If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il corretto ancoraggio nautico: la sicurezza non è mai troppa

Reading Time: 7 minutes


livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA

PERIODO: na
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Nautica, ancoraggio

 

La sicurezza degli ancoraggi
Abbiamo viaggiato nei secoli, conoscendo i tipi principali di ancore, attrezzature nautiche fondamentali per la sicurezza degli ancoraggi. Le ancore sono però solo la parte terminale della linea di ancoraggio che parte dalla nave e termina alle marre dell’ancora. A differenza di quanto molti ritengono, l’ancora da sola non potrebbe fare la sua funzione senza l’azione combinata del peso e della resistenza della catena sul fondo. Di fatto l’ancora non è che una minima frazione del dislocamento della nave e se non ci fosse la catena non potrebbe mai opporsi da sola alle forze di trazione causate dal vento e dal mare.

In generale, quando possible, è opportuno avere a bordo ancore di tipologia diversa. Di massima le ancore con marre appuntite (come le Danforth e le CQR) sono adatte maggiormente ad un fondale sabbioso-fangoso, in modo tale da poter penetrare più a fondo nel sedimento mentre quelle tipo ammiragliato o Hall, di maggior peso, si adattano a fondi generici. Le dimensioni dell’ancora dipendono ovviamente dalla stazza della nave. In base al tipo di fondale (ricavabile dai portolani e dalle carte nautiche) quindi si dovranno scegliere l’ancora o le ancore  di dimensioni e peso dipendenti dalla lunghezza della imbarcazione.

Dalle cime alle catene
Scelta l’ancora, passiamo alle catene, un insieme di maglie metalliche utilizzate per appesantire l’estremità superiore delle ancore in modo che, nella fase di ancoraggio le marre dell’ancora siano facilitate nella loro azione  di agguantare meglio il fondale. L’impiego di catene metalliche è molto più antico di quanto si pensi. Le fonti storiche riportano che furono usate dai Macedoni durante l’assedio di Tiro per impedire che i sommozzatori fenici tagliassero le cime delle ancore delle loro imbarcazioni. Si trattò di un caso forse unico in quanto, in seguito, la maggior parte delle navi continuò ad impiegare le più pratiche cime vegetali. Un uso che, per quanto concerne gli ancoraggi, continuò fino al XVIII secolo dopo Cristo, quando vennero sostituite sui vascelli maggiori dalle catene metalliche. In quelli minori si continuarono invece ad usare cime vegetali (soprattutto canapa, manila e iuta) in quanto le ancore erano ancora di dimensioni tali da poter essere filate a mare o recuperate a mano, utilizzando in alcuni casi un albero da carico prodiero come picco per il loro recupero. 

ancora Hall alloggiata nell’occhio di cubia

Per le catene in metallo era invece necessario l’uso di argani e verricelli azionati a mano che sollevavano l’ancora a pelo d’acqua, per permettere che la stessa fosse poi fissata (con l’ausilio di una gruetta laterale) fuoribordo. Nei tempi moderni, grazie agli argani a motore, la catena dell’ancora passa attraverso gli occhi di cubia ed il fusto dell’ancora, essendo privo di ceppo, può alloggiare comodamente nell’occhio di cubia. 

A differenza di quanto molti ritengono, l’ancora da sola non potrebbe fare la sua funzione senza l’azione combinata del peso e della resistenza della catena sul fondo. Di fatto l’ancora non è che una minima frazione del dislocamento della nave e se non ci fosse la catena non potrebbe mai opporsi da sola alle forze di trazione causate dal vento e dal mare.

.
Quando possible è bene avere a bordo ancore di tipo diverso. Di massima le ancore con marre appuntite (come le Danforth e le CQR) sono adatte maggiormente ad un fondale sabbioso-fangoso, in modo tale da poter penetrare più a fondo nel sedimento, mentre quelle tipo ammiragliato o Hall, di maggior peso, si adattano a fondi generici. In base al tipo di fondale (ricavabile dai portolani e dalle carte nautiche) si dovrà scegliere l’ancora o le ancore di dimensioni più adatte all’imbarcazione.

Per completezza le imbarcazioni da diporto utilizzano anche un’ancora a grappino, in pratica un ancorotto a quattro marre articolate, che possono essere richiuse per un minore ingombro. Questi ancorotti sono spesso utilizzati a bordo di piccole imbarcazioni (<5 metri) e dai gommoni ma non hanno una tenuta robusta. Essi risultano adatti anche su fondali rocciosi, grazie alla loro capacità di penetrare in ogni anfratto. Questo vantaggio può essere uno svantaggio per lo stesso motivo, in quanto la probabilità di incagliarlo fra gli anfratti del fondo è piuttosto alta. I subacquei ne sanno qualcosa. Nel caso considerate la necessità di dovervi ri-immergere per questa operazione.  

Oltre alla tipologia delle ancore, i fattori che entrano in gioco sono il tipo di fondale, la profondità del punto di fonda e il numero di  lunghezze di catena da rilasciare in mare. 

Incominciamo con i diversi tipi di fondale. I fondi marini possono essere buoni (sabbia, fango) o cattivi (rocce, alghe) tenitori. Questo comporta che, a seconda della loro composizione, possono richiedere ancore diverse. Un controllo sul portolano o sulle carte fornisce informazioni sufficienti per la pianificazione dell’ancoraggio ma considerate sempre la scala delle carte. 

ATTENZIONE: la profondità del punto di fonda non deve essere mai eccessiva

Di massima bisogna evitare di ancorarsi su fondali molto profondi (oltre i 50 metri) privilegiando punti di fonda su bassi fondali. Naturalmente questo valore va commisurato al tipo di imbarcazione.

Quante lunghezze?
Infine, molto importante, vanno messe a mare tante “lunghezze di catena” per un totale da 3 a a 5 volte il fondale. Una lunghezza di catena è 25 metri per cui il numero di lunghezze di catena definisce la lunghezza totale di catena rilasciata (filata) a mare. Ad esempio su un fondale di 30 metri, buon tenitore, si possono rilasciare novanta metri di catena equivalenti (per eccesso) a quattro lunghezze (100 metri). Sempre meglio abbondare.

Come dare fondo all’ancora
Il comandante dell’imbarcazione dovrà valutare le condizioni al contorno ovvero il punto prescelto di ancoraggio, il vento (direzione e forza) ed il mare.  Un buon ancoraggio non è una manovra facile: richiede nozioni teoriche, pratica e soprattutto esperienza. La tecnica per un buon ancoraggio è la seguente: ci si posiziona con le macchine sul punto prescelto, con prua a vento e barca ferma, si da fondo all’ancora. A questo punto si distende la linea di ancoraggio (ovvero il calumo, insieme di cima e catena attaccato all’ancora) arretrando piuttosto lentamente in modo da lasciare all’ancora il tempo di fare presa sul fondale. Il movimento deve essere lento per evitare che la linea vada in tensione con il risultato di far spedare l’ancora. La lunghezza del calumo deve essere adeguata affinché la catena si adagi completamente sul fondo e, con il suo peso, faciliti l’azione dell’ancora. Qualora  a macchina abbreviata indietro la nave continui a scarrocciare bisogna ipotizzare che l’ancora stia arando. In quel caso si dovrà risalpare il tutto e rifare la manovra. 

Controllo del punto di fonda
Per quanto possa sembrare poco importante in un epoca in cui esistono sistemi automatici di controllo della navigazione, l’ancoraggio, anche di piccole imbarcazioni, deve essere sempre controllato periodicamente. Il controllo (automatico o manuale) avviene attraverso la verifica che la nave all’ancora si trovi sempre all’interno del cosiddetto cerchio di fonda. Questo cerchio ha centro sulla posizione esatta misurata al momento della fonda.

In pratica:
posizionare sulla carta nautica (Piano Nautico) il cosiddetto “Cerchio di fonda” il cui raggio è la somma delle lunghezza della catena filata, la profondità del fondale e la lunghezza della propria imbarcazione. Il raggio del cerchio di fonda sarà dunque dato da:

R = Raggio cerchio di fonda
L = Lunghezza imbarcazione
LC = Lunghezza catena a mare
Z = Profondità del fondale sul punto di fonda
R = (L+LC) – Z

Esempio
una nave di 100 metri di  lunghezza deve dar da fondo su 25 metri di fondale con 5 lunghezze di catena. Quale sarà il suo raggio di sicurezza?
il raggio sarà uguale a = 100+125-25= 200 metri

Determinato il raggio del cerchio di fonda, con centro sul punto di fonda,  in mancanza di un sistema di navigazione elettronico,  bisogna disegnare sulla carta nautica (meglio se si ha un piano nautico) il cerchio con un compasso e prendere dei rilevamenti “di sicurezza” (rilevamenti tangenti al cerchio di fonda) da punti cospicui precedentemente determinati in costa. Presi i rilevamenti di sicurezza, tracciateli ed indicateli espressamente sulla carta; in questo modo basterà vedere, all’atto del controllo, se la misura degli stessi, rilevata ogni 30 minuti (o anche a scadenze inferiori se le condizioni meteo lo richiedono), è congrua  ai rilevamenti di sicurezza iniziali. In caso contrario, dobbiamo presupporre che l’ancora della nave stia arando ovvero che l’ancora non faccia più tenuta e la nave stia scarrocciando trascinata dal vento e dalla corrente.

Alcuni sistemi di controllo della navigazione, che utilizzano la cartografia elettronica ed un sistema GPS, consentono di automatizzare il procedimento. Vanno comunque inseriti i dati di profondità e delle lunghezze di catena filate a mare al fine di fargli disegnare il cerchio di fonda. In quel caso, il controllo diviene automatico e, se viene avvertito dal sistema uno scarroccio eccessivo, viene emesso un segnale acustico di allarme. Si tratta di una situazione molto pericolosa che richiede l’accensione immediata dei motori, il salpamento dell’ancora e lo spostamento in un’altra posizione che garantisca una maggiore tenuta dell’ancoraggio. Molti incidenti avvengono per il mancato controllo di queste regole di base.

Il salpamento dell’ancora
Il salpamento dell’ancora può essere riassunto nel termine marinaresco: portarsi a picco corto (ovvero sulla perpendicolare dell’ancora) e quindi salpare il calumo e l’ancora. Facile a dirsi per le grandi navi ma  non scevro di inconvenienti sulle piccole imbarcazioni. Può infatti capitare che, dando fondo su fondali rocciosi o corallini, l’ancora si “incattivi” cioè resti incastrata tra le asperità del fondale costringendo il pilota dell’imbarcazione a manovre di disincaglio a yo-yo che spesso costringono, su basso fondale, ad immergersi per liberare l’ancora o, in caso di avverse condizioni meteorologiche, a lasciare temporaneamente l’ancora in mare con il rischio di perderla. Per evitare questa spiacevole situazione, si ricorre (in fase di ancoraggio) ad una cima aggiuntiva, la grippia, che viene fissata all’incrocio delle marre con il fuso, cioè sul diamante. Recuperando questa cima si potrà sfilare in senso contrario l’ancora liberandola senza sforzi. Questa cima potrà essere lasciata libera collegandola tramite un anello scarica volte (swivel)  all’estremità di un gavitello chiamato grippiale. Nel caso di rilascio in emergenza, per avverse condizioni meteorologiche, il grippiale ci indicherà la posizione dell’ancora per un recupero in un secondo tempo. 

Ci sono molte altre cose da raccontare su questa importante manovra marinaresca ma ci torneremo prossimamente.
Buon vento e buon mare. 
.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 951 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. domenico domenico
    04/11/2020    

    Un poco di esperienza personale. Sulle navi si usa appennellare l’ancora prima dell’approssimarsi al punto di ancoraggio.
    si da poi fondo a circa 5 volte il fondale e si usa la misura di 27,5 metri per identificare la lunchezza di catena (shackle), lasciandola andare con il salpa-ancore solo con freno. in certi posti si da fondo a due ancore a 120° l’una dall’altra. il nostromo a prora deve essere un po pratico per contare le lunghezze che scendono con un turbinio di polvere, e communicarle al comandante sul ponte. la 1a lunghezza ha un segno sul traversino della prima maglia dopo la falsa, la seconda un segno sulla seconda maglia dopo la falsa e così via. ci vuole occhio e pratica, perchè le prime 4/5 maglie scendono molto velocemente. si prepara poi un “anchor log” prendendo due rilevamenti cospiqui a terra e segnando di ora in ora le eventuali variazioni. va da se che l’ufficiale di guardia dovrà fare molta attenzione, ma di solito se ci sono previsioni di cattivo tempo, allora i bravi comandanti salpano e si mettono alla cappa.
    cordiali saluti.
    d. Scano – Capitano di lungo corso

    • 04/11/2020    

      Grazie Comandante questa è la procedura usata anche nella Marina Militare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share