If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Scienziati in fondo al mare di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA SCIENTIFICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SCIENZE APPLICATE
parole chiave: scientific diving, archeologia, oceanografia, biologia marina

campi-scuola-archeologia-subacquea

ricercatori subacquei per l’archeologia – photo credit Ivan Rullo

La tipica giornata di un ricercatore si divide tra il lavoro al computer e gli esperimenti nel laboratorio. Per alcuni di questi ricercatori il laboratorio è però un luogo particolare e lavorarvi non richiede di indossare un camice ma muta ed attrezzatura subacquea. Non importa che siano oceanografi, archeologi, biologi o geologi … essi sono i “scientific divers”, i ricercatori subacquei scientifici.

Henri_Milne_Edwards_Pirou_BNF_Gallica

Henri Milne Edwards (1800-1885)

I primi ricercatori
L’origine della subacquea scientifica è molto più antica di quanto si possa pensare. Nella primavera del 1844 Henri Milne Edwards, un naturalista, fu tra i primi ad utilizzare un rudimentale apparato per esplorare e studiare i fondali della Sicilia. Il sistema era costituito da un largo elmetto aperto al fondo e collegato alla superficie con un tubo di gomma attraverso il quale l’aria veniva pompata usando un compressore a mano. La profondità era estremamente limitata ed il ricercatore poteva solo camminare sul fondale attento a mantenere una posizione eretta per evitare la fuoriuscita dell’aria dal fondo dell’elmetto. Nonostante queste limitazioni Edwards fu il primo biologo marino a descrivere le biocenosi del litorale marino. Col passare del tempo le apparecchiature subacquee sono progressivamente migliorate ma fu con l’avvento dei sistemi scuba che si osservò una diffusione dell’attività di immersione scientifica. Ció fu possibile grazie alla riduzione nei costi dei materiali dei palombari e, soprattutto, al fatto che il subacqueo fu finalmente libero di muoversi senza vincoli con la superficie.

Oggigiorno, ogni anno, vengono effettuate migliaia di immersioni scientifiche supportando ricerche nei più svariati campi delle sciene marine. Geologia, biologia, archeologia, medicina sono solo alcuni dei settori che traggono giovamento dalla possibilità per i ricercatori di lavorare sott’acqua.

scientific diver caramanna

un ricercatore mentre usa una sonda multi-parametrica per il monitoraggio della colonna d’acqua – foto archivio Caramanna

Una delle organizzazioni più attive nell’ambito della ricerca scientifica subacquea è l’Accademia Americana di Scienze Subacquee (American Academy of Underwater Sciences  AAUS). Fondata nel 1977 negli Stati Uniti d’America è l’ente di riferimento per tutti quei ricercatori che usano l’immersione come strumento di indagine. La AAUS ha sviluppato un insieme di regole e procedure che garantisce la sicurezza delle immersioni e la qualità del lavoro di raccolta dati. Tra i membri della AAUS vi sono università, enti di ricerca, musei e compagnie private; tutti accumunati dalla necessità di lavorare sott’acqua come parte della loro attività di ricerca. La figura professionale del ricercatore scientifico subacqueo è chiaramente definita e differenziata da quella di altri professionisti quali istruttori di immersione ed operatori tecnici subacquei (commercial divers). Corsi di formazione sono in genere forniti da università ed enti di ricerca per gli studenti ed i dipendenti. La comunità scientifica subacquea statunitense vanta un invidiabile record di sicurezza con un numero di incidenti dieci volte più basso di quello delle immersioni ricreative a prova della validità delle procedure adottate e del rigore nell’applicazione delle norme di sicurezza.

scientificdiving3

Uso di traccianti per lo studio dei flussi idraulici – foto archivio Caramanna

In Europa, nel 2007, si è formalizzato l’European Scientific Diving Commitee che nel 2009 è diventato parte del Marine Board della European Science Fundation e rinominato European Scientific Diving Panel (ESDP). Lo scopo dell’ESDP è di promuovere iniziative scientifiche pan-europee che utilizzino l’immersione scientifica come strumento di ricerca. Una serie di standard sono stati sviluppati per garantire qualità e sicurezza degli operatori scientifici subacquei.  Ad oggi 31 stati hanno formalmente aderito all’ESDP favorendo la libera circolazione dei ricercatori e partecipando a missioni congiunte di ricerca. Negli ultimi anni ESDP e AAUS stanno lavorando insieme per creare un reciproco riconoscimento dei propri membri così da facilitare collaborazioni tra America ed Europa nell’ambito della ricerca scientifica subacquea.

In Italia nel 2010 si è costituita l’Associazione Italiana Operatori Scientifici Subacquei (AIOSS) che ha un suo rappresentante presso lo ESDP. La AIOSS raggruppa un ampio numero di professionalità che utilizzano l’immersione come strumento di ricerca. Attestati di subacqueo scientifico Europeo vengono rilasciati in conformità con gli standard della ESDP e sono validi per cinque anni. Tra i membri della AIOSS vi sono università, enti di ricerca ed organizzazioni private.

scientific diver caramanna2

Campionamento di acqua da un’emissione geotermica sommersa – foto archivio Caramanna

Scegliere di fare del mare il proprio laboratorio è oggi possibile grazie al lavoro e alle esperienze di chi ci ha preceduto. Le potenzialità di indagine sono limitate solo dalla fantasia e dalla capacità del ricercatore. Quello che è importante sottolineare è che l’immersione è solo uno strumento, e non il fine, per l’attività di ricerca scientifica subacquea e che quindi una solida formazione tecnico-scientifica è fondamentale per avere scienziati sul fondo del mare.

 

caramannaDr. Giorgio Caramanna
GeoAqua Consulting

La missione di GeoAqua è di sostenere la ricerca ambientale e la consapevolezza nel campo della geologia, dell’idrologia e delle scienze naturali attraverso l’uso di immersioni scientifiche.
The mission of GeoAqua is to support environmental research and awareness in the field of geology, hydrology and the natural sciences through the use of scientific diving .

per contatti  link 
info@geoaquaconsulting.com

N.d.R 
In Italia è possibile frequentare un corso formativo per diventare Ricercatori Subacquei Scientifici presso l’International School Scientific Diving (ISDD – AIOSS). Il corso viene svolto ogni anno, di massima nel mese di settembre, con la partecipazione di docenti provenienti da diverse discipline che uniscono alla teoria esercitazioni pratiche a terra e sott’acqua. Per maggiori informazioni seguite il seguente link.

29-corso-issd-2016-tavolara-113a

foto scattata durante il corso ISSD 2016, Tavolara, Sardegna photo credit andrea mucedola

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

print
(Visited 273 times, 1 visits today)
Share

Nessun commento ancora

1 Ping/Trackback

  1. Scienziati in fondo al mare – Il subacqueo on 23/05/2017 at 15:23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share