If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Tesori scomparsi – Nuestra Senora de Atocha di Andrea Mucedola

livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO, ACQUE DELLA FLORIDA
parole chiave: galeoni, tesori, Mel Fisher

 

DSC_0142
nuestra-senora-de-atocha

Il mare nasconde ma non ruba
Gli oceani nascondono ancora molti segreti e tesori. Da oltre duemila anni le navi hanno sfidato tempeste e l’ignoto per portare le loro merci da una parte all’altra del mondo conosciuto. Il leggendario oro delle miniere del re Salomone ed i rossi rubini cambogiani degli imperatori cinesi scomparvero a causa di terribili tempeste nelle profonde acque dei mari e giacciono nei freddi abissi in attesa che qualcuno li recuperi. Il mito e la leggenda a volte si trasformano in realtà. Studiando le antiche rotte ed i documenti di carico dei convogli, i treasure hunter hanno dimostrato che a volte le leggende si trasformano in realtà. In ogni caso i loro sogni si trasformano in avventura. e oggi parleremo dell’avventura più strabiliante di questi ultimi anni, la ricerca della Nuestra Señora de Atocha, uno dei galeoni più famosi della flotta spagnola scomparso nelle acque della Florida.

Tutto iniziò quando i ricercatori, scavando negli archivi spagnoli tra gli antichi manifesti di carico delle navi mercantili, trovarono il resoconto di un galeone che naufragò nel 1622 con un favoloso carico di oro, argento e pietre preziose al largo della Florida.  Per una sfortunata serie di contrattempi la N.S. de Atocha si era stata trattenuta a Veracruz prima di incontrarsi a Cuba con altre navi di ritorno in Spagna.

4093495_orig

 

A causa dei numerosi ritardi, il convoglio, composto da 28 navi, riuscì a partire solo il  4 settembre 1622 con ben sei settimane di ritardo sulla data prevista. Il 6 settembre, ancora al largo della costa orientale-meridionale della Florida, la Nuestra Senora de Atocha venne sospinta da una tempesta sulla barriera corallina in una posizione stimata a circa 56 km ad ovest di Key West. Con lo scafo seriamente danneggiato, la nave affondò rapidamente su un fondale di circa venti metri, facendo perire quasi tutti i passeggeri e l’equipaggio ad eccezione di pochissimi marinai. Nulla valsero gli immediati soccorsi per il recupero delle preziose merci perché un secondo uragano sparpagliò i resti della nave su una area ancora più vasta. Nei dieci anni successivi, nonostante i molti sforzi,  fu recuperato solo parte del carico.

Questo naufragio causò un danno economico enorme alla Spagna che si era indebitata per poter reperire tutte quelle merci preziose. Passarono tre secoli, precisamente nel luglio del 1985, un cacciatore di tesori americano, Mel Fisher, dopo anni di ricerche negli archivi seguiti da costose ricerche in mare riuscì a ritrovare il relitto con il suo strabiliante tesoro di oro, argento e smeraldi.

Ma a chi apparteneva il tesoro?
Anche se la giurisdizione americana conceda ampia libertà ai ricercatori, non fu facile per Fisher godere i frutti della sua scoperta. Solo dopo una lunga serie di vicende giudiziarie, in merito alla legittimità e titolarità del relitto, la Suprema Corte statunitense si pronunciò a suo favore. Le ricerche in mare non si fermarono nemmeno dopo la sua morte. La fondazione da lui creata per sovvenzionare le ricerche, la Treasure Mel Fischer, continua a raccogliere fondi per inseguire questi sogni che possono diventare ancora una volta realtà.

Sogni o realtà?
L’impresa sembra possa funzionare visto che nel giugno 2011 è stato ritrovato un anello con smeraldo del valore di 500.000 dollari. La caccia continua e la fondazione cerca soci.

nuestar-senora-de-atocha

Questa croce con 65 carati di smeraldi colombiani fu ritrovata in una scatola d’argento.

Esistono ancora tesori da scoprire e su quali rotte?
Tra le rotte più importanti dell’antichità forse la più famosa fu la rotta caraibica per la Spagna, frequentata sin dal XVI secolo fino al 1800. E’ stato calcolato che più di dodici miliardi di dollari di merci preziose furono traghettate tra le due sponde dell’Atlantico. Di queste circa il 5% fu perduto a causa degli uragani e degli incidenti in mare. I ritrovamenti più o meno fortuiti hanno restituito preziosi per 240 milioni per cui si stima che gran parte di questi tesori siano ancora celati nelle profondità degli abissi.  Un’altra rotta famosa, fu quella tra il Perù e la Spagna che si ritiene nasconda almeno 5 milioni di dollari di preziosi. Che dire poi delle rotte occidentali dei galeoni tra il Messico e le Filippine?  

Attraversando l’Oceano Pacifico alla volta di Manila, si sa che le compagnie di navigazione persero oltre cinquanta milioni di dollari di oro e pietre preziose di cui 30 milioni non sono ancora stati recuperati. Altre rotte dell’antichità, che potrebbero rilasciare gradite sorprese, sono l’antica rotta delle spezie, tra l’Europa ed il Medio Oriente, quella australiana tra Melbourne e l’Inghilterra (che passava attraverso il tempestoso stretto di Magellano) e la rotta dell’oro della California che congiungeva San Francisco a New York attraverso il canale di Panama. Lungo queste rotte, le mille insidie dovute a secche e barriere coralline, uragani e tempeste contribuirono ad arricchire il fondo del mare di tesori immensi. Giacciono sotto le sabbie ma, a volte, dopo i violenti uragani, rilasciano sulle spiagge frammenti della loro storia. In Florida, spesso si ritrovano pezzi da otto tra le sabbie, oboli di tragedie ormai dimenticate  … ma non da tutti.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

foto del tesoro dell’Atocha – Museo di Mel Fischer – Key West – foto andrea mucedola 

DSC_0160  
DSC_0167  
DSC_0151  
DSC_0112  

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

   

print

(Visited 741 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share