Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Miti e tradizioni del mare: Harvey ed il mostro

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: OCEANO ATLANTICO 
parole chiave: animali curiosi
.

Il passaggio dell’uragano Harvey nel suo passaggio non ha lasciato solo distruzione  ma anche animali marini  e fluviali come i lamantini. La forza distruttiva del ciclone tropicale ha sconvolto i litorali,   distruggendo ecosistemi e creando enormi disagi alle persone, ma anche agli animali. In Texas,  a Houston, anche un manzo, abbandonato dai proprietari in una fuga precipitosa è rimasto bloccato dal fango. Per  fortuna un’intera comunità si è organizzata per aiutarlo.  La stessa cosa è avvenuta in Florida, dove alcune persone si sono attrezzate con teloni e assi improvvisati, per salvare due lamantini strappati dalle acque di un creek e lasciati in un mare di fango. La loro morte sarebbe state certa senza l’impegno di quei volontari.

preeti desaiMa le spiagge hanno lasciato anche altre sorprese. La settimana scorsa, Preeti Desai della National Audobon Society, si era recata a Galveston, Texas  per fare una valutazione dell’impatto dell’uragano Harvey sugli uccelli locali ed il loro habitat.  Non si sarebbe mai immaginata di trovarsi di fronte quella strana anguilla dotata di grandi zanne e, apparentemente, senza occhi,  che ricorda la forma di una lampreda, ma non era presente negli atlanti biologici disponibili nelle librerie.

On first glance it looked like something from the deep sea to me “ ha riferito ai giornalisti Desai. “My initial thought was it might be a sea lamprey but when I got close I realized there was no way that was what it was, particularly based on the mouth. We squished it around a bit, and even turned it over but couldn’t come up with any other ideas.”

desai msg twitter Cosi Desai ha deciso di chiedere aiuto su Twitter, scatenando una serie di ipotesi sulla natura dello strano animale. Inizialmente  i biologi marini hanno cercando di mettere insieme qualche idea, ma nessuna delle identificazioni proposte poteva essere avvalorata. Sicuramente non si trattava di una murena in quanto, dalle foto di Desai, l’animale non possiede pinne pettorali visibili. Quindi di cosa si tratta? Gli esperti sono propensi ad un esemplare appartenente alla famiglia degli Ophichthidae, una specie di anguilla. Gli Ophichthidae sono una famiglia di pesci nell’ordine degli Anguilliformi, comunemente noti come le anguille serpenti (snake eel). Il termine “Ophichthidae” deriva dal greco  ophis  (“serpente”) e ichthys (“pesce”). Queste anguille sono anche chiamate anguille scavatrici per il fatto che sono speso nascoste sotto il fango.  Hanno corpi lunghi e cilindrici a forma di serpente e vivono in tutto il mondo,  in acque tropicali e temperate, in differenti habitat, dalle coste costiere e perfino dai fiumi, fino a profondità di oltre 800 m.

mostro 3

mostro 1

La maggior parte delle Ophichthidae vivono nascoste nel fango o nella sabbia per catturare la loro preda di crostacei e piccoli pesci. Le dimensioni di questi pesci variano da 5 cm a 3 metri di lunghezza. Molte specie non dispongono di pinne essendosi evoluti  migliorando la loro capacità di penetrare nel sedimento come i vermi. Sono spesso maculati o a strisce, rassomigliando ai serpenti marini velenosi, con lo scopo di scoraggiare i predatori

OPHICHTHIDAE - Brachysomophis crocodilinus

OPHICHTHIDAE – Brachysomophis crocodilinus

Il dottor Kenneth Tighe, biologo con il Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian, sospetta che si tratti di un Atelophos chauliodus, nota anche come l’anguilla con le zanne, della famiglia degli Ophichthidae. Questa anguilla fu descritta per la prima volta da James Erwin Böhlke nel 1956. Abita ad un intervallo di profondità tra i 30 ed i 90 metri  sia in acque marine che negli estuari salmastri tropicali. Vive in  tane su una base permanente o semi permanente, lasciando  esposti solo gli occhi e il muso. I maschi possono raggiungere una lunghezza totale massima di 84 cm.  La sua dieta è costituita da pesci ossei e crostacei.

congridae

Congridae

Un’altra teoria è che potrebbe appartenere alla famiglia dei Congridae  a cui appartengono anche i Gronghi. Nel caso lo scienziato ritiene possa essere un Bathyuroconger vicinus,  una Anguilla di alto fondale presente nell’Atlantico e nel Pacifico  che vive in tane scavate in fondali sabbiosi   ad una profondità tra i  900-1000 metri (fattore che lo escluderebbe  tra i candidati in quanto anche una potenza distruttiva come quella di Harvey non lo avrebbe potuto strappare da sotto il sedimento a quella profondità) o un altro tipo di grongo, lo   Xenomystax congroide, non molto conosciuto. Comunque, ogni teoria è valida. Sebbene tutte e tre queste specie vivano al largo del Texas e presentino caratteristiche similari, compresi grossi denti simili a zanne, le conoscenze biologiche su questi pesci sono ancora troppo limitate. Tra l’altro, un elemento identificativo importante sarebbe stata  la punta della coda, che differenzia gli Ophichthidae  dai Congridae, e che nelle foto non si evince. Quanto agli occhi, apparentemente assenti, in questi animali sono normalmente molto piccoli e sono probabilmente scomparsi a causa della essiccazione della creatura sulla spiaggia.

Harvey ci ha certamente regalato un nuovo mistero del mare che sicuramente farà discutere gli scienziati.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 331 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »