimenti che stanno scivolando in mare. Questi depositi sedimentari non hanno una grande stabilità e possono provocare delle frane sottomarine. Le posizioni spot sono indicate con punti rossi e le profondità sono indicate in metri sotto il livello del mare.

Ecco una mappa che mostra le faglie regionali dei terremoti. Sulla sinistra c’è una mappa in scala ridotta che mostra le principali faglie nella regione (Bellier et al., 2001). La posizione dell’epicentro USGS è contrassegnata come una stella rossa. La mappa sulla destra mostra maggiori dettagli sulle faglie. Basandosi sulle analisi di immagini satellitari sembra che la fratture che si sono verificate abbiano avuto inizio vicino all’epicentro e per lo più spostate verso Palu. L’estensione spaziale della faglia è delineata come un rettangolo arancione. da Tremblor

Un fattore che contribuì alla dimensione dello tsunami fu la morfologia del fondale di Palu Bay. I modelli computerizzati delle onde dello tsunami mostrarono che mentre le onde viaggiavano verso sud, in direzione della città di Palu, l’altezza delle onde aumentava. Ciò fu causato dalla diminuzione della profondità della baia. 

L’immagine seguente mostra un’interessante analisi del Dr. Sotiris Valkaniotis, che ha confrontato le immagini satellitari prima e dopo il terremoto. Il software ha analizzato i “pixel” che compongono l’immagine e il modo in cui sono disposti l’uno accanto all’altro per stimarne lo spostamento dopo il terremoto.

Le aree di colore giallo e arancione si spostarono verso nord mentre quelle blu verso sud. Si può ipotizzare che dove questi colori si incontrino, sia collocata la faglia di Palu Valley. Dai primi dati raccolti (ancora incompleti), il moto relativo tra le faglie è stato valutato intorno ai 10 metri ma, dai diversi colori sulla mappa si evince che il moto lungo la faglia sia stato di diversa velocità e ampiezza. Il blu rappresenta il movimento del terreno verso sud e l’arancione rappresenta il movimento relativo verso nord. Le tonalità di colore descrivono la amplitudine dello spostamento in metri. L’effetto del terremoto non si esaurisce nella parte sinistra della mappa, ma si estende ulteriormente nella valle sommersa.

Una terra tormentata
Nel Sulawesi, ci sono stati storicamente altri terremoti che provocarono tsunami. Nel secolo scorso, si conoscono sei terremoti tsunamigenici di cui tre tsunami, avvenuti nel 1927, 1968 e 1996, furono associati a terremoti proprio lungo la faglia di Palu-Kora. Gli altri terremoti furono associati alla zona di subduzione di Sulawesi a nord e alla zona di sbaglio di slittamento di Paternoster (o Adang) a sud-ovest.

In pratica un area con forte sismicità giustificata dai movimenti importanti delle faglie sottostanti. Grazie alle moderne tecnologie nuovi modelli possono essere usati per stimare le dinamiche spaziali e temporali dei maremoti. Parametri importanti sono la conformazione del fondo marino su cui potrebbe viaggiare lo tsunami e la sua deformabilità in caso di eventi sismici. Sembrerebbe che deformazioni del fondo marino maggiori possano generare onde di tsunami iniziali di maggiori dimensioni. Ad esempio, lo tsunami, a seconda della morfologia del fondo, può cambiare di direzione e l’altezza delle sue onde, sulla base del principio che la profondità controlla la velocità di spostamento e l’amplitudine delle sue onde. Questo fattore è di particolare importanza per valutare il tempo disponibile per allarmare le popolazioni delle aree che potrebbero essere colpite.

Non ultimo i geologi locali ritengono che, al di là della loro amplitudine, possano generarsi sia dei tsunami locali sia tsunami lontani. Lo tsunami locale è uno evento che si verifica nelle vicinanze del epicentro del sisma (come nel caso di Palu Bay) mentre quelli distanti provengono da regioni lontane dalla sorgente sismica, attraversando l’oceano e provocando conseguenze gravi anche a lunga distanza. Un esempio fu quello generato dal terremoto della subduzione di Sumatra-Andaman del 2004 che attraversò l’Oceano Indiano causando decine di migliaia di morti in India e Sri Lanka. 

Sistemi di allarme
I sistemi di pre allarme tsunami possono aiutare a salvare vite umane in regioni in cui si possono verificare tsunami distanti. Questi sistemi si basano su boe che effettuano misurazioni dell’altezza delle onde. Ovviamente le boe devono trovarsi tra la fonte dello tsunami e le zone a rischio affinché l’allarme tsunami possa essere trasmesso prima dell’arrivo dello tsunami.

boa di preallarme Foto: Adhar Muttaqin FOKUS BERITA:Gempa Donggala-Tsunami Palu

Una curiosità. Le polemiche sorte dopo lo tsunami di Palu-Koro, si riferirono al fatto che il sistema di pre-allarme indonesiano fosse offline al momento del sisma. Un inconveniente tecnico grave, ma che non influì più di tanto in quanto l’evento fu di tipo locale, con tempi di reazione strettissimi che comunque non sarebbero stati sufficienti per dare l’allarme. Questo non vuol dire che queste reti non siano necessarie in quanto una catena di allarme, in zone altamente sismiche, può preservare vite umane in aree molto lontane dagli epicentri. Nel caso di Palu, probabilmente il solo fatto di aver avvertito le scosse sismiche per un lungo periodo avrebbe dovuto allertare i locali del pericolo e suggerire agli abitanti di allontanarsi dalle coste, cercando riparo sulle vicine colline.

L’Agenzia meteorologica, climatica e geofisica indonesiana (BMKG) ha stabilito che lo tsunami arrivò sulla battigia di Palu-Koro tra gli otto e gli undici minuti dopo il terremoto, un tempo sufficiente per recarsi su un’altura e sfuggire all’onda letale. Se volete maggiori informazioni sulle notizie riportate analisi svolte potete leggere questo articolo della rivista Tremblor.net dal quale sono state estratte anche le immagini a corredo di questo articolo.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 256 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share