If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Attrezzature per Nitrox di Luca Cicali

Reading Time: 7 minutes

livello elementare

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Nitrox, attrezzatura


L’importanza di usare attrezzature dedicate per il nitrox

L’uso delle normali attrezzature impiegate con l’aria subisce delle limitazioni nel caso si usino miscele iperossigenate. L’ossigeno ad alta pressione è infatti un gas da trattare con cautela, a causa dell’azione chimica che esso esercita sui materiali con cui viene a contatto.  L’ossigeno infatti agisce chimicamente come ossidante nelle reazioni di ossido-riduzione.  Questo tipo di reazione avviene ad esempio all’interno delle bombole dove l’acciaio si combina con l’ossigeno dell’aria ad alta pressione ossidandosi, e il prodotto di tale ossidazione è ciò che è comunemente chiamata ruggine di ferro. Quando la reazione di ossido-riduzione comporta l’emissione di energia sotto forma di calore, e avviene in modo veloce, essa è una combustione.  Se la reazione avviene a velocità particolarmente elevata, si ha una combustione esplosiva, che si contraddistingue inoltre per l’elevata produzione di calore. Tuttavia è ben noto che incendi o esplosioni necessitano di una causa scatenante per verificarsi, tanto è vero che combustibile e comburente non sono considerati sufficienti, da soli, ad attivare la combustione. 

Occorre un terzo elemento,  la temperatura, per innescare la reazione. 
L’insieme dei tre elementi, combustibile, comburente-ossigeno  e temperatura è chiamato appunto “triangolo di fuoco”, a significare che la combustione necessita della loro concomitante presenza per attivarsi e sostenersi. Una maggiore percentuale di ossigeno, a parità di altre condizioni, aumenta il rischio di incendio, diminuisce la temperatura necessaria per innescarlo e rende più alta la temperatura delle fiamme.

I migliori candidati per fungere da combustibile sono grassi, oli lubrificanti, guarnizioni, o-rings, materiali plastici, ma in generale qualunque materiale non dichiarato ossigeno-compatibile può essere incendiarsi al contatto con miscele iperossigenate. Quando si tratta ossigeno puro, il rischio di combustione può riguardare perfino i metalli, e una combustione ormai innescata è difficilissima da controllare. L’agente attivante per eccellenza è la temperatura, in particolare una repentina crescita di temperatura. 

Erogatore Scubapro Mk 25 Nitrox

Essa può verificarsi per varie cause: una compressione troppo rapida della miscela nitrox, una scintilla dovuta a sfregamento accidentale o ad accumulo di cariche elettrostatiche, la perturbazione di un flusso che ne causi il repentino aumento di pressione, a causa ad esempio una improvvisa occlusione o strozzatura nelle tubazioni.

All’interno dei condotti l’ossigeno fluisce infatti con velocità sorprendentemente elevate, potendo generare per attrito l’accumulo di cariche elettrostatiche, capaci di dar luogo ad esplosioni in presenza di residui grassi. Un subacqueo coscienzioso dovrà quindi utilizzare una attrezzatura idonea alle miscele nitrox, al fine di scongiurare i maggiori inconvenienti che attrezzature inadeguate possono causare. Ovviamente l’entità di questi rischi dipende dalla percentuale di ossigeno presente nella miscela utilizzata. 


Vediamo dunque come poter classificare le attrezzature nei confronti della compatibilità all’uso con ossigeno ad alta pressione.

Componenti e sistemi “puliti ad ossigeno”
Un componente o sistema è definito “pulito ad ossigeno” quando eventuali elementi contaminanti inadatti all’utilizzo con ossigeno, ovvero ad alta infiammabilità, sono stati rimossi tramite una accurata pulizia condotta secondo modalità ben determinate e utilizzando detergenti specifici.   Ciò garantisce che tutti gli agenti contaminanti siano stati rimossi.

Componenti e sistemi “ossigeno-compatibili”
Un componente o sistema è definito “ossigeno-compatibile” quando tutti gli elementi dei quali è costituito sono ossigeno-compatibili, ovvero presentano un basso rischio di combustione in presenza di ossigeno ad alta pressione.   Sistemi ossigeno compatibili sono pertanto progettati e realizzati in modo da escludere l’impego di materiali non rispondenti alle caratteristiche descritte in termini di rischio di combustione.   

Componenti utilizzabili con ossigeno (ovvero per servizio ossigeno)
Un componente o sistema è utilizzabile con ossigeno quando tutti gli elementi dei quali è costituito sono ossigeno-compatibili e puliti a ossigeno.   Nessuna delle due caratteristiche può bastare da sola, in quanto un materiale ossigeno compatibile può contaminarsi, e un materiale pulito ad ossigeno può essere inadatto all’uso con ossigeno se non costituito esclusivamente da componenti ossigeno-compatibili.

La regola del 40%
Quale è la frazione di ossigeno nella miscela oltre la quale è necessario utilizzare componenti per “servizio ossigeno”, ovvero ossigeno compatibili e puliti ad ossigeno? 
Nel dare la risposta escludiamo momentaneamente le bombole, per le quali è  necessario un discorso a parte. Ci interessiamo quindi degli altri elementi dell’attrezzatura subacquea che possono venire a contatto con la miscela iperossigenata, ovvero primo e secondo stadio di erogazione, ma anche fruste di alta e bassa pressione, manometri, VIS e jacket, valvole e muta stagna.

Fin dall’esordio del Nitrox, durante i primi anni 60, fu largamente accettata ed ancor più adottata la cosiddetta “regola del 40 %”, che stabiliva che miscele con percentuale di ossigeno inferiore al 40% siano utilizzabili con le  normali attrezzature subacquee usate con l’aria, senza rischio di combustione e di esplosione.  Negli anni successivi l’argomento è stato molto dibattuto, ma sia la maggioranza delle case costruttrici, e sia soprattutto grandi organizzazioni come la NOAA, la Marina degli Stati Uniti d’America e il National Institute of Safety and Health, affermano ormai da molti anni che la regola del 40% è attendibile e praticabile. Il 40% di ossigeno nella miscela Nitrox è quindi oggi comunemente accettato come limite massimo al di sotto del quale non è necessario utilizzare attrezzature specificamente progettate per utilizzo con ossigeno, salvo eventuale specifica prescrizione diversa da parte del costruttore. Al di sopra del 40% di ossigeno, qualunque ne sia la percentuale, occorre invece usare attrezzature progettate e concepite per l’utilizzo con ossigeno puro, ovvero ad un tempo ossigeno compatibili e pulite ad ossigeno.  

Passiamo adesso alle bombole.  Anche in questo caso la regola del 40% continua a valere, ma essa non risulta rispettata da tutti i metodi di ricarica di una bombola con miscela Nitrox.  Esistono infatti metodi di ricarica che, anche per una concentrazione finale inferiore al 40%, prevedono l’ingresso di ossigeno puro per una certa fase del processo di ricarica.   E’ il caso della ricarica cosiddetta “miscelazione per pressione parziale”.  

Vediamo i vari metodi usati per la miscelazione

Miscelazione per travaso
Consiste semplicemente nel travasare una miscela Nitrox già esistente da un contenitore alla bombola di destinazione.   Teoricamente è il metodo più semplice ed economico, ma è utilizzabile solo per miscele con prefissata frazione di ossigeno già disponibili, (tipicamente 32% e 36%), e non può naturalmente essere utilizzato se la bombola di destinazione non è vuota e contiene una miscela con una diversa percentuale di ossigeno.   

Miscelazione a flusso continuo 
In questa modalità ossigeno puro ed aria vengono miscelati nella giusta percentuale tramite un flussometro calibrato, all’interno di un dispositivo chiamato miscelatore Nitrox. La miscelazione viene effettuata a bassa pressione.   La miscela ottenuta nelle giuste percentuali è poi compressa e pompata nelle bombole, fino alla pressione di esercizio finale desiderata.   

Miscelazione per pressione parziale
E’ un metodo poco costoso ma il più pericoloso perché comporta la gestione e compressione di ossigeno puro. Sulla base della legge di Dalton vengono determinate le pressioni parziali di ossigeno puro ed aria, da pompare nella bombola per ottenere la miscela finale alla pressione finale.   Quindi si introduce prima l’ossigeno puro fino alla pressione calcolata, e poi l’aria, fino a raggiungere la pressione totale finale.   L’uso di questo metodo impone evidentemente sistemi ed apparecchiature compatibili per l’ossigeno, bombole incluse, qualunque sia la percentuale di ossigeno finale richiesta per la miscela Nitrox.

Sistema di miscelazione Bauer

Miscelazione con sistemi di separazione a membrana
Sono disponibili speciali membrane che riescono a trattenere parte dell’azoto dell’aria che le attraversa, e possono essere utilizzate per ottenere direttamente miscele Nitrox a bassa pressione fino ad una percentuale del 40%.  Ovviamente la miscela ottenuta può essere successivamente compressa fino alla pressione di esercizio. Utilizzando aria pre-filtrata questi sistemi non richiedono l’utilizzo di materiali ossigeno compatibili, perché in nessun elemento o stadio del sistema viene utilizzato ossigeno con percentuale superiore al 40%. Quindi, anche se vogliamo utilizzare una miscela Nitrox che contenga meno del 40% di ossigeno, potremmo avere una criticità con le bombole. Se infatti la bombola che utilizziamo viene caricata con il metodo della miscelazione per pressione parziale, essa verrà a contatto con ossigeno puro ad una pressione che dipende dalla frazione di ossigeno finale desiderata, prima che sia effettuata la miscelazione finale con aria.  

E questo impone che la bombola sia pulita ad ossigeno e ossigeno compatibile. Quindi se dobbiamo utilizzare bombole per miscele Nitrox con percentuale di ossigeno superiore al 40%, esse devono essere sempre e comunque ossigeno-compatibili e pulite ad ossigeno, mentre se e la percentuale di ossigeno è inferiore al 40%, possiamo utilizzare normali bombole per aria compressa, ma solo se siamo assolutamente sicuri che la ricarica non avverrà con il metodo della miscelazione per pressione parziale. 

Naturalmente ciò dovrà essere garantito dal centro di ricarica, che altrimenti non potrà effettuare l’operazione.

Naturalmente le bombole dovranno essere vistosamente etichettate per ricordare che contengono una miscela iperossigenata, della quale devono riportare la percentuale di ossigeno e la profondità massima di utilizzo, (MOD), che è funzione della pressione parziale di ossigeno ritenuta tollerabile (tipicamente 1,4 bar).

Luca Cicali
autore e subacqueo 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 444 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share