Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperti numerosi relitti nelle acque della penisola di Karaburun in Albania

Reading Time: 6 minutes


livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: NA
AREA: MARE ADRIATICO
parole chiave: Albania, relitto, archeologia
.

Lo si sospettava da tempo: l’Albania, da sempre crocevia del traffico mercantile, conserva nei suoi fondali importanti testimonianze archeologiche, veri tesori della storia marittima antica del Mediterraneo. Un relitto ritrovato nel 2008 ha restituito un piccolo tesoro che dovrebbe incentivare la ricerca in quelle acque da sempre frequentate da pirati e mercanti.

Parco nazionale di Butrint, Albania – photo credit Elaine Ferritto Calip

Crocevia di commerci e pirati
I popoli che la abitarono, soprattutto lungo la costa meridionale, vennero presto a contatto con i Greci, che vi fondarono importanti colonie mercantili come Epidamno ed Apollonia. Le fonti storiche sono concordi a definire quelle tribù illiriche come non propriamente pacifiche,  dedite largamente alla pirateria. Sconfitti dai Macedoni, nel 358 a.C., gli Illiri furono assoggettati e divennero un corpo militare dell’esercito di Alessandro Magno che li condusse fino alla lontana Persia. Dopo la sua morte, nel 323 a.C., i differenti piccoli regni illirici si ribellarono e riconquistarono la loro indipendenza espellendo, nel 312 a.C., i Greci da Durazzo. Nacque così un potente regno con capitale nei pressi dell’odierna città albanese di Scutari. Il re Agrone e la regina Teuta, che gli succedette nel 231-230 a.C., consolidarono un regno che si spingeva dall’Albania settentrionale al Montenegro ed alla Erzegovina.

Teuta, regina degli Illiri

Teuta professò una politica aggressiva contro le navi onerarie romane, favorendo la pirateria che assunse, sotto il suo comando, una struttura militare ben organizzata. Alla fine i Romani dovettero intervenire militarmente e, con una geniale manovra a tenaglia sia da terra che dal mare, costrinsero la Regina alla capitolazione. Tracce di questo passato bellicoso riposano ora sui fondali delle coste albanesi, che sono ancora in gran parte da esplorare.

Breve storia recente
La storia dell’Albania meriterebbe molte pagine ma, per restare in tema, voliamo direttamente ai tempi moderni, quando, al termine della seconda guerra mondiale il Paese subì la dura repressione politica di Hoxha. Il dittatore comunista provocò migliaia di vittime dal 1945 al 1987 e, solo dopo la sua morte, avvenuta nel 1985,  iniziò in Albania un processo riformista. Per molte ragioni, la trasformazione verso un regime più democratico non ebbe successo e provocò il collasso economico della nazione. Solo nel 1990, contestualmente alla caduta dei regimi comunisti dell’Europa orientale, venne introdotto in Albania un timido bipartitismo per cercare di eliminare la corruzione statale. Nel 1996, un nuovo collasso finanziario portò a proteste popolari di massa che, durante i primi mesi del 1997, fecero precipitare nuovamente il paese nel caos, causando circa 2.000 morti ed una forte emigrazione verso l’Italia e la Grecia. Dopo varie vicissitudini, nel 2009, l’Albania entrò nella NATO ed ha ora presentato domanda di adesione all’Unione europea che,  il 27 giugno 2014, le ha riconosciuto lo status di Paese candidato.

Questo processo se da un lato ha consentito un’apertura a gruppi di studio internazionali dall’altro ha turisticamente reso disponibili i suoi “ancora sconosciuti” fondali e messo a rischio il suo ricchissimo patrimonio sommerso. 

relitto di una nave romana con il carico di anfore (Photo: INA)

Centinaia di manufatti romani e greci rischiano quindi di essere depredati da cacciatori di tesori senza scrupoli, non facilmente contrastabili a causa della limitata capacità di controllo delle autorità marittime locali.

Le ultime scoperte
Una recente scoperta di numerosi relitti da parte di una Fondazione americana, il Waitt Institute, e della RPM Nautical Foundation ha evidenziato come questo patrimonio, se correttamente esposto, oltre agli evidenti aspetti archeologici, potrebbe fornire un importante contributo a sostegno dell’economia locale. RPM ha mappato i fondali marini del Mar Ionio dal confine greco fino alla Baia di Vlora, trovando almeno ventidue relitti dall’epoca classica alla Seconda Guerra Mondiale. Tra i relitti più antichi sono state ritrovate centinaia di anfore di terracotta impiegate per il trasporto dell’olio d’oliva e del vino lungo le rotte commerciali tra il Nord Africa e l’Impero Romano.

Queste scoperte hanno confermato come l’antica Illiria fu anticamente crocevia di commerci marittimi, in un insidioso braccio di mare dove furiose tempeste e pirati senza scrupoli rendevano la navigazione rischiosa. I fondali sono ricchi di reperti ancora non scoperti derivanti dai tanti naufragi che rischiano di essere preda di cacciatori di tesori. La Sovraintendenza albanese non ha mezzi sufficienti per poter operare autonomamente e tanto meno è in grado di proteggere le aree archeologiche per mancanza di mezzi e personale.

Un aiuto da oltre oceano
Undici anni fa, l’arrivo della nave da ricerca Hercules a sostegno degli archeologi albanesi fu vista come una vera e propria manna dal cielo. La nave, dotata delle più moderne attrezzature, un moderno side scan sonar, veicoli filoguidati e subacquei professionisti, fu un valore aggiunto per il Governo albanese che era impossibilitato a condurre autonomamente delle ricerche subacquee su quei ricchi fondali. L’RPM, divenuto ormai di casa, si avvale del supporto di un ente di ricerca statunitense, l’U.S. Institute of Nautical Archaeology (INA)

Iniziano gli scavi
Dopo le prime ricerche RPM ritiene che sia giunto il momento, con il supporto dell’Istituto di Archeologia Nautica, di iniziare lo scavo dei tanti relitti identificati, un lavoro economicamente costoso e scientificamente molto delicato. Le attenzioni dei ricercatori potrebbero concentrarsi sul sito di Butrint, un sito greco e romano protetto dall’UNESCO, collocato nella zona più meridionale dell’Albania, nei pressi del confine con la Grecia.

La nave di ricerca del U.S. INA, la Virazon II, rimarrà ancora un mese nelle acque albanesi per valutare la fattibilità di realizzare uno scavo su larga scala. L’ultima spedizione ha rivelato i resti di quattro navi greche affondate tra il sesto ed il terzo secolo a.C., ed altri tre siti sono stati marcati. “Queste scoperte sono molto importanti per colmare l’assenza di documentazione relativa a quel periodo storico“, ha riferito Andrej Gaspari, un archeologo subacqueo sloveno. “Le sole navi scoperte e documentate di quel periodo sono state trovate nel Mediterraneo occidentale ed in Israele“.

Ritrovamenti
Come abbiamo premesso, l’Illiria costituiva in epoca classica un nodo commerciale marittimo, attraverso il quale passavano i traffici tra la Grecia, l’Italia, il Nord Africa ed il Mediterraneo occidentale. Nell’agosto del 2008 è stato ritrovato un relitto particolarmente interessante che ha restituito dei reperti particolarissimi:  un’anfora di terracotta lunga 51 cm, per vino o olio, ed un’altra più piccola, trovate alla profondità di 80 metri. Le due anfore venivano probabilmente da Corinto tra il sesto ed il quinto secolo a.C. e si trovavano su una nave mercantile che naufragò tre chilometri al largo della costa. Sono oggetti molto rari dei quali esistono in tutto il mondo solo cinque esemplari. Altri ritrovamenti sono stati un’anfora, una giara nordafricana risalente al I-III sec. d.C.,  un’ancora romana in pietra del secondo o primo secolo a.C.. ed alcune tegole del quarto secolo a.C. A tal riguardo … Non era mai stato trovato prima un relitto carico di tegole … ” ha detto l’archeologo albanese Adrian Anastasi … ” la quantità di tegole e la loro disposizione mostra che il relitto della nave si trovi ancora sotto il carico … “.

il carico di tegole sul relitto

L’Albania sta quindi cercando di proteggere e capitalizzare il suo ricco patrimonio subacqueo, a lungo trascurato dal ex regime comunista, ma la conservazione dei beni culturali riceve ancora scarsi finanziamenti dal governo. Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica, l’Agenzia costiera nazionale albanese aveva organizzato, nel febbraio 2017, una piccola mostra fotografica “Real underwater Albania” in una strada pedonale di Tirana; solo trenta fotografie ma significative, per sottolineare l’importanza della ricerca subacquea archeologica per lo sviluppo turistico nella regione.

Piccoli passi per preservare questo tratto di mare, ricco di storia e che nasconde ancora tanti segreti.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 837 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »