If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Allarme dallo Scripps Institute sui livelli di CO2 in atmosfera

ciminier fiamme

ogni emissione in atmosfera è una spina nel fianco del pianeta

La CO2 in atmosfera sta aumentando.
Lo Scripps Institute, il celebre Istituto Oceanografico di San Diego, California (USA), ha recentemente comunicato che il nostro pianeta ha superato la soglia di emissione del CO2 (con un valore di 400 ppm) superando il livello precedente di sicurezza delle concentrazione di anidride carbonica (CO2) precedente di 350 ppm (parti per milione). La valutazione è stata effettuta confrontando i livelli registrati nel mese di settembre 2016, un mese in cui storicamente il livello di anidride carbonica nell’atmosfera è solitamente nel valore minimo.

Ralph Keeling, lo scienziato che gestisce il programma di monitoraggio del CO2 dell’Istituto Scripps per l’Oceanografia, alla domanda se fosse possibile che il valore monitorato nell’ottobre 2016 potesse avere un valore mensile inferiore a quello di settembre, scendendo sotto quella soglia, ha risposto che tale aspettativa è praticamente impossibile, aggiungendo che negli ultimi due decenni sono stati registrati solo quattro anni (2002, 2008, 2009 e 2012) in cui il valore mensile per ottobre fu inferiore a settembre. Ma in quegli anni la diminuzione, nel periodo da settembre a ottobre, è stata al massimo di 0,45 ppm, un valore che non sembra sufficiente per consentire ai valori di scendere al di sotto dei 400 ppm. Il valore del CO2 in atmosfera continua a crescere in maniera stabile.

co2_data_mlo

Lo Scripps Institution of Oceanography è uno dei maggiori e più antichi centri per la ricerca scientifica della terra e dell’oceano del mondo. Centinaia di ricercatori dell’oceano e della terra conducono ricerche scientifiche con l’ausilio di navi da ricerca oceanografiche e laboratori shorebased. Recentemente ha pubblicato un pounto di situazione sull’emissioni di CO2 in atmosfera annunciando che e’ stato registrato il superamento del limite dei 400 ppm. L’immagine, basata sulle misurazioni effettuate all’osservatorio di Mauna Loa, mostra la crescita costante di tale percentuale dal 1960.

In realtà non sembra che sia la prima volta che le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica nel pianeta superino la soglia dei 400 ppm. Era già stato registrata alla stazione di Manua Loa, Hawaii, nel 2013 e nel 2015. La preoccupazione è il gradiente di crescita medio di questo gas.  Al sito Lifegate, Gavin Schmidt, climatologo  della NASA, ha confermato questa tendenza: “Al meglio (in questo scenario) si potrebbe sperare in un equilibrio nel prossimo futuro  … i livelli di CO2 probabilmente non cambierebbero molto ma inizierebbero a scendere in un decennio”. Lo speriamo tutti anche se dai dati dello Scripps e del NOOA la situazione sembra essere senza speranza.

scripps

Scripps si avvale di diverse stazioni di monitoraggio nel mondo

Il problema è non quanto ma in quanto tempo
Molti studi e ricerche sul clima si basano sui carotaggi effettuati sul ghiaccio artico. Ciò consente di scoprire come i livelli di CO2 siano cambiati nelle epoche geologiche e, quindi, di sviluppare nuovi modelli climatici al fine di prevedere scenari futuri. Come abbiamo visto in altri articoli su www.ocean4future.org, i livelli di CO2 sono stati nelle erre geologiche elevati, in particolare da 15 a 20 milioni di anni fa, quando le condizioni climatiche e biologiche della Terra erano molto diverse e la specie umana non era ancora comparsa sul pianeta. La ciclicità del clima è quindi un dato di fatto e spesso legata alla variazione dei livelli di anidride carbonica in atmosfera. Un fattore preoccupante è invece il rate di crescita del valore di CO2.  Dall’analisi dell’andamento di questo valore, si è potuto verificare che, in passato, c’erano voluti migliaia di anni per arrivare a soglie come quelle attuali,  a fronte  dell’impennata che ci ha portato a superare la soglia dei 400 ppm solo negli ultimi 150 anni ovvero dall’era industriale.

co2 ere geologiche

variazioni del livello percentuale dell’anidride carbonica in atmosfera negli ultimi 400 mila anni (source NASA). Notare il picco corrispondente all’era industriale, iniziato intorno al 1800.

Anche l’Organizzazione Mondiale Meteorologica (WMO) ha confermato che la CO2 ha superato la soglia di 400 ppm per la prima volta nel 2015. “L’anno 2015 ha inaugurato una nuova era di ottimismo e azione climatica con l’accordo di cambiamento climatico di Parigi“, aveva riferito il Segretario generale del WNO Petteri Taalas. “Ma farà anche la storia come una nuova era della realtà del cambiamento climatico, con elevate concentrazioni di gas ad effetto serra. L’evento El Niño è scomparso. Il cambiamento climatico no“. Taalas era stato forse troppo ottimista? Non aveva immaginato l’effetto Trump sulle politiche ambientali internazionali? “L’energia mondiale è ad un punto di svolta” esultava il noto giornale Bloomberg il 16 dicembre scorso. “L’energia solare, per la prima volta, sta diventando la forma più economica della nuova elettricità”. Nello stesso periodo, l’analisi del costo medio dei nuovi impianti eolici e solari, in ben 58 dei mercati emergenti (inclusi giganti come la Cina, l’India ed il Brasile) era di 1,65 milioni di dollari/MW per il solare e 1,66 per l’eolico. Dovremmo esultare per questo trend postivo ma, di fatto, la decisione di Trump di tornare ai fossili, sebbene non così influente nel bilancio energetico globale, potrebbe causare un ulteriore aggravio della situazione.

innalzamento del CO2

andamento mensile dell’anidride carbonica in atmosfera negli ultimi sei anni. La crescita, anche se minore rispetto all’ultimo decennio, appare costante, rispettando i cicli stagionali. Siamo oltre la sosta dei 400 ppm, esiste la possibilita’ di invertire in qualche modo questo gradiente?

Alternanze climatiche e rischi per la nostra specie.
Facciamo un passo indietro. L’anidride carbonica (CO2) rappresenta circa il 65% dei fattori che influenzano l’aumento dell’effetto serra a lungo termine. Nell’era pre-industriale il livello di CO2 era attestato a 278 ppm, e rappresentava il valore di equilibrio tra l’atmosfera, gli oceani e la biosfera. Ed un ulteriore riscaldamento è possibile  dato che esiste un ritardo tra le emissioni di CO2 e il calore in più che ogni sua molecola intrappolerà nel corso del tempo, avvolgendo il pianeta in quella coperta sempre più spessa che ci circonda. E’ anche a causa di questo cambiamento atmosferico che gli scienziati ritengono che il mondo sia entrato, nel bene e nel male, in una nuova era geologica, l’Antropocene.

co2 post industriaLe attività umane, attraverso la combustione dei combustibili fossili, hanno di fatto provocato delle variazioni di tale equilibrio naturale e nel 2015 i livelli medi sono stati del 144 per cento maggiori di quelli misurati dall’inizio dell’epoca preindustriale (ca. 1800).

Ovviamente non si può incriminare solo l’anidride carbonica per il surriscaldamento globale. Esistono altri gas che, quando rilasciati in atmosfera, possono essere concause del fenomeno del riscaldamento atmosferico. Ad esempio il metano (CH4) che rappresenta il secondo gas ad effetto serra con effetti a lungo termine, pari al 17 per cento dei cosidetti forzamenti radiali. Il 60 per cento di tale importo proviene da attività commerciali umane come l’allevamento del bestiame, dall’agricoltura e dalla bruciatura delle biomasse. Questo aumento può essere considerato un fattore catalizzante degli effetti dei cambiamenti climatici naturali.

sea level postt industrial age

la crescita delle temperature ha causato l’innalzamento costante del livello del mare

Uno dei fattori eclatanti, oltre all’aumento della temperatura, è la crescita costante del livello delle acque dei mari a causa dello scioglimento dei ghiacciai. Si possono fare molte speculazioni ma, di fatto, la maggior parte dei ricercatori concorda che la concentrazione di CO2 non potrà tornare al di sotto della soglia di 400 ppm nei prossimi decenni, che risulta il valore piu elevato negli ultimi 23 milioni di anni.

cambiamenti-climatici-desertificazione
Ma non ci sono solo problemi fisici e meteorologici
Il cambiamento climatico del pianeta è inevitabile ed incontrollabile. Esso comporterà situazioni geopolitiche sempre più complesse caratterizzate, soprattutto nei paesi del terzo mondo, da crolli delle già deboli economie locali dovute alla desertificazione o violente alluvioni, migrazioni di massa derivanti da conseguenti cambiamenti del regime alimentare. L’impossibilità di nutrirsi spingerà verso aree con maggiore disponibilità … e ciò che vediamo è solo la punta dell’iceberg se pensiamo che storicamente qualche anno di precipitazioni scarse, con conseguenti carestie, fece crollare nell’antichità grandi imperi in Mesopotamia e migrazioni verso il Mediterraneo e l’Europa di molti popoli.

La migrazione non è solo un fenomeno sociale ma anche naturale. Questo terzo millennio sarà significativo per la sopravvivenza della nostra specie.

oceandiverAndrea Mucedola
Direttore Ocean4future
analista sicurezza marittima

print

(Visited 98 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share