If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

L’Avventura del cinema sott’acqua, gli albori – parte I – di Marina Cappabianca

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: FOTOGRAFIA E VIDEO
PERIODO: XX SECOLO
AREA: SUBACQUEA
parole chiave: cinema subacqueo

 

Méliès 20000-lieues-sous-1907-scene wikipedia_org

Méliès da 20000-leghe sotto i mari … 1907

Può sembrare un paradosso, ma la battaglia per conservare gli oceani e quella per conquistarli e sfruttarli affondano le radici nelle stesse origini. Il cinema è stato complice di entrambe. Per oltre un secolo cinema e documentario subacqueo hanno avvicinato l’uomo al mondo sottomarino, diffondendo la conoscenza di un ambiente altrimenti invisibile, ma spingendo altresì l’uomo a dominarlo e in un certo senso a depredarlo.

3 - marinersmuseum_org

Negli ultimi anni, il cinema è diventato infine lo strumento per denunciare la fragilità di questo ambiente e sollecitarci ad agire in sua difesa. Ripercorriamo questa avventura attraverso i suoi momenti salienti. Sono passati 100 anni da quel 1916 che vedeva uscire nelle sale il primo lungometraggio dal titolo “20.000 leghe sotto i mari”. Diretto dall’americano Stuart Paton per la Universal, durata 113’, vantava effetti speciali firmati da John Ernest Williamson e da suo fratello minore George.

1 - 1915 GeorgeWilliamson_drawing wikipedia

1915 George Williamson – disegno

Una garanzia nel nascente mondo della cinematografia subacquea: J. E. (com’era chiamato) e George avevano la fortuna di essere figli di un capitano di mare, navigatore e costruttore pieno di ingegno, che aveva inventato, tra l’altro, un originale sistema per compiere lavori subacquei: in pratica un lungo tubo fatto di anelli concentrici che poteva estendersi sotto la chiglia della nave fino ad una profondità di 50 metri. 

2 - leagues-under-the-sea-1

la realizzazione di 20000 leghe sotto i mari di Williamson

J.E., non meno ingegnoso, pensò di aggiungervi una sfera all’estremità con un ampio oblò a imbuto nel quale infilò dapprima una macchina fotografica poi, spinto dal grande successo della sua prima mostra e dalle pressioni del nascente mondo cinematografico americano, una macchina da presa. Un sistema di illuminazione calato dalla nave appoggio con un cavo rischiarava il fondale.

4 - Williamson lotta con lo squalo

Era nata la “fotosfera” con la quale, già nel 1914, Williamson realizza, nelle acque cristalline delle Bahamas, il suo primo film di un’ora dal titolo “30 leghe sotto i mari”, la cui scena clou è la lotta con uno squalo che J.E. uccide a coltellate proprio davanti alla macchina da presa. La didascalia di una foto apparsa sulla stampa del tempo parla della lotta con uno squalo “mangiatore di uomini”. Significativa la scena e la sua descrizione, significativi i titoli di questi due primi film che segnano l’inizio dell’avventura del cinema sott’acqua. Si potrebbe infatti, a partire da questi esordi e per diversi decenni a seguire, parlare di un “effetto Verne”. Lo scrittore francese aveva pubblicato il suo romanzo di avventura e fantascienza nel 1870, aprendo a generazioni di lettori di ogni età un mondo sottomarino popolato di mostri e creature sconosciute che per la prima volta l’uomo dimostrava di poter affrontare e dominare.

Méliès 20000-lieues-sous-1907 pinterest_com

Méliès da 20000 leghe sotto i mari 1907

Prima ancora che un romanziere capace di far sognare i lettori, Verne era un visionario capace di ispirare per molti decenni altri visionari alle prese con una nuova scienza.
Nel 1907 il pioniere francese del cinema fantastico Georges Méliès realizza un film di circa 18 minuti (… non pochi per quegli anni) dal titolo “20.000 leghe sotto i mari”; il sottotitolo “L’incubo di un pescatore” rivela quanto il film si limiti ad una strizzatina d’occhio all’autore francese che ispirerà diverse altre sue opere.

Méliès-studio-Montreuil artribune_com

lo studio di Méliès dove furono allestite le scene sottomarine

Méliès era un maestro dell’illusionismo che trasferì nelle sue pellicole la capacità di compiere trucchi: è il primo a realizzare doppie esposizioni, fermi di macchina, a giocare perfino con quella che oggi chiamiamo la post-produzione, con il montaggio. Costruisce a Montreuil uno studio di posa con pareti di vetro per creare illusioni ed effetti visivi, ingenui ai nostri occhi ma straordinari per l’epoca.

5 - Williamson_wikipedia no known restriction

Ma la novità e la straordinarietà di J.E. Williamson è che lui per primo filma davvero sott’acqua, dando inizio ad un’altra grande sfida: esplorare e raccontare un mondo sottomarino, conosciuto fino ad allora solo attraverso quello che usciva dalle reti dei pescatori. Come Verne, Méliès combatte con giganteschi granchi, piovre e cavallucci marini soltanto immaginati. I fratelli Lumière avevano in catalogo un film dal titolo L’Aquarium, realizzato appunto in un acquario. Williamson, dentro la sua fotosfera, il mondo marino lo porta davvero sugli schermi delle sale cinematografiche in tutta la sua vitalità.

Di seguito i due film …

Williamson

Méliès

La sfida non si ferma qui, naturalmente, e il passo successivo è quello di scendere sott’acqua con una macchina da presa e potersi muovere in autonomia tra le bellezze di questo mondo alieno. I passi più significativi, si compiono al di qua dell’Oceano. Già dagli anni ’30 si moltiplicano le innovazioni che consentono non solo di calarsi in apnea a profondità sempre maggiori, ma anche di vederci qualcosa. Sarà infine la Seconda Guerra Mondiale a dare un forte impulso all’introduzione di attrezzature per respirare autonomamente sott’acqua. Ed ecco che, liberi dai vincoli del palombaro o da quelli del proprio fiato, l’avventura del cinema sott’acqua prenderà nuove forme, diventerà un genere a sé, eppure – come vedremo – l’effetto Verne continuerà a farsi sentire e per diversi anni ancora il mare resterà prima di tutto un territorio di conquista.
.
Marina Cappabianca

Marina CappabiancaMarina Cappabianca
Produttrice, autrice e regista di documentari, ha consolidato una forte esperienza nel campo delle produzioni internazionali dapprima con Brando Quilici, negli Stati Uniti e in Canada; successivamente in oltre 10 anni di attività con la società Paneikon, accreditata sui mercati mondiali per la qualità delle sue produzioni documentaristiche; infine in partnership con Pippo Cappellano nella società Capmar Studios specializzata in documentari subacquei, naturalistici e storici. Ha coordinato numerose coproduzioni internazionali con partner quali Discovery, National Geographic, WGBH Nova, WDR e ZDF in Germania, BBC, France 2, France 3, France 5. Ha realizzato come autrice e regista diversi documentari di natura per RAI e Mediaset, ha pubblicato articoli su tematiche relative all’attività del documentario. Ha fatto parte di giurie di prestigiosi festival internazionali di documentari quali Mountain Film Festival di Telluride in Colorado, Science Media Award di Boston, Wildlife Film Festival di Jackson Hole, DocScient di Roma. Dal 2009 al 2014 è stata Direttore Artistico del Festival Internazionale di Documentari Subacquei “Pelagos” di Roma. Subacquea, velista, appassionata di montagna, parla correntemente inglese, tedesco, francese e spagnolo.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 364 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Pippo Cappellano Pippo Cappellano
    29/07/2016    

    da quando l’occhio dell’uomo è riuscito a scrutare attraverso una lente i segreti del mare tutto è cambiato, la superficie azzurra degli Oceani non era più l’inviolabile confine tra terra e mare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share