If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il record del Destriero resta imbattuto dopo venticinque anni di Andrea Mucedola

Reading Time: 6 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINA MERCANTILE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: NA
parole chiave: Destriero

12-Destriero-Atlantico

Anche le navi hanno la loro vita: nascono, navigano e poi muoiono. I marinai sanno che tutte hanno una loro identità che si forma nelle tante miglia percorse in mare in simbiosi con lo spirito degli equipaggi. Un’umanizzazione che solo chi ha vissuto il mare può pienamente capire. In alcuni casi, alcune di esse hanno guadagnato record prestigiosi che ancora resistono nel tempo, nonostante le nuove tecnologie.

Destriero

Parliamo oggi del Destriero il cui record ha da poco compiuto venticinque anni. All’alba del 9 agosto 1992, questa nave, che portava il vessillo dello Yacht Club Costa Smeralda, conquistò il record di traversata atlantica, percorrendo 3.106 miglia nautiche senza rifornimento sull’Oceano Atlantico, da New York al faro di Bishop Rock nelle Isole Scilly in Inghilterra, impiegando 58 ore, 34 minuti e 50 secondi, alla media di 53,09 nodi, facendo a pezzi il precedente record del catamarano inglese Hoverspeed di 3 giorni, 7 ore e 54 minuti, ovvero con una  media di “soli” 36,96 nodi.

Cesare-Fiorio-PassionToMelbourneL’equipaggio era composto da Cesare Fiorio, responsabile ed organizzatore, un famoso pilota di motonautica italiano che era stato 2 volte Campione del Mondo e 6 volte Campione Europeo, vincendo in tutto ben 31 Gran Premi.

4-Destriero-ai-comandi-Cesare-Fiorio-e-Odoardo-Mancini

.
Il comandante del Destriero era Odoardo Mancini,  ex ufficiale della Marina Militare e successivamente capitano di armamento per l’Ansaldo e poi per Italcantieri e Fincantieri nonché dirigente della Bacini Spa, che si avvaleva di Aldo Benedetti come comandante in seconda, Sergio Simeone come primo ufficiale, Franco De Mei come operatore di telecomunicazioni, Giuseppe Carbonaro come direttore di macchina, Mario Gando e Nello Andreoli come capomacchinisti, Massimo Robino come elettricista, Silvano Federici, Cesare Quondamatteo e Carlo Chiara come motoristi e i tecnici Davide Maccario, Giacomo Petriccione, Giuseppe Valenti e Michael Hurrle.  Fa piacere ricordare questo equipaggio che è passato alla storia come la loro nave. Il Destriero, dopo venticinque anni resta la nave più veloce del mondo.

15-Arrivo-Destriero-equipaggio-con-Aga-Khan

Raccontiamo la storia di questo orgoglio della nostra cantieristica e marineria
Il Destriero venne costruito da Fincantieri tra il 1990 ed il 1991 nei cantieri di Muggiano e Riva Trigoso, in soli 270 giorni. Lo scafo è stato varato il 28 marzo 1991 presso i cantieri Fincantieri di Muggiano, La Spezia, alla presenza di rappresentanze della marineria civile e militare. La nave, costruita interamente in alluminio, aveva una lunghezza di 67,7 metri, con carena dislocante a prua e planante a poppa, su progetto dello studio navale Donald L. Blount and Associated, era equipaggiato con tre Turbine a gas General Electric LM1600 – MTU, capaci di sviluppare complessivamente 51.675 hp / 38.535 kW (continui) e collegati a tre idrogetti KaMeWa model 125 tramite riduttori Renk-Tacke.

8-Destriero-turbine.
L’autonomia a pieno carico era di oltre 3.000 miglia nautiche con una velocità a pieno carico di oltre 40 nodi e nominale (in dislocamento leggero) di oltre 60 nodi. Secondo la certificazione della società Det Norske Veritas (DNV), la struttura del Destriero consentiva una velocità massima di 65 nodi con condizioni del mare Forza 4 e fino a 30 nodi con condizioni del mare Forza 5-6 (in pratica con onde di altezza fino 5 metri).

Il tentativo di battere il record del cosiddetto Nastro Azzurro che, a partire dagli anni trenta, premiava la Hales Trophy per coloro che superasse il record di attraversamento dell’Oceano Atlantico, fu  patrocinata dal principe ismailita Karim Aga Khan con l’appoggio di Gianni Agnelli e dall’IRI di Franco Nobili. La Hales Trophy, era stata istituita nel 1932 dall’armatore e uomo politico inglese Harold Keates Hales, come un vero e proprio trofeo conferito alla nave  passeggeri di qualsiasi tipologia purché commerciale che attraversi nel minor tempo  l’oceano.

hoverspeed great britaign

Ci furono polemiche sulla validità del record in quanto il destriero non era una nave commerciale ma di un privato. Ma vi erano dei precedenti.  Nel 1990 era stato messo in discussione anche il record del catamarano Hoverspeed Great Britain che aveva ridotto di due ore il primato di attraversata conquistato nel 1952 dal transatlantico di linea SS United States.

L’impresa del Destriero richiamava quella del famoso transatlantico italiano Rex che 60 anni prima aveva vinto il Nastro Azzurro, riportando l’Italia ai vertici della marineria internazionale.

260px-REX_1

Vale la pena di ricordarlo. Il Rex  fu progettato dall’ingegnere navale Achille Piazzai. La sua costruzione iniziò il 27 aprile 1930 ed  il 1 agosto 1931, fu varata alla presenza del re Vittorio Emanuele III con la regina Elena che ne fu la madrina. Il 22 settembre del 1932 il Rex fu consegnato alla compagnia Italia Flotte Riunite, nata dalla fusione delle flotte delle società Navigazione Generale Italiana, Lloyd Sabaudo e Cosulich. Destinato alla rotta atlantica, il Rex conquistò il Nastro Azzurro nell’agosto 1933 con una velocità media di traversata di 28,92 nodi, strappando il record precedentemente detenuto dal transatlantico tedesco Europa, il gemello del Bremen. Il tentativo di record iniziò il  10 agosto del 1933, quando il Rex salpò da Genova alla volta di New York,  con il comandante Francesco Tarabotto. La nave percorse le 3181 miglia da Gibilterra dal faro di Ambrose in 4 giorni, 13 ore e 58 minuti. Il record fu battuto nel 1935 dal transatlantico francese Normandie  durante il suo viaggio inaugurale. Durante la guerra il Rex fu trasferito a Trieste, dove sostò con equipaggio ridotto per molto tempo. La nave, già depredata dai tedeschi che ne avevano asportato il ricco corredo, era uscita in mare ma si era incagliata a circa 300 metri dalla riva. L’8 settembre delle 1944, tra Isola d’Istria e Capodistria, a circa 300 metri dalla costa, fu avvistata da 6 ricognitori Beaufighter della Royal Air Force che la attaccarono senza pietà pur sapendo che si trattava di una nave passeggeri. Gli aerei la bombardarono per tre volte e il gigante del mare bruciò per quattro giorni prima di affondare. Sembrerebbe che solo una sua elica giaccia ancora sotto la sabbia. Il resto fu asportato e fuso dagli jugoslavi dopo la guerra.

Che fine  ha fatto il Destriero?

littoral ship

Littoral Coastal ship della USN

Dopo il record si sparse la voce di una sua possibile traversata dell’Oceano Pacifico e di un ancor più improbabile giro intorno al mondo. Rimasero solo progetti. Sembrerebbe che dopo un lungo periodo di sosta nei cantieri di Pisa, la nave era stata abbandonata per tutti nella base navale di Devonport  nei pressi di Plymouth, Regno Unito, Nel 2009 fu poi trasferita  su di un mezzo navale speciale a Brema, Germania, presso i cantieri Lurssen Yachts. leader mondiali nella costruzione e personalizzazione di super yacht ma anche di mezzi navali speciali e militari. Il suo stato attuale non è conosciuto. A questo punto ci si può domandare a che pro vengono realizzate queste navi super veloci, dai costi proibitivi e spesso appannaggio di solo grandi magnati. La risposta è molto semplice: per la ricerca e sviluppo di nuovi mezzi. Nel caso specifico la realizzazione del Destriero fece da battistrada per i futuri traghetti veloci commerciali tra cui la serie MDV 1200, MDV 2000 e MDV 3000 e ispirò lo sviluppo della carena nella proposta Lockheed Martin Team per il ancora discusso programma della Marina degli Stati Uniti denominato LCS – Littoral Combat Ship. L’investimento e la ricerca, oltre a mantenere forze lavoro pregiate, possono dare frutti insperati, anche quando, in origine, sono mirati alla realizzazioni di mezzi apparentemente idonei solo ad attività specifiche e settoriali. Voglio sperare che la nostra cantieristica navale, famosa in tutto il mondo, sia messa in grado di poter continuare a sviluppare sempre nuovi mezzi, restando un’eccellenza mondiale nel settore della nautica.

Andrea Mucedola

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.
PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.495 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share