If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La pirateria, che fare per sconfiggerla? – parte III di Fabio Caffio

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NA
parole chiave: pirateria

team russi anti pirateria

team russi imbarcati a protezione del loro naviglio


La legge italiana per l’imbarco di team armati militari e di contractors a bordo di mercantili 

Talune compagnie private militari di sicurezza (contractors) stanno offrendo i loro servizi in funzione antipirateria. Esse non sono ben viste dall’IMO, che preferisce che la lotta alla pirateria sia affidata alle marine da guerra dei singoli Stati o nell’ambito di coalizioni a guida NATO o dell’Unione Europea (missione Atalanta). Mentre la caccia ai pirati ad opera di contractors solleva problemi giuridici di non facile soluzione, poiché solo le navi da guerra o in servizio pubblico governativo possono essere adibite allo scopo, le norme di diritto internazionale non vietano che team armati siano a bordo di navi private e respingano eventuali attacchi nell’esercizio del diritto di legittima difesa. La Francia ha adottato una legge per l’imbarco di team armati militari a bordo di pescherecci (pesca del tonno nell’Oceano Indiano). La Spagna, d’altro canto, ammette l’imbarco di contractor a bordo di mercantili.

A file picture taken on May 3, 2009 shows French soldiers guard suspected Somali pirates on board the French warship "Le Nivose", after their capture, as part of EU's Atalante anti-piracy naval mission. Attacks on the world's seas are soaring as armed and dangerous pirates become increasingly emboldened, seizing more ships than before and taking even bigger risks, an international body said on July 14, 2011. AFP PHOTO / PIERRE VERDY (Photo credit should read PIERRE VERDY/AFP/Getty Images)

A file picture taken on May 3, 2009 shows French soldiers guard suspected Somali pirates on board the French warship “Le Nivose”, after their capture, as part of EU’s Atalante anti-piracy naval mission. Attacks on the world’s seas are soaring as armed and dangerous pirates become increasingly emboldened, seizing more ships than before and taking even bigger risks, an international body said on July 14, 2011. AFP PHOTO/Photo credit Pierre Verdy  – AFP/Getty Images)

La legislazione italiana, finora molto restrittiva, si è aperta all’imbarco di personale armato a bordo di mercantili. La legge n. 130 del 2 agosto 2011 ammette la possibilità di imbarcare su navi mercantili che navigano in acque a rischio di pirateria sia team militari sia contractors. Per quanto riguarda i team militari, le cui spese sono a carico dell’armatore, il Ministro della Difesa ha tempestivamente adottato un decreto il 1° settembre 2011 e l’associazione degli amatori (Confitarma) ha concluso un Protocollo con il Ministero della Difesa l’11 ottobre 2011.  Le navi che possono imbarcare nuclei armati di protezione sono esclusivamente quelle battenti bandiera italiana. Restano fuori, ad es., navi battenti una bandiera estera, ma di proprietà in tutto o in parte di società italiane. Quindi non potranno essere imbarcati nuclei armati su navi battenti una bandiera ombra, ad es. della Liberia, di Panama o di altri piccoli Stati oceanici o dei Caraibi. Il personale militare opera secondo le direttive e le regole d’ingaggio diramate dal Ministero della Difesa e il comandante del nucleo ha la responsabilità delle operazioni volte al contrasto della pirateria. La precisazione è opportuna poiché al comandante della nave mercantile spettano compiti di polizia secondo il disposto dell’art. 1235, n. 2 CN e, in assenza di una precisazione legislativa, si sarebbe potuto creare un conflitto tra comandante della nave e comandante del team armato. L’art. 5 della L. 130/2011 conferisce al comandante del team armato ed ai membri la qualifica, rispettivamente, di ufficiale e di agente di polizia giudiziaria in relazione ai reati di pirateria, di cui agli artt. 1135 e 1136 del Codice della Navigazione (Pirateria e Nave sospetta di pirateria) e ai reati connessi ai sensi dell’art. 12 del Codice di procedura penale. L’art. 5, comma 1, è sufficientemente dettagliato, ma non fuga tutti i dubbi interpretativi, che solo la pratica potrà risolvere. Il primo problema che si pone riguarda l’uso delle armi. È escluso che i team armati a bordo delle navi mercantili possano dare la “caccia ai pirati”. È questo un compito esclusivo delle navi da guerra o delle navi in servizio di Stato, debitamente autorizzate e chiaramente contrassegnate (artt. 106 e 110 della Convenzione del diritto del mare). Qualora vi sia un attacco dei pirati il team armato potrà reagire a protezione della nave.

anti pirateria 2La causa di giustificazione, che consente di usare la forza, viene individuata, nella L. 103/2011, nella necessità di proteggere il naviglio a rischio di pirateria. Si tratta di una causa di giustificazione diversa dalla legittima difesa e mutuata, con adattamenti, dalla causa di giustificazione costituita dalla necessità delle operazioni militari di cui alla L. 197/2009 cui la L. in esame fa espresso riferimento. Il punto merita una spiegazione. Il team militare è soggetto al Codice penale militare di pace (cpmp). L’art. 4, commi 1-sexies e septies della L. 197/2009 ha aggiunto alle esimenti previste dal cpmp una nuova causa di giustificazione per legittimare la violenza bellica, costituita appunto dalla necessità delle operazioni militari, valevole per le operazioni militari all’estero. Non venendo in considerazione operazioni militari per la difesa contro la pirateria si è dovuto sostituire la dizione “necessità delle operazioni militari” con “la necessità di protezione del naviglio commerciale”. Si tratta di una causa di giustificazione piuttosto ampia, che trova un limite solo nelle direttive e regole d’ingaggio impartite dal Ministero della Difesa e il cui superamento può configurare gli estremi del reato colposo di cui all’art.4, comma 1-septies della L. 197/2009. Altri problemi potranno sorgere qualora i pirati salgano a bordo della nave mercantile e siano catturati dal team militare. team anti piratiLe questioni che vengono in considerazione sono la custodia dei prigionieri e la loro consegna ad un’autorità, che dovrà provvedere alla loro punizione. Sono tutte questioni che dovranno essere attentamente disciplinate nelle direttive impartite dal Ministero della Difesa. La L. 130 consente di imbarcare anche guardie giurate a bordo delle navi mercantili italiane battenti bandiera italiana in alternativa ai team militari quando questi non siano disponibili. Le aree in cui possono operare le guardie giurate sono quelle individuate con decreto del Ministro della Difesa, sentiti il Ministro degli Affari Esteri e quello dei Trasporti, che terranno conto dei rapporti periodici dell’IMO. In realtà si è fatta solo una timida apertura a favore dell’imbarco di team privati.

Sono previste le seguenti condizioni:
– l’imbarco può avvenire solo su navi mercantili battenti bandiera italiana;
– la nave deve aver predisposto almeno uno dei dispositivi consigliati dall’IMO e definiti nelle best management practices elaborate da tale organizzazione (ad es. barriere di filo spinato, idranti, etc.);
– le guardie giurate devono essere autorizzate ai sensi degli artt. 133 e 134 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (R.D. 18 giugno 1931, n. 773) e quindi ottenere la licenza del Ministro dell’Interno per il possesso delle ami e l’autorizzazione del Prefetto per svolgere il sevizio;
– le guardie giurate devono aver superato i corsi teorico-pratici stabiliti con decreto del Ministro dell’Interno (decreto 1 settembre 2, n. 14 di attuazione dell’art. 1 del DL 2 luglio 205, n. 144, convertito in l. 31 luglio 2005, n. 155); esse sono di preferenza scelte tra coloro che abbiano prestato servizio nelle forze armate anche come volontari, ad esclusione del servizio di leva.

anti pirateria itnPer quanto riguarda le guardie giurate non esiste una disposizione ad hoc circa l’uso delle armi analoga a quella dei team militari, modellata, con adattamenti, sulla necessità delle operazioni militari. Si dice solo che le guardie giurate possono utilizzare le armi in dotazione della nave, custodite in appositi locali e previa autorizzazione rilasciata all’armatore dal Ministero dell’Interno (art. 28 del testo unico delle Legge di pubblica sicurezza, R.D. 18 giugno 1931, n. 175). L’utilizzo delle armi può aver luogo solo “entro i limiti territoriali delle acque internazionali”. Ciò significa che i team privati non possono servirsene nel mare territoriale altrui. L’uso delle armi, da parte delle guardie giurate, trova la propria ragion d’essere nella legittima difesa, individuale e collettiva. Al comandante della nave il Codice della Navigazione attribuisce compiti di rilievo in merito al governo della comunità navale, inclusa la polizia di bordo e poteri di polizia, assumendo la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria (art. 1235, n. 2). Mentre i team militari sono soggetti alle direttive e regole d’ingaggio del Ministero Della difesa e debbono obbedire al comandante del nucleo operativo, secondo quanto disposto espressamente dall’art. 5, comma 2, niente è detto per quanto riguarda i rapporti tra comandante della nave e guardie giurate. A nostro parere queste sono sottoposte all’autorità del comandante della nave, al quale spetterà l’ultima parola in merito all’utilizzo delle armi. Ma sarebbe opportuno un chiarimento, che dovrebbe venire dall’emanando Decreto del Ministro dell’Interno (di concerto con il Ministro della Difesa e di quello delle Infrastrutture e dei Trasporti). La L. 130 non prefigura l’ipotesi di imbarcare sulle navi team misti: militari e guardie giurate. Ma data la diversa disciplina giuridica l’ipotesi, a parte ogni altra considerazione, sembra improbabile.

 

Responsabilità civile per danni al personale ingaggiato
I oSK92JT8ea3NFr0=--pirati_corno_d_africaprofili legali relativi all’impiego di scorte armate sui mercantili transitanti in zone a rischio pirateria sono stati esaminati dall’IMO nelle proprie Circolari del 2011 concernenti l’Interim Guidance e l’Interim Recommendations for Port and Coastal States.

In questi testi l’IMO affronta il [non semplice] problema della copertura assicurativa, da parte dell’armatore, dei rischi dell’attività delle scorte a bordo di proprie unità. L’IMO raccomanda che gli armatori – su cui dovrebbero ricadere responsabilità per danni derivanti dall’impiego – valutino adeguatamente la portata della copertura assicurativa per questo rischio tenendo conto del fatto che anche gli stessi appartenenti alle scorte armate sono obbligati a contrarre assicurazioni per danni alla propria persona derivanti dalla loro attività. In tale ambito è evidente che l’armatore, pur non essendo il datore di lavoro delle persone appartenenti alle scorte imbarcate (le quali dipendono invece dalla società che ha assunto l’attività di protezione del mercantili dal rischio pirateria), è responsabile del mercantile anche relativamente alla tutela della salute e della sicurezza, della sua navigabilità, dell’adozione delle best practices raccomandate dall’IMO e dei danni sofferti dal personale imbarcato durante la permanenza a bordo. In questo ambito la responsabilità civile nei confronti delle scorte assume una valenza contrattuale essendo relativa al rapporto instaurato con la società da cui dipendono le scorte. Rapporto che presuppone l’osservanza degli obblighi di diligenza nell’esercizio della navigazione la cui violazione può essere causa di danno alle scorte.  Nella convenzione stipulata tra il Ministero della Difesa e Confitarma, l’armatore è obbligato a mantenere idonee coperture assicurative per responsabilità civile verso terzi, e specificatamente per i danni al personale dei nuclei armati di protezione che dovessero derivare per colpa imputabile all’armatore o ai suoi ausiliari.

Fine parte III

 

fabio caffioAmmiraglio (ris) Fabio Caffio, 
Ufficiale della Marina Militare in congedo, esperto di diritto internazionale marittimo. Autore di numerosi scritti in materia ha pubblicato, in collaborazione con A. Leandro e N. Carnimeo, il volume Elementi di diritto e geopolitica degli spazi marittimi. Collabora attivamente con diversi Think Tanks di geopolitica e diritto marittimo.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 218 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share