Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nitrox, la migliore miscela metro per metro di Luca Cicali

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: na
parole chiave: didattica
.

.
Dopo aver visto vantaggi e svantaggi dell’uso delle miscele iperossigenate ed imparato ad utilizzare delle facili formulette per ricavarci la miscela più idonea, possiamo ora fare alcune considerazioni circa l’uso di quelle miscele iper ossigenate.

Considerazioni
L’efficienza del nitrox al fine di estendere il tempo di non decompressione è tanto maggiore quanto minore è la profondità e l’utilità delle miscele nitrox è maggiore nella fascia intermedia di profondità, approssimativamente tra i 18 e i 33 metri.

Superata la percentuale del 50% di ossigeno, le miscele nitrox cominciano a perdere utilità se utilizzate come miscele di fondo. Già con EAN 50 la profondità è limitata a 18 metri. A profondità inferiori anche l’aria permette NDL (no decompression limit) molto estesi, e il guadagno è limitato dai limiti imposti per la tossicità dell’ossigeno sul sistema nervoso centrale.   
.

.
Un fattore importante è che alle basse profondità, miscele nitrox con elevata frazione di ossigeno, diciamo dal 50% in su, sono le più indicate come acceleratori di decompressione, e consentono di abbreviarla in modo rilevante effettuando il cambio di miscela non appena si risale al di sopra della MOD che, come ricordate, dipende dalla miscela utilizzata.

Alle alte profondità il vantaggio del nitrox è molto limitato: a 40 metri di profondità, non volendo eccedere i 1,4 bar di PO2, la max % di ossigeno è 28 %, con il quale guadagniamo solo tre minuti di NDL.

E’ quindi  possibile stabilire quale è la “best mix” azoto-ossigeno della propria miscela respiratoria in funzione della profondità massima da raggiungere, con una regolazione “fine” metro per metro.  

In questo modo l’immersione è realmente ottimizzata, sia che lo scopo sia minimizzare il rischio di PDD, oppure aumentare la permanenza entro curva o ridurre il tempo totale di decompressione. La percentuale di ossigeno nella miscela può essere stabilita privilegiando un obiettivo piuttosto che un altro, soppesando opportunamente i pro e contro di ciascuna alternativa, e alla fine scegliendo il miglior compromesso tra vantaggi e svantaggi, (ad esempio minore profondità massima rispetto al guadagno nel tempo di non decompressione). 
.

Quindi l’utilizzo del nitrox, oltre ad una forte valenza pratica e operativa, ha un grande valore didattico, quello di farci abituare a considerare la miscela utilizzata in immersione come un elemento modificabile, adattabile, da ottimizzare rispetto alle esigenze. In poche parole, è la miscela che va adattata all’immersione, e non viceversa.  

L’uso di miscele nitrox nella fase di decompressione
Abbiamo detto che l’uso del nitrox è particolarmente vantaggioso per accelerare la fase di decompressione a seguito di un’immersione. Per questo fine occorre utilizzare una bombola dedicata di volume adeguato, dotata un proprio primo e secondo stadio di erogazione, e contenente la miscela con percentuale di ossigeno appropriata.

La miscela nitrox decompressiva viene utilizzata subito dopo che, durante la fase di risalita di una immersione, viene raggiunta la massima profondità operativa per la miscela prescelta (MOD). Questa profondità è quella alla quale la miscela selezionata è “respirabile”, in quanto la sua pressione parziale di ossigeno è inferiore al limite massimo stabilito.  

E’ a questo punto che è possibile effettuare il cosiddetto gas switch, ovvero abbandonare l’erogatore che fornisce miscela di fondo ed iniziare a respirare la miscela decompressiva ossigenata che ha una minor percentuale di azoto.  
.

Da tale istante in poi, il gradiente di inerte, ovvero la differenza tra tensione di inerte nei tessuti e pressione di inerte nella miscela respirata, aumenta improvvisamente a causa della riduzione istantanea della pressione di azoto nella miscela. Come prevede la legge esponenziale, maggiore è questo gradiente, maggiore è la velocità di desaturazione, e questo è il fattore che determina l’accelerazione della decompressione.  .

Una riduzione della pressione ambiente di inerte si potrebbe naturalmente ottenere anche in un altro modo, che tuttavia, come ben noto, non è lecito: risalire direttamente in superficie. Questa modalità porta infatti a violare il criterio del valore M associato alla profondità alla quale ci troviamo in decompressione.

Il rispetto di questa condizione assicura che l’azoto disciolto nell’organismo non riesca ad espandersi troppo, per effetto della “stretta” della pressione ambiente.  L’unico modo lecito per amplificare il gradiente è quindi lo switch su miscele a minor contenuto di azoto, con il quale viene ridotta la sola pressione di inerte senza modificare la pressione ambiente totale, e quindi non viene violato il criterio del limite M.  

Luca Cicali

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print

(Visited 733 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »