If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Seabin, un cestino dei rifiuti per il mare

logo-seabin-color-centerAndrew Turton e Pete Ceglinksy sono due surfisti australiani con una missione ambiziosa: mantenere l’Oceano pulito. La filosofia che spinge i due ragazzi è che “gli oceani si possono ripulire una marina per volta“ e per riuscirci hanno progettato il “Seabin” ovvero il cestino per rifiuti marini da installare all’interno di porti turistici.

Il sistema di funzionamento del Seabin è tanto semplice quanto geniale e si basa sull’azione di una pompa che aspira l’acqua marina dentro un secchio galleggiante fissato ad un pontile. La pompa crea un flusso continuo d’acqua nel contenitore portando con sé detriti, oli, detergenti ed idrocarburi che vengono raccolti e trattenuti in un sacchetto di fibra naturale mentre l’acqua aspirata viene espulsa nuovamente nel porto.

seabin-1.png.662x0_q70_crop-scale
L’ideatore del progetto è Andrew Turton, costruttore di barche, velista e surfista. Andrew, dopo aver realizzato diversi viaggi in barca a vela in giro per il mondo, ha deciso di testimoniare la grande quantità di detriti accumulati all’interno dei porti che ha visitato e di contribuire alla salvaguardia degli oceani insieme all’amico e co-direttore del Seabin project, Pete Ceglinski, un designer industriale e, naturalmente surfista. I due inventori sono convinti che i porti costituiscano gli ambienti ideali alla realizzazione della missione sia perché sono ambienti controllati in cui non vi è rischio che onde troppo grandi o tempeste possano limitare la funzionalità delle apparecchiature sia a causa dell’alta concentrazione di rifiuti presenti trasportati continuamente dai venti e dalle correnti dominanti. I vantaggi del cestino galleggiante consistono in un sistema maneggevole, poco costoso, a bassa manutenzione e che richiede piccoli spazi.

Oggi la la Seabin Pty Ltd, società fondata dai due, è sostenuta dall’investimento della Shark Mitigation Systems Pty Ltd (SMS), società di sviluppo tecnologico marino che lavora in partnership con Google e la società di telecomunicazioni australiana Octopus. Lo sviluppo del Seabin project ha sede a Palma di Maiorca presso il centro di progettazione “The Sea”, dove è stato realizzato un prototipo perfettamente funzionante e da dove i due australiani hanno lanciato una campagna di crowdfunding su Indiegogo per finanziare l’attività e produrre i “seabin” su larga scala. La raccolta ha fruttato fino adesso ben 90 mila dollari, circa il 39% dei 230mila dollari necessari per iniziare la commercializzazione del prodotto. Un ulteriore obiettivo da raggiungere è costruire i Seabin con materiali ecologici e magari con la stessa plastica raccolta. Intanto, la città francese La Grande Motte ha annunciato di voler essere la prima a partecipare al progetto, firmando un accordo di collaborazione con Andrew e Pete per lo sviluppo del Seabin e per la realizzazione di un programma di comunicazione con lo scopo di accrescere la sensibilità della popolazione circa la problematica dell’inquinamento degli oceani. Riguardo all’obiettivo di ripulire gli oceani i due tenaci surfisti affermano ironicamente “È una missione molto grande, ma si può fare. In effetti, lo stiamo già facendo“.

Noi intanto gli auguriamo che il progetto vada in porto …
Maria De Filippo

mariafotoMaria De Filippo ha una laurea specialistica in Scienze delle risorse faunistiche-ambientali, master in Biologia marina. Specializzazione nello studio dell’avifauna marina, per la cui conservazione ha partecipato a diversi progetti di ricerca nelle isole del Mediterraneo. Grande passione per la vela e per il mare, vive in Sicilia dove si occupa di progetti di educazione ambientale e di eco-turismo.

Per contattare mariadefilippo@ymail.com

print

(Visited 226 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share