If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il rossetto proibito di Maria De Filippo

pescaLe misure di gestione introdotte con il “Regolamento Mediterraneo” (CE) 1967/2006 hanno l’obiettivo di assicurare lo sfruttamento sostenibile delle risorse biologiche nel Mar Mediterraneo, la limitazione dell’attività di pesca, la protezione della biodiversità, lo sviluppo dell’acquacoltura e l’attuazione del codice di condotta della FAO per i settori di pesca responsabili. Eppure nel nostro Paese, l’applicazione di queste norme ha creato situazioni di conflitto tra i portatori d’interesse. Oggetto di controversia sono i divieti contenuti in tale regolamento, imposti dalla Comunità europea e recepiti dalla legislazione nazionale, che se hanno il giusto fine di proteggere, conservare e risanare le risorse alieutiche e l’ambiente, sono spesso accusati dalle associazioni ed organizzazioni di categoria di non tenere conto delle peculiarità regionali e dell’importanza economica della pesca artigianale per molte comunità marittime, che vedono ridotti i loro introiti in un mercato già in crisi.

aphia-minuta

rossetto (Aphia minuta)

Uno dei casi è la pesca tradizionale del rossetto (Aphia minuta), un piccolo pesce della famiglia dei Gobiidae.  Il rossetto è una specie costiera di acque libere, presente in tutti i mari italiani fino a circa 80 m di profondità; ha una colorazione rosata trasparente, i cui esemplari adulti, lunghi appena 60 mm, conservano caratteristiche larvali a causa del breve ciclo vitale associato alla veloce maturazione delle gonadi. Il suo corpo, allungato e compresso lateralmente, è coperto di scaglie cicloidi molto caduche, assenti dalla nuca alla prima pinna dorsale. Presenta dimorfismo sessuale: i maschi hanno una testa più grossa, con la regione golare più gonfia, denti diseguali, peduncolo caudale più alto e pinne più sviluppate. Durante la maturità sessuale gli individui acquisiscono abitudini bentoniche e muoiono subito dopo il periodo riproduttivo, che può variare in base all’area geografica, concentrandosi nei mesi estivi in Adriatico, e in primavera ed autunno nel Mar Ligure. L’ Aphia minuta è un predatore gregario molto attivo: i banchi  numerosi si muovono in continua ricerca di alimento vivo seguendo le correnti che trasportano le grandi masse di plancton. La pesca del rossetto rappresenta quindi un’attività significativa dal punto di vista socio-economico e un’importante risorsa durante i mesi invernali nell’ambito della pesca artigianale nel Mar Ligure, nel Tirreno, in Adriatico, in Sicilia e in Sardegna.

by Roxelo's

pesca del rossetto con sciabica da natante, photo Roxelo

La cattura di questa specie, che avviene tramite la “sciabica a maglia fine”, è vietata ai sensi del succitato regolamento comunitario, entrato in vigore in Italia il 1° giugno 2010, che introduce misure tecniche per migliorare la selettività degli attrezzi da pesca, limitandone la dimensione delle maglie a 40 millimetri, al fine di salvaguardare il novellame di sardine (Sardina pilchardus) e acciughe (Engraulis encrasicolus), commercializzato con il nome di bianchetto, per il quale è usato proprio quel metodo di pesca.

cicerello

Cicerello (Gymnammodites cicerelus)

In virtù di ciò, alcune regioni tra cui la Liguria e la Toscana (zona GSA 9), per ottenere l’autorizzazione alla pesca del rossetto e del cicerello (Gymnammodites cicerelus), si sono avvalse di norme che concedono deroghe alle regole generali sull’uso degli attrezzi da pesca e la distanza minima dalla costa, come disposto dal Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2015. Il permesso ottenuto alla pesca di tali specie adulte vale solo rispettando rigide condizioni per un ristretto numero di unità, comprese in uno specifico elenco allegato al decreto ministeriale, che possono avvalersi della tipologia di pesca con la sciabica da natante e la rete a circuizione senza chiusura, svolgendo tale attività entro la distanza di tre miglia dalla costa. L’approvazione del nuovo Piano di gestione per la pesca in Toscana e Liguria autorizza la cattura del Rossetto in queste aree fino al 2018, creando secondo alcuni un’evidente disparità di trattamento tra le regioni. In quelle in cui i Piani di gestione non sono stati ancora approvati, i pescatori che fanno uso della sciabica, se sorpresi a pescare dalle motovedette della Guardia Costiera, subiscono il sequestro delle reti e onerose sanzioni.

sequestro-sciabiche-guardia-costiera

sequestro di sciabiche operato dalla guardia costiera

Tale sistema di pesca utilizzato, la sciabica, il cui nome proviene dall’arabo šabaka (rete), è tra gli attrezzi di uso più antico, la cui diffusione nel bacino del Mediterraneo è avvenuta proprio grazie ai flussi culturali di scambio con i Paesi arabi. Si tratta di un sistema da traino semi-pelagico formato da due lunghi lati di rete che confluiscono in un piccolo sacco a maglie molto fitte (1-2 mm) dove avviene la cattura. Le sciabiche si differenziano principalmente in base alla specie bersaglio e si distinguono in sciabica da spiaggia e da natante a seconda che queste operazioni vengano condotte rispettivamente da terra o dalla barca.  Le caratteristiche di armamento variano molto da marineria a marineria e da regione a regione, assumendo denominazioni differenti.

sciabica-da-natante-ferretti-et-al-2002

sciabica da natante, Ferretti et alii, 2002

Le “rossettare”,  in uso nelle marinerie liguri, sono sciabiche di dimensioni molto contenute con cui si pratica una pesca mirata e selettiva; vengono utilizzate su piccole imbarcazioni da equipaggi spesso composti da due persone che cercano i rossetti su fondi molli mediante l’uso dell’ecoscandaglio e che ritirano le reti ancora a mano con barca ferma. Un altro sistema del tutto analogo di pesca manuale legato alla tradizione nel Sud Italia per la cattura del rossetto, così come del bianchetto e del cicerello prevede l’uso di reti a circuizione senza chiusura chiamati localmente “tartarone” , “pulica”, “fonticella” .

retevenereQuesto tipo di pesca così profondamente radicato nella cultura delle nostre comunità costiere rischia di scomparire a causa dell’impatto che gli stessi attrezzi potrebbero avere se utilizzati sui giovanili di specie ittiche a rischio, come le acciughe. Questa specie ricade tra quelle per cui si registra un considerevole impoverimento a livello globale a causa del sovra sfruttamento in quanto la mortalità di pesca è ben al di sopra di quella sostenibile con gli attuali livelli di biomassa. Sebbene le disposizioni comunitarie siano ampiamente condivisibili per i loro principi generali cautelativi di tutela e conservazione della biodiversità marina, queste si pongono distanti e cieche rispetto alle realtà dei singoli bacini andando spesso a colpire gli operatori della pesca artigianale, che sono già l’anello debole dell’intero settore. La razionalizzazione del prelievo ittico deve avere l’obiettivo di raggiungere un equilibrio fra l’attività di pesca e le risorse marine, mantenendo vive antiche tecniche di pesca che fanno parte della storia e della cultura del Mediterraneo.

Maria De Filippo

mariafoto
Maria De Filippo ha una laurea specialistica in Scienze delle risorse faunistiche-ambientali, master in Biologia marina con specializzazione nello studio dell’avifauna marina, per la cui conservazione ha partecipato a diversi progetti di ricerca nelle isole del Mediterraneo. Maria ha una grande passione per la vela e per il mare e vive in Sicilia dove si occupa di progetti di educazione ambientale e di ecoturismo.

Per contattarla mariadefilippo@ymail.com

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

 

 

 

print
(Visited 255 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share