If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Come il mare influisce sulla nostra mente di Jennifer Delgado Suárez

livello elementare
.
ARGOMENTO: PSICOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: mare, oceano

photo credit Ellen Cuylaerts

Vi siete mai domandati perché il mare ci trasmette un senso di serenità e benessere?
Questo breve articolo della dottoressa Jennifer Delgado Suárez, curatrice del sito angolopsicologia, ci da un’interessante spiegazione scientifica su come il mare ci infonda serenità e felicità. Buona lettura. 

una finestra nel mare – photo credit Andrea Mucedola

Come il mare influisce sulla nostra mente
Avete mai sentito una pace incredibile mentre camminavate lungo il mare, o forse vi siete sentiti più energici e il vostro umore è migliorato? La verità è che la maggior parte delle persone sperimentano una piacevole sensazione di calma, relax e benessere, quando si trovano in prossimità dell’acqua. Perché? I neuroscienziati ritengono che la spiegazione stia nel cervello.

photo credit Andrea Mucedola

Il mare ha un effetto straordinario sulla nostra mente
In sostanza, l’effetto rilassante del mare è dovuto al fatto che rappresenta una sorta di “vacanza” per il nostro cervello rispetto all’eccesso di stimoli a cui lo sottoponiamo ogni giorno. Infatti, noi viviamo in un ambiente sovraccarico di stimoli, questi ci bombardano continuamente provocando una sovra stimolazione che finisce per generare uno stato di tensione costante che impedisce di rilassarci. Tuttavia, vedere il mare e ascoltare il suono delle onde ci consente di disconnetterci da questo ambiente caotico, è come creare una bolla attorno a noi. Infatti, il movimento del mare e la sua immensità hanno un effetto quasi ipnotico, che genera una sensazione di tranquillità e benessere che ci permette di rigenerarci.

photo credit – Francesco Pacienza

induce uno stato meditativo
Il suono delle onde dell’oceano induce uno stato meditativo e stimola un atteggiamento mindfulness. Infatti, non è un caso che questo suono venga usato spesso nelle sessioni di rilassamento dato che ha dimostrato di provocare cambiamenti nelle onde cerebrali. In particolare, il suono delle onde del mare promuove le onde alfa, che sono state collegate ad uno stato di attenzione senza sforzo. Queste onde appaiono quando siamo calmi e rilassati, talmente concentrati che tutto l’ambiente intorno a noi scompare, anche il tempo. È interessante notare che queste onde promuovono anche uno stato di chiarezza mentale e stimolano il pensiero creativo.

photo credit Pasquale Vassallo

stimola la creatività
Quando siamo vicini al mare, il nostro cervello cambia la sua modalità di funzionamento, passa dalla modalità “occupato” a “rilassato”. La cosa interessante è che in questo modo si attiva la rete neurale di default, che è esattamente quella che è stata collegata all’intuizione e alla comparsa di idee più originali e creative. In pratica succede che il mare ci permette di dimenticare le nostre preoccupazioni facendo in modo che la zona prefrontale del cervello ceda il controllo, lasciando fluire liberamente la creatività. In questo stato siamo più aperti alle nuove esperienze e meno critici.

photo credit – Simon East

genera un potente stato di stupore e meraviglia
Non c’è niente come guardare l’immensità del mare per provare una sensazione mista di stupore e meraviglia di fronte all’immensità. A questo proposito, gli psicologi delle università di Stanford e Minnesota hanno scoperto che questa esperienza può favorire un profondo senso di benessere. Questo tipo di esperienze “espansive” ci costringono a cambiare lo schema mentale attraverso il quale elaboriamo ciò che stiamo vivendo, così si produce un cambiamento drastico nel nostro modo di pensare che influenza anche il processo decisionale, facendoci pensare di più agli altri e rendendoci più generosi. Si è inoltre dimostrato che queste esperienze alterano la nostra percezione del tempo, come se fossimo immersi letteralmente in una grande bolla.

photo credit Andrea Mucedola

migliora le prestazioni cognitive
L’ambiente in cui viviamo è carico di ioni, sia negativi che positivi. Si è scoperto che gli ioni positivi come quelli che emettono la maggior parte dei dispositivi elettronici, drenano la nostra energia. Al contrario, gli ioni negativi, che sono presenti in grande quantità nel mare, generano uno stato di attivazione. Infatti, uno studio condotto presso il Mount Carmel College di Bangalore ha rivelato che gli ioni negativi hanno un effetto positivo sulla nostra performance cognitiva. I ricercatori hanno sottoposto i partecipanti a diversi test di memoria, di attenzione e processo decisionale e hanno rilevato che le loro prestazioni si riducevano quando l’aria era piena di ioni positivi e aumentavano quando c’erano più ioni negativi. Un altro studio condotto presso l’Università della California ha rivelato che gli ioni negativi stimolano anche la produzione di serotonina nel cervello, una sostanza che ci aiuta a rilassarci e allo stesso tempo sentirci pieni di energia.

Jennifer Delgado Suárez

Psicologa di professione e per passione, mi dedico a dar forma e contenuto alle parole.  www.angolopsicologia.com

 

 

 

Fonti:
Rudd, M. et. Al. (2012) Awe Expands People’s Perception of Time, Alters Decision Making, and Enhances Well-Being. Psychological Science; 23(10): 1130-1136.
Baron, R. A. (1987) Effects of negative ions on cognitive performance. Journal of Applied Psychology; 72(1): 131-137.
Diamond, M.C. et Al. (1980) Environmental influence on serotonin and cyclic nucleotides in rat cerebral cortex. Science; 210: 652-654.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 353 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share