If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La flotta statunitense nell’Era di Trump, programmi e sviluppi

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: na
parole chiave: Stati Uniti, politica degli armamenti
.

US NAVY _at_sea

US NAVY riding  the future

Donald Trump ha promesso in campagna elettorale che sarà lui a guidare la più grande marina del mondo, consolidando una flotta di 350 navi. Il piano, se approvato ripristinerà  i livelli  operativi della US Navy del 1998, con la creazione di decine di migliaia di nuovi posti di lavoro nella Navy ma anche nei cantieri che dovrebbero godere di una nuova spinta commerciale.

Uno scenario internazionale inquietante
Dal punto di vista della politica internazionale, Trump ha più volte dichiarato che la Cina e la Corea del Nord mantengono un comportamento pericoloso e aggressivo creando gravi situazioni di instabilità.

L’avversario storico, la Russia, dopo un periodo di latenza ha recentemente sfidato apertamente la politica statunitense inviando le sue navi negli oceani e battendo sul traguardo l’America di Obama in Siria. Poi abbiamo l’Iran con il suo programma nucleare e le reti terroristiche globali che costituiscono minacce alla stabilità internazionale, talvolta con commistioni con le organizzazioni criminali.

La visione militare di Trump è di rivedere la struttura delle Forze Armate americane cercando di coinvolgere sempre di più gli Alleati (ma questa non è un novità, essendo già stato richiesto in passato anche dai suoi predecessori) che, secondo il presidente statunitense dovrebbero investire di più per la sicurezza globale (almeno il 2% del PIL). Secondo Trump, la Marina statunitense, per far fronte alle nuove minacce, dovrà dotarsi di una flotta molto più grande dell’attuale (che ha un tetto programmatico di 308 navi) per arrivare fino a 350 unità. Quindi investire in navi moderne, con tecnologie allo stato dell’arte ed adatte per il mantenimento della pace a livello mondiale, dando nel contempo un forte segnale di risveglio all’industria bellica.

uss-chosin

USS Chosin, classe Ticonderoga, incrociatori con alte capacità di comando e controllo, armate con sistemi missilistici avanzati per la difesa antiaerea e antimissile inclusi sistemi ESSM di ultima generazione (la sigla significa Sea Sparrow evoluti)

Nuovi e vecchi programmi
Tra i programmi il finanziamento per la modernizzazione di un numero significativo di incrociatori classe Ticonderoga che l’amministrazione Obama aveva messo da parte per anni, aspettando il raggiungimento di una non chiara maggiore maturità dello stato dell’arte.  Tale programma, che interessa ventidue incrociatori, è stata definita da Trump “il fondamento della nostra capacità di difesa missilistica in Europa, Asia e Medio Oriente”. Ovviamente tutto questo ha un costo importante; l’aggiornamento di ogni nave con il  più recente sistema Aegis Ballistic Missile Defense costerebbe circa 220 milioni di dollari. In realtà, sotto la Presidenza  di Obama, undici incrociatori erano stati già ammodernati  e di altri quattro era previsto l’ammodernamento graduale con un rapporto di due navi all’anno, ma questo potenziale fu considerato non sufficiente dagli ammiragli. Nel suo programma Trump ha inoltre annunciato che metterà in acquisizione nuovi incrociatori per completare il suo schieramento. Sembrerebbe anche che la US Navy abbia avviato i contratti per costruire due nuovi cacciatorpediniere all’anno, presso i cantieri Ingalls Shipbuilding, Mississippi, e di Bath Iron Works nel Maine.

Un ambizioso programma che richiederà l’autorizzazione del Congresso per lo sfondamento degli attuali tetti di spesa stabiliti fino al 2023. In particolare, il piano di Trump prevede anche un piano per investire significativamente in nuovi sottomarini nucleari, iniziando un programma di costruzione di tre sottomarini d’attacco classe Virginia all’anno. Per quanto concerne cacciatorpedinieri si tratterebbe di altre unità della classe Arleigh Burke. Questo porterà una boccata di ossigeno per i cantieri navali e indubbi vantaggi per le navi da guerra esistenti che potranno finalmente accedere alle manutenzioni  necessarie, differite negli ultimi anni da Obama a causa dei tagli di bilancio.

Questo richiederà una collaborazione significativa con la lobby industriale della Difesa che è stata messa a dura prova da anni di tagli significativi alla cantieristica e delle riparazioni navali da parte di Obama. L’espansione della US Navy entro il 2030  è  un’idea che piace sia all’attuale amministrazione, che sta cercando di portare la flotta a 350 navi, sia ai conservatori che da sempre hanno sostenuto l’idea di una flotta molto più grande per assicurare gli interessi americani negli oceani.  Sebbene la pianificazione degli armamenti navali richiede molto di più di accordi fra le lobby, il potere contrattuale del nuovo Presidente ha portato l’establishment a rivalutare gli investimenti nel settore navale.

Si stima che la nuova generazione di sottomarini missili balistici possa avere un costo di almeno 5 miliardi di dollari per ogni scafo. Questi sommergibili hanno un significato strategico importante che si era assopito nei primi anni del terzo millennio  a causa di una valutazione forse fin troppo ottimistica della minaccia esterna, considerata di minor impatto rispetto agli anni della Guerra Fredda,  che aveva comportato un rallentamento delle costruzioni.

USS Freedom (LCS 1)

Il littoral combat ship USS Freedom (LCS 1) durante le prove in mare lungo la costa della California. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 1st Class James R. Evans/Released)

Altro punto interessante emerso è la riapertura del progetto delle Littoral Combat Ship (LCS), unità militari di superficie con compiti multiruolo, realizzate sul concetto operativo della modularità. Il progetto iniziale intendeva costruire, nell’arco di un trentennio, settanta di queste unità ma, contro le più rosee aspettative, l’aumento dei costi Sali a più di tre volte degli iniziali 220 milioni di dollari. Emersero inoltre  altri problemi tecnici ed il requisito fu infine ridotto dall’ammiraglio Mullen a 55 unità.

La caratteristica principale del progetto è la modularità dei sistemi che prevede l’installazione di “pacchetti di missione” precostituiti a seconda delle esigenze, limitando quindi i costi di ogni unità e i suoi ingombri a bordo. Con tale sistema una LCS può di volta in volta assumere missioni di sminamento, dragaggio, lotta ASW, ASUW, AAW e di tiro contro costa in base ai sistemi impiegati a bordo. Queste unità dovrebbero imbarcare un equipaggio ridotto, ritagliato a seconda della missione, da un minimo di 40 ad un massimo di 75 tra ufficiali e marinai. Questo è, a mio avviso, un punto debole sulla loro effettiva capacità.

Non basta la tecnologia per poter svolgere missioni complesse … ci vogliono uomini altamente addestrati nelle componenti specialistiche, fattore non sempre risolto nell’ambito della US Navy.  

Il progetto, nel 2004, venne assegnato a due consorzi guidati rispettivamente da Lockheed Martin (con la partecipazione di Fincantieri e Marinette Marine) e dalla General Dynamics comprendente tra gli altri Northrop Grumman, per la realizzazione di due prototipi con diverse caratteristiche, la LCS-1 USS Freedom e la LCS-2 USS Independence.

.
Come accennato i costi andarono oltre due volte e mezzo quanto previsto, causando un rallentamento del progetto. La volontà del neo Presidente è interessante. Le sue dichiarazioni di protezionismo dell’industria nazionale statunitense potrebbero tagliar fuori Fincantieri a fronte di costi forse maggiori per i progetti in corso. D’altro lato Trump può contare come Segretario alla Difesa sul generale Mattis, uomo di grande esperienza sia nel campo operativo che nella politica degli armamenti. Ma anche un Uomo integro, che non scende a compromessi. 

600px-Iowa_16_inch_Gun.svg

i mitici cannoni da 16 inch

La USN potrebbe anche accelerare la produzione di dodici nuove portaerei centro il 2030. Per quanto concerne il personale Trump mira ad aumentare il fattore umano dagli attuali 330.000 marinai a più di 380.000. Una politica innovativa che si scontra con quella reganiana del riutilizzo di vecchie unità, ammodernate, voluta per raggiungere l’obbiettivo previsto dal progetto  600-ships. Ricorderete tutti le corazzate della classe Iowa della Seconda Guerra Mondiale, rimodernate non senza molte polemiche ed impiegate anche nella guerra del Golfo.

BB61_USS_Iowa_BB61_broadside_USNLa classe subì vari aggiornamenti tecnici, sia nell’armamento che nell’elettronica, passando dalle apparecchiature analogiche della seconda guerra mondiale a data link digitali con vari stadi di perfezionamento dei radar di scoperta e di tiro, ai sistemi di comunicazione satellitare ed alle rampe di lancio dei missili Tomahawk (32) in versione navale. Inoltre furono imbarcati 16 sistemi missilistici antinave Harpoon a corredo dei possenti nove cannoni da 406/50 mm. e i 12 da 127/38mm. Le navi furono dotate di una piazzola di atterraggio per un elicottero di grandi dimensioni a poppa estrema dietro la torre poppiera da 406/50mm.

In sintesi, la politica navale trumpiana si scontra con le politiche degli ultimi Presidenti statunitensi, risultate sempre molto “land centric” ed attendiste. La componente navale fu tralasciata se non abbandonata, non considerando che le navi, per loro natura, devono essere costantemente manutenute e gli equipaggi addestrati al fine di mantenerne l’efficenza bellica. In questo Trump sembra, per il momento, avere idee più chiare.

Commento
Il programma di sviluppo della US Navy è certamente da considerarsi un importante passo per gli Stati Uniti per raggiungere una credibilità marittima globale maggiore. La sua fattibilità dal punto di vista economico è però discutibile a meno di importanti tagli alle attività di presenza o ai contributi nelle Alleanze. Di fatto Trump conta sull’autorizzazione del Senato che non è però scontata. Tutto andrà di pari passo, come da manuale, con la politica estera che Trump vorrà portare avanti, sia con gli alleati che con i partner orientali. Attualmente quasi i due terzi della flotta americana si trova nel Pacifico e la necessità di ritagliare i giusti assetti navali forzerà le scelte strategiche nelle nuove costruzioni.  La Quinta flotta permane nell’Oceano Indiano e nel Golfo, altra area in rapida evoluzione in cui la US Navy supporta le operazioni in Afghanistan e mantiene una deterrenza con l’Iran.

Sembra che la Terza Flotta della USN manderà più navi in Asia orientale per operare al di fuori del normale teatro a fianco della Settima Flotta, di base in Giappone, una mossa che arriva in un momento di accresciute tensioni con la Cina per i noti problemi nel mar cinese meridionale. La Cina rivendica la maggior parte del Mar Cinese Meridionale (nine dash line) giustificati dagli oltre 5 miliardi di dollari di merci che ogni anno passano in quelle aree.

Spratly-claims

le isole contese, Spartly islands claims

Le Filippine, Vietnam, Malaysia, Taiwan e Brunei hanno richieste similari che hanno trovato giustificazione internazionale, e vedono ovviamente negli Stati Uniti un alleato importante. Inutile dire che la Cina vede in queste manovre statunitensi nel Mar Cinese Meridionale una provocazione alla loro presunta giurisdizione, creando di fatto un impatto distruttivo sulla pace e la stabilità regionale non ultimi gli interessi dei Paesi della regione. Un altro fattore di destabilizzazione importante è la Corea del Nord. Pyongyang  ha portato a termine un nuovo test missilistico, lanciando un razzo che ha viaggiato per circa 500 chilometri prima di cadere nel mar del Giappone. Si tratta probabilmente di un missile a medio raggio della classe Musudan; di fatto è il primo test missilistico di Pyongyang da quando Donald Trump è arrivato alla Casa Bianca.

_88837990_north_korea_missile_ranges2_map624new

i missili della Corea del Nord possono essere equipaggiati con testate nucleari. Il Taepodong 2 ha una portata di 8000 chilometri, ovvero può colpire parte dell’Europa e del continente americano. – fonte Marshall Institute

Il lancio è stato visto come la prima mossa di Pyongyang per misurare la risposta dell’amministrazione di Donald Trump. L’evento ha preoccupato non poco gli USA, il Giappone e, naturalmente, la Corea del Sud che hanno chiesto la convocazione d’urgenza del Consiglio di Sicurezza dell’ONU per trattare le ”contromisure” in risposta ad una violazione degli obblighi fissati dalle risoluzioni varate in passato in risposta ai lanci balistici e ai test nucleari nordcoreani. Anche per Pechino questi test balistici della Corea del Nord “violano le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza Onu” ma invita tutte le parti coinvolte ad “esercitare moderazione” ed a “evitare provocazioni reciproche” al fine di tutelare pace e stabilità nella penisola coreana. Insomma una gatta da pelare non da poco che richiederà una presenza importante della US Navy in quell’area.

La Marina statunitense deve quindi rivalutare oculatamente il suo impegno in termini di investimenti per ottenere una flotta adeguata alle esigenze strategiche dei prossimi anni, che potrebbero essere ancora più complesse con l’entrata in gioco di un nuovo attore nell’area, l’India.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 406 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Fernando Cerutti Fernando Cerutti
    14/02/2017    

    Credo che attualmente la situazioni in Estremo Oriente sia particolarmente fluida. Le Filippine, tradizionalmente entro l’area di influenza americana, hanno dato segni di instabilità (resta da vedere se fosse contro l’Amministrazione Obama o contro gli USA) e c’è l’ipotesi che is orienti pro-Russia. Il Vietnam attualmente è basato su tecnologia, addestramento ed educazione russi, ma dal punto di vista tecnologico ha aperto un po’ ad occidente (Francia e Olanda -da verificare-) e forse la recente visita di Obama potrebbe sortire qualcosa; è però uno stato molto chiuso (p.es. i componenti delle FFAA non si possono recare il licenza all’estero). L’Indonesia, a parte qualche instabilità interna, sembra abbastanza nella sfera di influenza Australiana. Singapore, diciamo che è occidentale, e si sta dotando di un apparato difesa moderno… ma dubito che abbia una grande sostenibilità logistica: credo che abbia bisogno di legami internazionali forti. Della Cina si sa: sta attuando una politica di espansione a piccoli passi, cercando di non dare troppo nell’occhio, ma nel Mare Cinese Meridionale si è un po’ ‘sbilanciata”. Rimangono come alleati solidi il Giappone e la Corea del Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share