Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il relitto più antico conosciuto al mondo ha oltre 4000 anni … Dokos, Mar Egeo

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
..
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: 2700-2200 AVANTI CRISTO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: pirateria

 

L’isola di Dokos si trova nel mar Egeo, circa 60 miglia ad est di Sparta, Peloponneso. Tra le tante testimonianze di frequentazioni antiche le sue acque ospitano i resti di un naufragio considerato il più antico conosciuto  che risale al secondo periodo Proto-elladico ovvero oltre 4.000 anni fa. Un periodo che si inquadra nell’età del bronzo, nell’Elladico II,  durante il quale l’economia delle comunità era basata principalmente sulle prime attività di agricoltura del Neolitico. Fu in quel periodo che si impose l’uso del bronzo e del rame ed incominciarono i primi contatti tra le popolazioni.

dokos(2)Importanti siti, risalenti a quel periodo, sono stati ritrovati  sulle sponde egee della terraferma in Beozia e in Argolide (Manika, Lerna, Pefkakia, Tebes, Tiryns) e sulle isole costiere di Aegina (Kolonna) e Eubea  (Lefkandi). Una caratteristica comune era la fabbricazione di ceramiche che mostrano forti influenze stilistiche dell’Anatolia occidentale e, cosa importante, erano già realizzate alla ruota del vasaio. peter_bassI resti del naufragio ritrovato da Peter Throckmorton si trovano nel mar Egeo a circa venti metri di profondità, nei pressi dell’isola di Dokos (il cui antico nome era Aperopia). Della struttura della nave resta ovviamente solo il carico essendo le parti in legno ormai perdute; come vedremo i suoi resti consistono in un copioso carico di centinaia di vasi di argilla e di altri oggetti in ceramica.

Raccontiamo la storia della sua scoperta
Era il 23 agosto 1975 quando il ricercatore statunitense Peter Throckmorton (1928-1990) scoprì per caso i resti di quell’antico naufragio.  Sebbene in quegli anni si stavano sperimentando un pò dappertutto nuove tecniche nel campo della ricerca archeologica sottomarina, Peter passò alla storia per averle di fatto realizzate per primo.

Tutto iniziò nel 1959 quando si recò al Museo dell’Università di Pennsylvania annunciando di aver ritrovato i resti di un antico naufragio a Capo Gelidonya, Turchia. Throckmorton propose di iniziarne lo scavo sott’acqua impiegando le stesse metodologie impiegate dagli archeologi a terra. Va premesso che non era un archeologo professionista ma un fotoreporter che aveva passato due estati nell’Egeo ad osservare i pescatori di spugna di Bodrum. Per curiosità e passione aveva frequentato dei corsi di archeologia ed uno scavo a terra e fu affascinato dall’idea di organizzare uno scavo subacqueo subacqueo.


Al museo trovò un archeologo, George Bass che fu subito attratto dalla proposta e la sponsorizzò nel suo Ateneo. Un connubio che si dimostrò vincente. Bass fu nominato direttore dello scavo e Throckmorton fu incaricato dell’organizzazione della squadra di ricerca, due figure che sarebbero diventate un riferimento nella storia della archeologia subacquea. Nel 1973, Bass fondò l’Istituto di Archeologia nautica (INA) che, tra le sue tante scoperte annoverò la datazione dell’Odissea di Omero, la stesura delle cronologie delle dinastie egiziane e la determinazione delle caratteristiche delle varie culture elladiche.

dokos 1Dopo lo scavo di Capo Gelidonya, Throckmorton viaggiò in molti Paesi per diffondere e migliorare le sue tecniche di archeologia subacquea. Si recò anche in Israele, in Italia e poi nuovamente in Grecia.

DOKOS
La scoperta del relitto di Dokos avvenne il 23 agosto 1975, ad una profondità tra i 15 ed i 30 metri. Throckmorton, durante un’immersione, ritrovò sul fondo diversi vasi in ceramica. Con il supporto delle Sovrintendenze elleniche, nel 1975 e nel 1977, effettuò due campagne di ricerca che portarono ad una datazione più accurata del sito; incredibilmente, dall’analisi dei reperti il relitto risultò databile nel periodo iniziale dell’Elladico II, ovvero tra il 2.700 ed il 2.200/2.100 a.C.. Un ritrovamento eccezionale che fa del relitto di Dokos uno dei relitti più antichi mai rinvenuti.

Vi sono molti libri che raccontano il ruolo pionieristico di Throckmorton nell’archeologia navale, dal “Shipwrecks and Archeology” (1970) ai numerosi articoli apparsi nel tempo su National Geographic. Come affermò Sebastiano Tusa, “gli esemplari scavi dei relitti di Capo Gelidonya, di Ulu Burun e di Dokos offrono una tale messe di dati al riguardo che hanno rivoluzionato quanto si sapeva dei commerci mediterranei nella seconda metà del II millennio a.C.”.
.

La nascita degli scavi moderni
T
orniamo al relitto di Dokos. Dopo la sua scoperta accidentale, nel periodo dal 1989 al 1992 il sito fu estesamente scavato dall’archeologo George Papathanasopoulos, presidente dell’Istituto Ellenico di Archeologia marina (HIMA).

i trasduttori usati dallo SHARPS

A causa dell’irregolarità del fondo marino, fu utilizzato un nuovo sistema di ricerca e mappatura acustico, chiamato Sonic High Accuracy Ranging e Positioning (SHARPS) con lo scopo di individuare i reperti archeologici sul fondo. Questo strumento era stato sviluppato alla fine degli anni ’80 da Marty Wilcox, un fisico americano che aveva usato la sua esperienza nel settore medico per sviluppare uno scanner acustico di altissima qualità da impiegare in mare. Lo SHARPS, sebbene fosse piuttosto complesso da impiegare, a causa della gestione dei cavi che rimorchiavano i trasponder dalla barca appoggio, era in grado di produrre immagini acustiche straordinarie per l’epoca, con una accuratezza centimetrica degli oggetti posti sul fondo marino. Furono condotte indagini accurate sul relitto e fu così confermata la datazione degli artefatti risalenti ad oltre quattro mila anni fa. 

I reperti di Dokos
Secondo l’Istituto Ellenico di Archeologia marina, la presenza di ceramica della Cicladi nel relitto di Dokos lo fa risalire al 2.200 avanti Cristo, facendone il più antico sito di naufragio mai scoperto. Durante lo scavo del 1989-1992, il sito produsse oltre 15.000 manufatti in ceramica che furono sollevati dal fondo del mare e trasportati fino al Museo Spetses per essere studiati e conservati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archeosub-856x1024.jpg

Venne stabilito che gli oltre cinquecento vasi di argilla provenivano da un antico stabilimento di produzione in Argolide,  destinati al commercio con i piccoli villaggi costieri attorno al Golfo di Argos e al Mar di Myrtoan.

Il sito di fatto offre una delle più grandi collezioni di ceramiche del primo Elladico conosciuto. Per dare un idea della eccezionalità della scoperta, si scoprì che la tecnologia con cui questa ceramica era stata realizzata in un’era antecedente all’invenzione della ruota del vasaio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dokos-vase-976x1024.jpg

Il vasellame ritrovato comprende centinaia di pezzi in ceramica tra cui tazze, stoviglie e urne. C’erano anche una varietà di recipienti per salse in molteplici forme e dimensioni dei tipi più comuni trovati nella Grecia meridionale e centrale di quel periodo. In particolare, queste salsiere risultarono molto simili a quelle prodotte ad Askitario in Attica, e paragonabili a quelle di Lerna e delle Cicladi. Ciò dimostra che il naufragio avvenne lungo una rotta marittima dall’Eubea meridionale verso Saron e l’Argolide.

Furono anche  ritrovate molte anfore, così come vasi a grana larga, bracieri, vassoi da forno, askoi, pithoi, lingotti in piombo ed utensili di uso comune. Per quanto riguarda la dotazione nautica furono trovati, a quaranta metri dal relitto, alcuni ancoraggi in pietra, consistenti in due grandi massi con fori forati, probabilmente abbandonati prima che la nave affondasse. In antichità era infatti prassi comune, quando le navi erano prese dalle tempeste, tagliare le cime di ancoraggio e lasciare le ancore sul fondo.  

Un ritrovamento che fece storia sia per le prime tecniche subacquee utilizzate, che per la grande quantità dei materiali ritrovati che fanno comprendere come, oltre quattro millenni fa, il Mediterraneo era già un crocevia marittimo.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 1.539 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »