If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La medicina subacquea, un bagaglio di conoscenze essenziale per tutti i subacquei

livello elementare
.
ARGOMENTO: MEDICINA SUBACQUEA

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: na
parole chiave: medicina subacquea, fisiopatologia

 

Camera-iperbarica

una moderna camera di decompressione in un centro medico specializzato

Per i subacquei alle prime armi lo studio della “medicina subacquea” consiste nell’insieme delle nozioni di base che vengono insegnate nei primi corsi di immersione ricreativa. In seguito, con l’esperienza, si comprende che c’è molto di più da sapere. Le nozioni nei corsi avanzati diventano sempre più complesse ed il buon senso porta ad approfondire la fisiologia dell’immersione con l’aiuto dei “tecnici del suono” ovvero con medici specializzati nel ramo della medicina subacquea e iperbarica.

Per fortuna in Italia ne abbiamo di bravissimi, sia in campo civile che militare, riconosciuti internazionalmente per i loro studi e ricerche. 

sub

download

La DAN Diver Alert Network è un’organizzazione no-profit di sicurezza dell’immersione. La missione di DAN è quella di aiutare i subacquei che hanno bisogno di assistenza medica di emergenza e promuovere la sicurezza subacquea attraverso la ricerca, l’istruzione, prodotti e servizi.

Questa branca della medicina si occupa della diagnosi, trattamento e prevenzione delle condizioni patologiche causate dall’interazione tra l’ambiente subacqueo ed il subacqueo, dovute agli effetti sul corpo umano della respirazione di gas in ambiente iperbarico. Inoltre vengono esaminate le procedure per il trattamento degli infortuni in mare e la sicurezza dei subacquei a fronte della loro idoneità fisica. Ogni anno numerosi corsi di medicina subacquea sono offerti a medici ed altri professionisti del settore per approfondire i problemi legati all’immersione. Di solito i corsi sono sponsorizzati da organizzazioni che mantengono elevati standard di qualità educativa; tra i più conosciuti l’Undersea and Hyperbaric Medical Society (UHMS), i Divers Alert Network (DAN), l’American Academy of Underwater Sciences (AAU) ed il South Pacific Undersea Medical Society (SPUMS).

In campo nazionale (Italia) va menzionata SIMSISocietà Italiana Medicina Subacquea ed Iperbarica – un’associazione non a scopo di lucro nata nel 1977 per promuovere l’acquisizione e lo scambio dei dati scientifici nel campo delle attività subacquee e delle applicazioni dell’iperbarismo attraverso ricerche, pubblicazioni e incon­tri. La SIMSI è riconosciuta, a livello internazionale, tra le più attive società scientifiche impegnate nella ricerca sulle modificazioni fisiopatologiche dell’Uomo sott’acqua e sugli effetti dell’ossigeno iperba­rico sull’organismo, sia in condizioni normali che patologiche. La maggioranza dei soci SIMSI è costituita da medici specialisti in Medicina del Nuoto e delle Atti­vità Subacquee e in Anestesia e Rianimazione, nonché da ricercatori e studiosi interessati allo svi­luppo delle conoscenze sia nel settore subacqueo sia in quello iperbarico. I medici della SIMSI gestiscono gran parte dei centri iperbarici presenti sul territorio nazionale e offrono assistenza e consulenza in termini di prevenzione, sicurezza, cura e gestione delle emergenze nell’ambito della Medicina Subacquea ed Iperbarica.

Gli scopi e le finalità dell’Associazione sono contenute nello Statuto Associativo che comprende an­che i principi di comportamento ai quali gli Associati debbono attenersi. SIMSI è presente su tutto il territorio nazionale attraverso Rappresentanti Regionali e Gruppi di Studio.

Non ultimo va menzionato l’Ufficio Studi di Medicina Iperbarica del COMANDO SUBACQUEI INCURSORI (COMSUBIN) che effettua da sempre ricerche e formazione per militari e civili operanti nel settore.  Il contributo pluriennale alla subacquea e la disponibilità dei medici del COMSUBIN hanno permesso di aprire nuovi canali di ricerca nel campo civile per le immersioni profonde, con contatti anche a livello internazionale.

COMSUBIN
Recentemente il COMSUBIN ha siglato un accordo con la moderna Università degli Studi dell’Insubria per favorire la ricerca e la didattica nel campo della Fisiopatologia subacquea, la branca specialistica più rappresentativa della medicina militare marittima, nella quale il COMSUBIN da oltre 80 anni è impegnato, in particolare, in attività di ricerca e sperimentazione sulla fisiologia della immersione umana.

160216 AGR_1883

Il momento della firma ufficiale dell’accordo avvenuto il 16 febbraio 2016. La firma di questa convenzione ha visto il comandante del COMSUBIN contrammiraglio Paolo Pezzutti (a sinistra) , ed il magnifico rettore, prof. Alberto Coen Porisini (al centro), riconoscere reciprocamente il valore delle proprie capacità sperimentali e didattiche nell’ambito di questa branca specialistica della medicina.

Visto il crescente interesse per il settore della Medicina Iperbarica e Subacquea, per un numero sempre più ampio di patologie, l’accordo servirà a sviluppare collaborazioni per studi su progetti specifici e a creare percorsi di alta formazione relativi alla Medicina Subacquea e Iperbarica. L’esecuzione delle attività è affidata, per l’Università degli Studi dell’Insubria, al professor Cesare Beghi, e per il COMSUBIN all’attuale Direttore del Servizio Sanitario, il Capitano di Fregata Medico Giovanni Ruffino.

Medicina Iperbarica
La Medicina Iperbarica è un settore specialistico della scienza medica che si sovrappone alla Medicina subacquea e si occupa in particolare dello studio della somministrazione di ossigeno iperbarico (HBO) come trattamento medico.

imagesCome abbiamo appreso nei corsi di immersione, il trattamento iperbarico è impiegato per curare la malattia da decompressione (MDD) e l’embolia gassosa attraverso la respirazione di ossigeno al 100% in una camera sigillata sotto pressione. Questa concentrazione di ossigeno in percentuale cinque volte superiore rispetto alla normale aria (21%) aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e la capacità del sangue di trasportare ossigeno ai tessuti del corpo.

Il trattamento ad ossigeno iperbarico viene ssvolto in camere di trattamento chiamate “camere di decompressione” per numerose cause:
– Embolia
– Avvelenamento da monossido di carbonio
– Mionecrosi clostridiale (gangrena gassosa)
– Avvelenamento da cianuro
– Malattia da decompressione
– Infezioni necrotizzanti dei tessuti molli
– Osteomielite (refrattaria)
– Osteoradionecrosi e altri tipi di lesioni da radiazioni
– Trattamento delle ferite
– Ustioni

Medicina subacquea
camera iperbarica 1Partendo dal presupposto che la maggior parte dei subacquei dovrebbero possedere delle nozioni di medicina subacquea, la materia è comunque complessa. Tutti i subacquei dovrebbero avere un’infarinatura dei fattori che possono mettere  a rischio la loro salute in ambiente iperbarico. Per la loro sicurezza è consigliabile l’effettuazione di una visita annuale di controllo,  in particolare per coloro che intendono fare immersioni decompressive. Quanto sopra è ancora più importante per i subacquei più anziani (di età superiore a 45 anni) ed ai professionisti.

Oltre ai controlli periodici, tutti gli specialisti del mondo della subacquea (OTS, gli operatori militari e delle forze di polizia ed i tecnici subacquei di molte discipline) sono tenuti a mantenere degli standard di fitness per poter operare in sicurezza. Alcune Associazioni e Federazioni subacquee lo pretendono giustamente anche dagli istruttori professionisti; ad esempio l’American Academy of Underwater Sciences (AAU) definisce degli standard di impiego per le immersioni di ricerca scientifica subacquea.

Effetti della profondità e della pressione sui gas respiratori
La ricerca nello studio della medicina iperbarica è essenziale nella medicina subacquea. Ciò non può ovviamente essere effettuato senza una raccolta costante di informazioni statistiche quanto più dettagliate in caso di incidenti a seguito di immersioni. La prevenzione degli incidenti è quindi il servizio più prezioso fornito da un medico specializzato in fisiopatologia subacquea che resta un punto di riferimento insostituibile per il trattamento delle patologie iperbariche più comuni ovvero la malattia da decompressione e l’embolia gassosa arteriosa.

Elementi di fisiologia
Vediamo che cosa succede al nostro corpo quando effettuiamo le nostre immersioni. Dalla fisica sappiamo che l’esposizione del corpo umano a pressioni superiori a quella atmosferica provoca delle modificazioni a carico sia dei gas respiratori sia della dinamica della circolazione sanguigna.

Con l’aumentare della profondità aumentano le pressioni parziali (pp) dei gas disciolti nel sangue ovvero dell’ossigeno (ppO2), dell’azoto (ppN2) che si sciolgono con tempi diversi in funzione del tessuto interessato. Come è noto questi gas sono i componenti dell’aria che tutti respiriamo e che il subacqueo normalmente respira dalle bombole; mentre l’ossigeno e l’anidride carbonica, che si genera internamente, sono presenti nei processi respiratori, l’azoto non partecipa a tali processi e viene definito comunemente gas inerte. L’azoto si deposita con varie dinamiche nei tessuti di tutto l’organismo secondo un meccanismo che viene chiamato assorbimento. L’assorbimento dell’azoto da parte del corpo (uptake) è conseguenza diretta della legge di Henry che stabilisce che la quantità di gas disciolta in un liquido è proporzionale alla pressione parziale del gas.

Essendo il nostro  corpo costituito principalmente da liquidi, i gas si disciolgono in esso proprio come fanno nell’acqua. Il problema è che, fisiologicamente parlando, la dissoluzione dei gas nei vari tessuti (compartimenti) è  diversa ed avviene con tempi molto diversi. Quando il subacqueo inizia la sua risalita, l’azoto disciolto nei tessuti comincia a rilasciarsi a causa del diminuire della pressione. Se la risalita avviene troppo velocemente, l’azoto si libera nel sangue in maniera violenta formando bolle sempre più grandi che non possono essere eliminate attraverso il filtro polmonare; questo processo inverso di eliminazione del gas assorbito durante la saturazione viene definito desaturazione o off gassing, nella terminologia anglosassone.

gas

Le bolle gassose tenderanno quindi ad aggregarsi tra di loro ostruendo i vasi sanguigni formando emboli gassosi all’interno degli organi e dei tessuti e provocando danni agli organi interni. 

Tecnicamente con il termine emisaturazione si intende il tempo necessario perché un tessuto (o compartimento) assorba il gas inerte fino alla metà del gradiente di pressione per saturarsi (o desaturarsi) a metà. L’assorbimento e la desaturazione, come abbiamo premesso, sono dipendenti dal tipo di tessuto; ad esempio un tessuto rapido (come il sangue) si satura o si desatura con tempi di emisaturazione brevi e presenta tensioni di azoto (corrispondenti alla pressione parziale dell’azoto ovvero ppN2) piuttosto elevate subito dopo un’immersione. Al contrario un tessuto lento (come il tessuto adiposo) manterrà, durante la decompressione, una tensione di azoto  più elevata e costituirà, se vogliamo, una misura della quantità di  gas che potrebbe contribuire alla crescita di bolle gassose anche diverse ore dopo aver terminato la nostra immersione. Questo è il motivo per cui si consiglia di mantenere una forma fisica bilanciata riducendo i depositi adiposi.

incidente-deco-3841Riassumendo, la maggior parte degli incidenti dei subacquei è legata al tempo T trascorso ad una determinata profondità Z; il non rispetto delle tappe di decompressione può comportare gravi patologie come la malattia da decompressione (MDD), e l’embolia gassosa arteriosa.  L’osteonecrosi disbarica è un esempio degli effetti sulle ossa e sulle articolazioni dovuto al  diminuire della pressione in un subacqueo saturo di azoto.

Tabelle per ridurre il rischio
Per ridurre i rischi legati alla non completa desaturazione dell’azoto nei tessuti, si utilizzano delle tabelle di decompressione, oggigiorno integrate nei computer utilizzati dai subacquei. Questi computer utilizzano degli algoritmi statistici che integrano le tabelle fornendo al subacqueo le soste da effettuare, considerando i profili multi livello delle sue immersioni.

images (2)In altre parole, i computer stabiliscono le tappe di decompressione da effettuare alle varie quote per desaturarsi dall’azoto assorbito durante l’immersione e non incorrere nel rischio di una MDD. Il calcolo è statistico per cui devono essere sempre valutati i fattori di rischio come la forma fisica, la temperatura dell’acqua, gli sforzi presunti durante l’immersione, etc.  È evidente che per poter considerare affidabili tali dispositivi bisogna restare per quanto possibile all’interno dei parametri consigliati (tempo da trascorrere alle varie tappe di decompressione) e, soprattutto, non uscire dalla cosiddetta curva di sicurezza accettando, quando necessario, anche lunghi periodi di sosta alle varie quote. 

Non ultimo, voglio ricordare i problemi legati all’assorbimento dei gas compressi che può comportare altre patologie come la narcosi da azoto, l’avvelenamento da eccessiva pressione parziale di ossigeno, o un eccessivo assorbimento della CO2. Su questo e molto altro torneremo con articoli specifici con specialisti del settore. 

Come mi disse il mio  primo istruttore, la sicurezza prima di tutto …
BE SAFE DIVE SAFE

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 679 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share