If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Miti e tradizioni del mare: Il mostro di Canvey, creatura misteriosa o un ben congegnato fake d’epoca?

livello elementare
.
ARGOMENTO: MITI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: fake news, mostro

Il Canvey Island Monster è il nome che fu dato ad una creatura apparentemente insolita la cui carcassa fu ritrovata  sulla spiaggia di Canvey Island, in Gran Bretagna, nel novembre del 1953. Una seconda carcassa, più intatta, fu in seguito scoperta nell’agosto del 1954. Intorno a questi due ritrovamenti nacque una leggenda del mare, che ipotizzava l’esistenza di un mostro marino in possesso di zampe e grandi occhi. L’esemplare del 1953 fu descritto della lunghezza di 76 cm, ricoperto da una spessa pelle bruno-rossastra, occhi sporgenti e branchie. Era anche descritto come avente zampe posteriori con un artiglio composto da … cinque dita a forma di ferro di cavallo con archi concavi – cosa che voleva suggeriva la sua capacità  di camminare sugli arti anteriori.

Sui giornali dell’epoca fu riferito che i resti furono cremati subito dopo un’ispezione superficiale da parte di zoologi che dissero che non rappresentava un pericolo per il pubblico. L’anno successivo, nel 1954, fu ritrovato dal reverendo Joseph Overs un secondo esemplare, molto più grande (120 cm) che pesava poco più di 11,3 kg. A differenza del precedente, era abbastanza fresco da poter prelevare campioni dagli occhi, dalle narici e dai denti.  All’epoca non fu fornita alcuna spiegazione ufficiale su cosa fosse e su che cosa avvenne in seguito  della sua carcassa. Si sparse subito la voce dell’esistenza di una specie di pesce mostruoso e sconosciuto marino sulle spiagge dell’isola. I biologi ipotizzarono che gli esemplari fossero un tipo sconosciuto di rana pescatrice, le cui pinne erano state scambiate per piedi, mentre altri giunsero  alla conclusione che gli esemplari fossero dei frog fish. 

Leggende o misteri del mare? 
Di fatto la leggenda del mostro nacque a seguito del libro di Frank Edwards, Stranger Than Science, pubblicato nel 1959. Frank Edwards era un giornalista radiofonico le cui trasmissioni erano regolarmente dedicate a strane storie e “fatti curiosi” … così quando iniziò a pubblicare raccolte di questi racconti insoliti,  i libri vendettero abbastanza beneI racconti di Stranger Than Science di Edwards iniziarono come articoli su FATE Magazine.  Edwards lo presentò come una piccola parte di un capitolo più ampio su uno strano incidente accaduto nel Devonshire, in Inghilterra, l’8 febbraio 1855 quando una strana linea di impronte a forma di “U” fu trovata nella neve appena caduta … una linea che si estendeva per circa 90 miglia, e zigzagava attraverso ogni città lungo la strada. L’incidente fu chiamato “L’impronta del diavolo” e lo strano evento risultò inspiegabile. Edwards dichiarò che i mostri ritrovati sulla spiaggia di Canvey Island potevano essere la risposta, notando che le creature – come le descrisse lui – avevano una forma simile a “U” ai loro piedi simile come quelle ritrovate nella neve nel Devonshire cento anni prima. Questa connessione fu ovviamente pura speculazione da parte di Edwards, ma servì a creare la leggenda dei mostri di Canvey Island.

foto originale dai giornali locali

Nel 1999, il giornalista Fortean Nicholas Warren  effettuo una ricerca sugli avvistamenti del 1953-54 ma non fu in grado di reperire alcun documento ufficiale presso il Plymouth Marine Biology Association Laboratory o la National Rivers Authority che aveva identificato la creatura come un esemplare sconosciuto, ma fu in grado di trovare testimonianze dei resoconti rilasciati dai locali che credevano che la creatura fosse una rana pescatrice che in effetti camminano su pinne simili a una gamba, hanno occhi sporgenti e possono assumere una varietà di colori tra cui il marrone rossastro. 

rana pescatrice

Questa classificazione fu in seguito confermata da Alwyne Wheeler, ex ittiologo del Dipartimento di Zoologia del British Natural History Museum, che sostenne che la creatura era una rana pescatrice le cui pinne pronunciate erano state erroneamente descritte come zampe posteriori. Ma la certezza non c’è … perché molti dubbi esistono ancora sulla foto pubblicata sui giornali. Fu forse un maldestro fake fatto da un amico del reverendo per alimentare la storia? O addirittura, fu forse proprio il reverendo a scattarla?

Agli Uomini piace fantasticare
Sicuramente la notizia di un mostro nelle fredde acque avrà attirato molto curiosi e fatto bene all’economia locale. Inoltre, quel predicatore locale Joseph Overs, che scoprì la carcassa nel 1954, era un personaggio molto particolare.

Molto legato al fotografo locale, aveva lavorato con lui per un certo periodo. Fu forse lui che scattò l’unica foto disponibile (anche se alquanto poco significante se si voleva dare l’idea di un mostro). C’era forse qualche strano tentativo di guadagnarci qualcosa sopra? Il sospetto rimane. Anche questa è una storia del mare. 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 184 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share