If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La pirateria, un male antico da combattere alle origini

Nell’articolo precedente abbiamo descritto alcune delle cause che comportano fenomeni di instabilità politica e le loro conseguenze sull’ambiente marittimo. Tra le attività illegali in mare, la pirateria è fiorita in aree caratterizzate da mancanza di controllo da parte dello stato, perpetuandosi con azioni non solo contro navi di piccolo tonnellaggio ma estese a petroliere e gasiere, facilmente catturabili da piccoli nuclei armati. Il riscatto degli equipaggi e delle navi ha consentito grandi guadagni ai pirati, sufficienti per far vivere per anni le loro famiglie e per sovvenzionare nuove attività illegali. L’area più colpita fu quella prospiciente le coste somale.

Ma chi sono i pirati? 
Nelle regioni in cui si spezzettò la Somalia dopo il suo crollo politico, si formarono dei gruppi criminali appartenenti ai signori della guerra, dediti a rapimenti a scopo di riscatto ed al traffico di esseri umani, armi e droga. Lungo la costa, i pescatori locali furono reclutati e sovvenzionati da parte di soggetti esterni non bene identificati con lo scopo di creare dei gruppi pirati. Di certo le armi in loro dotazione provenivano dal mercato nero  ed erano per lo più di costruzione sovietica. Un pò troppo per dei semplici pescatori? L’Interpol fu in grado di identificare nel tempo dei collegamenti con organizzazioni criminali internazionali. In particolare, seguendo il flusso di denaro dei riscatti, scoprirono che solo una minima parte era distribuita al clan pirata mentre il resto prendeva differenti strade. In alcuni casi era utilizzato per ottenere patenti di immunità da parte di elementi corrotti delle istituzioni somale, come per Mohamed Abdi Hassan “Afweyne” che in cambio di una non ben quantificata somma di denaro ricevette un passaporto diplomatico per ritirarsi a vita privata. Al di là di queste forme di corruzione interna, l’Interpol scoprì che una percentuale tra il 40 e il 60 percento del riscatto veniva riciclato all’estero, in particolare nel mercato immobiliare del Kenya e degli Emirati Arabi Uniti. Un grande business in ogni senso. L’Interpol ipotizzò che dietro queste attività criminali esisteva una regia che andava oltre i confini somali.

In uno stato fallito come la Somalia, la connivenza di autorità locali e clan criminali venne inizialmente giustificata con la grave crisi che il Paese stava subendo. I pirati erano considerati in Somaliland addirittura dei combattenti per la protezione del loro paese. Nel 2012, in una riunione della Shared Awareness and Deconfliction (SHADE) a Manama, Bahrein, fu riferito che un sito web somalo, il “Wardher News”, aveva rivelato che il 70% della popolazione somala sosteneva la pirateria come forma di difesa delle acque territoriali del paese. Curiosamente, il termine somalo più vicino al significato di “pirata” è badeed burcad (cioè ladro del mare), ma i pirati somali preferiscono essere chiamati badaadinta Badah o “Salvatori del mare”, sostenendo che le loro azioni hanno lo scopo di difendere la sovranità somala nelle  proprie acque territoriali.

Ma come si arrivò a questa situazione? Tutto ebbe inizio nel 1990 con il crollo del governo somalo, corrotto ed incapace di reagire alla carestia che attanagliava le province. La deriva totale delle istituzioni, assegnò gradualmente il controllo del paese ai clan locali dei “signori della guerra”. Questa situazione divenne tragica in seguito al collasso delle economie locali; gli abitanti delle zone costiere, per lo più pescatori, affamati dall’overfishing da parte delle grandi compagnie di pesca internazionali, crearono dei gruppi irregolari di “guardie costiere” per contrastare i pescherecci. Il passo verso un’attività più redditizia, la pirateria, fu breve. I clan criminali arruolarono giovani senza speranza promettendo grandi guadagni con pochi sacrifici. Tenendo conto del reddito medio somalo (meno di $ 30 al mese) un membro di un gruppo di pirati poteva così ottenere denaro sufficiente per più di un anno per tutta la famiglia.

Dopo il primo sequestro di una nave mercantile, la risposta internazionale fu immediata anche se operativamente poco efficace. Diversi gruppi navali nazionali furono inviati a protezione del proprio traffico mercantile. Le difficoltà operative nel coordinamento di gruppi navali militari di diversa nazionalità  ed i loro costi di gestione portarono ad accordi multilaterali per ottimizzare l’impiego  e ridurre le spese. Un passo importante fu la creazione di una partnership internazionale guidata dagli Stati Uniti, la CMF (Combined Maritime Forces) con sede a Al Manama, Bahrain, per promuovere la sicurezza, stabilità e prosperità nell’area dell’oceano indiano e nel golfo persico (arabico). Il CMF ebbe un successo immediato ed ancora coordina  tre gruppi navali composti da due/tre navi militari) con compiti  di polizia marittima e protezione dell traffico internazionale. Oltre al contrasto della pirateria, essi combattono il traffico illecito in alto mare (contrabbando di armi, droga e esseri umani) con l’ausilio di aerei, droni e navi. Un’interessante organizzazione con connotazioni politico militari, complessa ed innovativa nel suo genere, dove le forze aero navali sono condivise per un fine comune senza una ratifica ufficiale. Dal 2012, il CMF controlla l’area marittima del golfo arabico e tra Bab al Mandeb, il Corno d’Africa, le Seychelles e lo Stretto di Hormuz. Il loro concorso unito a quello dei gruppi navali internazionali e nazionali hanno comportato una riduzione sensibile degli attacchi. Il concetto di impiego è quello della protezione dei convogli instradati in corridoi prestabiliti. Anche se il CMF si è dimostrato uno strumento efficace, esistono ancora molti problemi relativi a questioni legali. Le leggi internazionali differiscono in modo significativo tra i vari stati partecipanti e limitano sia l’impiego delle forze sia le successive azioni giudiziarie sui pirati. Ciò ha comportato la necessità di richiedere l’assistenza di paesi terzi come il Kenya e le Seychelles per poter processare i pirati quando catturati. Purtroppo i crimini in mare sono in costante aumento in Sud America, nelle acque dell’Indonesia e della Malesia, e nell’Africa occidentale. Le dimensioni delle aree marittime sono tali che un controllo puntuale è praticamente impossibile con mezzi tradizionali.

I crimini in mare avvengono in tutti i bacini del mondo. Questa foto mostra il sequestro da parte delle motovedette e degli elicotteri della Guardia di finanza al largo di Trapani di 12 tonnellate di hashish

Attività criminali in mare sono state riportate anche nel Mediterraneo, in particolare  contro imbarcazioni da diporto. Dal 2002, oltre mille imbarcazioni sono state rubate nel sud della Francia e in Corsica, compresi 32 yacht di lusso catturati da gruppi criminali presumibilmente provenienti dall’Europa orientale. 

Stabilizzazione delle aree marittime 
La prosperità degli Stati non può esistere senza stabilità. Fenomeni come la pirateria e le attività illegali in mare (contrabbando, crimini in mare) non possono essere risolti singolarmente ma richiedono un intervento condiviso. Gli interventi possono essere di due tipi: sociali/economici e militari/di polizia internazionale. Nel primo caso devono essere identificate aree in cui la scarsità di risorse di base, come cibo o acqua, devono essere assicurate per evitare il proliferare di attività criminose. 

Non sto parlando di semplice solidarietà. Gli interventi devono consolidare i governi, ove esistenti, anche con l’uso della forza, con operazioni di Force Keeping. Per quanto costose, devono essere considerate un assicurazione per il nostro futuro. In pratica dobbiamo investire in un piano mondiale per stabilire condizioni accettabili di vita per i locali evitando che il loro disagio si trasformi in fenomeni criminali o in migrazioni incontrollabili. Nel secondo caso, bisogna capire che non potremo mai risolvere il problema con l’invio di navi e mezzi. È un onere troppo costoso che produce effetti sociali di breve durata. Una soluzione potrebbe essere quella stabilire un controllo internazionale delle rotte marittime potenziando  i sistemi di tracking del traffico con satelliti  dedicati. Un instradamento del traffico intelligente potrebbe fornire soluzioni concordate con corridoi stabiliti internazionalmente per controllare i convogli con un numero limitato di risorse.  L’instradamento nelle acque internazionali prossime alla Somalia si è dimostrato vincente e potrebbe essere replicato in tutte le aree sensibili.  Facile a dirsi  ma difficile da realizzare a causa degli interessi commerciali delle compagnie di navigazione, restie a comunicare i propri movimenti ad altri (per motivi di concorrenza di mercato). 

da LIMES

Il numero di risorse disponibili e spendibili è un fattore importante: le navi militari sono strumenti piuttosto costosi. A fronte delle elevate spese di esercizio (un pattugliatore di altura costa oltre 80000 euro al giorno) le aree geografiche pattugliate sono limitate. Le navi necessitano un continuo supporto logistico (per il rifornimento in mare e le manutenzioni) ed hanno una velocità di intervento bassa (velocità ed autonomia sono in antitesi). Si rende quindi necessario adottare mezzi di supporto innovativi che aumentino il range di intervento con bassi costi.

Alcuni moltiplicatori  di forza interessanti sono  gli  AUV/UAS (veicoli autonomi senza pilota, noti anche come droni), che possono essere impiegati sia in ruolo tattico che strategico. Nel tempo i droni potrebbero sostituire i costosi aerei da pattugliamento marittimo e supportare la fase esecutiva di intervento delle  forze speciali  con immagini dettagliare degli obbiettivi. I sistemi autonomi senza equipaggio hanno costi  inferiori,  possono controllare vaste aree e richiedono requisiti logistici minori. Non ultimo possono lavorare in sciami e in collaborazione con altri mezzi autonomi di superficie. Un interessante sviluppo è il binomio satelliti e droni che in un prossimo futuro consentirà di ottenere una sinergia sempre maggiore. Fantascienza? Non proprio. Da quest’anno (2018) dovrebbe essere messo in orbita il primo satellite della seconda generazione COSMOSKYMED, capace di restituire immagini SAR Scan di aree marittime con una definizione inferiore al metro. Questi nuovi satelliti integreranno l’attuale costellazione omonima, composta da quattro satelliti, con funzioni di monitoraggio della situazione marittima.

In sintesi, grazie al rapido sviluppo tecnologico di questi mezzi, impiegati anche nel campo civile, essi possono essere integrati nei sistemi di sorveglianza marittima, e fornire, grazie alla loro modularità, capacità di sorveglianza e scoperta a minor costo dei dispositivi tradizionali.

Conclusioni
In un mondo in rapida crescita demografica, l’oceano è ancora un attore importante per la sopravvivenza della nostra specie. La prosperità dei popoli, come sempre, dipende dalla sicurezza che sapremo mantenere lungo le rotte commerciali marittime.  A fronte di una crescente instabilità politica ed economica, fenomeni criminali come la pirateria, il contrabbando di droga ed armi e la tratta di esseri umani, aumenteranno nelle aree più depresse. Essi richiederanno il dislocamento, per lungo tempo ed in zone molto lontane, di forze navali con compiti di polizia dell’alto mare, con costi non gestibili da una singola nazione. Sebbene la cooperazione navale internazionale sia conditio sine qua non per poter sostenere uno sforzo marittimo prolungato, essa non è sufficiente a fronte della vastità degli spazi marittimi. L’uso combinato di forze navali e sistemi di supporto tecnologico, come satelliti e droni, sarà necessario per ottimizzare il controllo delle rotte.

Come sempre il mare sarà la chiave delle nostro futuro. 

Andrea Mucedola

print

(Visited 196 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share