If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Video vintage: Siluri umani – Human torpedoes

livello elementare
.
ARGOMENTO: VIDEO
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: guerra

Oggi rivediamo un film vintage, Siluri umani, un film storico del 1954 su alcune azioni dei mezzi di assalto durante la Seconda Guerra mondiale. Il film ricostruisce l’attacco degli incursori della Regia Marina Italiana alla flotta Inglese ancorata nella baia di Suda, Creta, avvenuto nel 1941. L’azione fu effettuata con dei  “barchini esplosivi” e si risolse con l’affondamento dell’incrociatore pesante inglese HMS York.

disegni-M.T.-M.T.M.

I barchini esplosivi
Come abbiamo raccontato in altri articoli, con il termine barchini esplosivi si definivano dei rivoluzionari mezzi d’assalto sviluppati dalla Regia Marina italiana sin dal 1935. Complessivamente ne vennero realizzate circa cento unità di diverse tipologie.

Tra di essi:
M.A. – Motoscafo d’Assalto
M.A.T. – Motoscafo Avio Trasportato
M.T.M. – Motoscafo Turismo Modificato  la più famosa (e numerosa)
M.T.R. – Motoscafo Turismo Ridotto
M.T.R.M. – Motoscafo Turismo Ridotto Modificato

Il funzionamento era semplice ma geniale. Nella parte prodiera dello scafo, era sistemata una carica esplosiva; il pilota dirigeva il motoscafo verso il bersaglio e, dopo aver bloccato il timone, abbandonava il mezzo ad una distanza di circa ottanta metri di distanza. Al fine di proteggersi dagli effetti delle onde d’urto dovute al’esplosione, il pilota rilasciava un seggiolino galleggiante (posto alle sue spalle) sul quale saliva prontamente. Al momento dell’impatto contro l’obiettivo, una catena di detonazioni successive creavano un’apertura nello scafo del MTM ed il rapido affondamento della parte prodiera (dove era situata la carica esplosiva principale da 300 chilogrammi di tritolo). Il mezzo quindi si posizionava sotto lo scafo nemico.

images (1)

A questo punto veniva attivata la carica principale grazie ad un sistema barico che agendo  sulla spoletta ne provocava l’esplosione alla profondità preventivamente stabilita. L’MTM fu impiegato in diverse azioni belliche durante la seconda guerra mondiale, spesso non coronate da successo. La più famosa fu l’affondamento dell’incrociatore britannico HMS York, nella rada di Suda, Creta, avvenuto la notte tra il 25 e 26 marzo del 1941, ad opera di sei barchini al comando del tenente di vascello Luigi Faggioni che affondarono inoltre una petroliera da 8000 tonnellate, la Pericles.

barchinoMeno fortunato fu l’attacco a Malta dell’aprile 1941 dove persero la vita diciotto tra marinai italiani e incursori della X Mas. Anche in quell’occasione mancò la fortuna ma non il valore.

L’ultima azione nota dei barchini esplosivi avvenne contro un cacciatorpediniere francese, il F31 Trombe. La notte del 17 Aprile 1945, Sergio Denti, arruolatosi a soli sedici anni (confesserà in seguito di aver falsificato i documenti di identità per entrare nella Regia Marina), a bordo del barchino MTM 548, individuò nel buio il cacciatorpediniere francese a 14 miglia da Oneglia. L’MTM 548 con un secondo barchino, l’MTSMA 312, si avvicinò al bersaglio. L’MTSMA 312 manovrò per attirare l’attenzione del Trombe mentre l’MTM 548 puntò sulla nave e la centrò sulla dritta aprendo un grosso squarcio, danneggiandola irrimediabilmente. Anche i tedeschi e i giapponesi usarono mezzi simili, rispettivamente linsen e shinvo, ma il tipo giapponese prevedeva il suicidio del pilota nel conseguimento dell’obiettivo (come per i piloti kamikaze). Sempre i giapponesi utilizzarono i kaiten che erano in grado con la loro velocità di poter colpire anche bersagli in movimento, ma anche in questo caso tuto era basato sull’abilità del pilota.

Il film, Siluri Umani, fu prodotto da Carlo Ponti e De Laurentis, con l’assistenza tecnica e storica dell’ammiraglio Bragadin.  Il film fu girato nella primavera del 1954. Molte delle scene iniziali furono girate nella rada di La Spezia dove nelle immagini sono ancora visibili i danni della guerra. Nel film recitarono attori famosi dell’epoca, tra cui Raf Vallone, Enrico Maria Salerno e, naturalmente, gli equipaggi della Marina Militare Italiana.  Dopo che Leonviola, per contrasti con la produzione, abbandonò il set (a film quasi finito) le ultime scene furono girate dall’aiuto regista, un giovane e promettente regista, Carlo Lizzani. Il film uscì nelle sale italiane in prima proiezione il 29 dicembre 1954.

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 530 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share