If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il suono nei cetacei ed il canto delle balene

 

livello elementare
.

ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: mammiferi, balene, sound

 

Il canto è una caratteristica osservata tra molte specie di cetacei come la megattera e la balenottera azzurra. Questi mammiferi marini sono infatti in grado di produrre forti note e toni melodici che imitano da vicino i suoni della musica creata dagli Umani e sono comunemente chiamati canti delle balene.  In realtà non tutti i cetacei cantano e solo una piccola parte di essi è in grado di sviluppare questi canti.  Sebbene sia i maschi che le femmine siano in grado di vocalizzare, in genere solo i maschi producono queste melodie fragorose, lunghe e complesse.

Balene Megattere (Mysticeti) lungo le coste delle isole della Reunion

Quale è il loro significato?
I ricercatori non sono riusciti ancora a decifrarli ma sono stati evidenziati alcuni fattori curiosi che hanno fornito alcune informazioni sul loro possibile significato. Ad esempio, essi sono spesso prodotti nella stagione degli accoppiamenti per cui si pensa che sia un modo per far comprendere alle eventuali compagne il desiderio di accoppiarsi. La grande diversità di suoni fa pensare che i maschi attraverso questi canti diano sfoggio della loro forza e vitalità alle potenziali partner. Quando il maschio si accompagna con una femmina produce una sequenza di suoni caratteristici che dimostrano la sua voglia corteggiarla. 

Vi sono esemplari che cantano da soli mentre altri in gruppo. Interessante il fatto che quando cantano insieme, essi sono perfettamente in sintonia gli uni con gli altri. Inoltre, i maschi separati dal branco, anche se si trovano a lunghe distanze, possono continuare a cantare la stessa melodia, restando intonati con il gruppo. I canti possono durare da pochi minuti a mezz’ora e quindi ripetersi nel corso di diverse ore o addirittura giorni. Sebbene melodie e note possano cambiare, i maschi continuano a cantare fra di loro sempre in armonia. In certi casi, è stato notato che un maschio si avvicina a un altro maschio che sta cantando, questo può diventare aggressivo, territoriale e difensivo, il che suggerisce che non ama essere interrotto o sfidato durante i periodi della ricerca di accoppiamento.

da Up, Up, And Away! The Success Story Of The Humpback Whale Populations.   Featured Image Credit: Flip Nicklen/Minden Pictures

Oltre la stagione degli amori, questi mammiferi marini cantano anche in altre circostanze. Ad esempio nei periodi di caccia, quando hanno perso un’elemento del gruppo oppure quando si sentono “soli” per lunghi periodi di tempo. In particolare, sembrerebbe che queste emissioni di suoni si diversifichino da quelle registrate durante i periodi di accoppiamento. Essi sono più acuti, profondi e in bassa frequenza  (20Hz – 10 kHz) al fine di potersi propagare su grandi distanze.

I ricercatori hanno misurato l’estensione vocale di questi mammiferi che può arrivare ad almeno sette ottave, con intervalli tra le note molto simili a quelli utilizzati dall’Uomo nelle sue vocalità. Il dottor Christopher Clark della Cornell University, usando dei dati acustici raccolti in trent’anni di ricerche militari, ritiene che i suoni delle balene possano viaggiare in acqua a distanze di 3000 chilometri.

Il suono nei Cetacei
Non tutti i cetacei cantano. I suoni delle balene differiscono da quelli dei delfini e delle focene. Questo dipende dalle diverse strutture morfologiche di questi mammiferi. Ad esempio le balene, appartenenti ai misticeti, pur mancando delle corde vocali,  sembrerebbe utilizzino la  laringe per la produzione del suono, riciclando l’aria attorno al corpo. Sembrerebbe che siano in grado di produrre suoni anche tramite i loro seni cranici.

Per quanto riguarda gli odontoceti (delfini ed alcune balene dentate di dimensioni minori), essi producono rapide sequenze di clic ad alta frequenza, probabilmente impiegati per l’eco localizzazione di altri individui o delle prede. I suoni sono emessi su  frequenze da 0,2 a 150 kHz. Le frequenze più basse vengono utilizzate per effettuare la localizzazione a maggiori distanza mentre quelle più alte per discriminare con maggiore precisione i contatti a brevi distanze, rivelando informazioni più dettagliate sulla posizione e forma del  bersaglio. Gli echi di ritorno trasmettono non solo la distanza dall’obiettivo ma anche la sua dimensione, composizione, velocità ed il vettore di spostamento dello stesso. In pratica si tratta di un sofisticato tracciamento acustico superiore a molti sonar militari.

Esperimenti svolti dalla marina statunitense hanno confermato che essi sono in grado di riconoscere oggetti sotto il sedimento, funzionando in pratica come dei sonar parametrici. I fischi sono invece usati per comunicare. Tali “fischi” sono distintivi per l’individuo e possono servire come forma di identificazione con gli altri odontoceti. Questa tipologia sonora è presente in tutti gli odontoceti che comunicano fra loro usando scatti e fischi acuti in contrasto con i suoni  lunghi e acuti delle balene più grandi (misticeti).

Esiste una spiegazione?
Le balenottere, a eccezione di quella b. tropicale di Bryde, sono presenti negli oceani di tutto il mondo; la megattera ha un ristretto areale artico mentre la balena franca vive solo nel Nord Atlantico. Nel loro migrare alla ricerca di cibo le formazioni sembra abbiano la necessitá di scambiare informazioni anche a grandi distanze. La loro comunicazione si basa sull’utilizzo di varie frequenze e toni sonori differenziati che vanno da suoni lunghi, profondi, talvolta lamentosi, a bassa frequenza che sembrano provenire da un mondo lontano.

La grande ampiezza sonora e le variazione di durata e frequenza dei suoni suggeriscono  si tratti di un vero e proprio linguaggio complesso, sviluppato per scambiare informazioni non limitate a quelle strettamente necessarie alla loro sopravvivenza (caccia ed accoppiamento). Come gli esseri umani, che grazie a toni diversi possono identificare persone diverse in una stanza, anche le balene comunicano fra di loro, utilizzando frequenze e toni diversi, distintivi dei singoli individui. In questo modo un gruppo di maschi dello stesso gruppo può comunicare fra di loro usando gli stessi suoni, mentre una femmina che ha appena partorito sarà in grado di emettere un insieme completamente diverso di suoni. Un comportamento simile al nostro quando ci troviamo in una grande stanza dove si svolge una festa ed ognuno parla selettivamente con i propri vicini, ignorando le conversazioni degli altri. 

Alcuni scienziati ritengono che le balene siano così intelligenti da aver sviluppato un loro linguaggio così complesso da poter essere codificato secondo regole precise in modo da riconoscersi e da informare gli altri di cosa succede intorno a loro. Se così fosse forse un giorno saremo in grado di creare una tecnologia che ci permetterà di comunicare con questi meravigliosi mammiferi marini. 

Un progetto decisamente affascinante. Nel frattempo, però, cerchiamo di proteggerle dalla loro estinzione.

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 2.808 times, 4 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share