If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Coltivazione in laboratorio di piantine di Posidonia oceanica (L.) Delile di Elena Balestri e Francesco Cinelli – 1995 pubbl. Rivista marittima

posidonia-oceanica

Introduzione
La fanerogama marina Posidonia oceanica (L.) Delile  (Potagetomonaceae) è largamente diffusa nel Mediterraneo e rappresenta uno dei più importanti ecosistemi infralitorali (Den Hartog, 1970).

img_07_ingDurante gli ultimi anni, in molte aree del bacino, è stata segnalata la riduzione progressiva delle praterie di P. oceanica in seguito allo sviluppo di attività umane (Meinesz & Lefevre, 1978; Pérès, 1984). Sebbene in alcune praterie del Mediterraneo siano stati osservati fenomeni più o meno ampi di fioritura e fruttificazione, questa specie sembra riprodursi principalmente per via vegetativa (Giraud 1976; Giraud 1977;  Cinelli & Salghetti-Drioli, 1983; Mazzella et al. 1983; Mazzella et al. 1984; Caye & Meinesz, 1984; Pergent 1985; Thelin 1985;  Pergent et al. 1989; Semroud 1993; Tommasello et al. 1994; Acunto et al., in press).   La germinazione in situ dei semi, infatti,  è stata osservata solo 5 volte (Francour in Pergent, 1987; Buia & Piraino, 1898; Acunto et al. (in press). Recentemente, sono stati compiuti diversi studi allo scopo di controllare sia i fenomeni di regressione delle praterie, sia favorire la ri-colonizzazione naturale sia ricreare le praterie tramite il trapianto di talee, semi e piantine di P. oceanica (Meinesz et al. 1990; Meinesz et al. 1992; MolenaAr & Meinesz 1992; Molenaar et al. 1993).

Alcuni  dei  limiti delle tecniche ri-forestative adottate sono rappresentati dalla necessità di disporre di materiale vegetativo in grande quantità e dalla mancanza di conoscenze sulle esigenze dei trapianti. Recentemente, sono stati effettuati alcuni esperimenti di coltura in vitro di fanerogame marine sia per ottenere attraverso la riproduzione clonale grosse quantitativi di piante  sia per lo svolgimento di studi più approfonditi sulla loro biologia. Un tentativo di riprodurre P. oceanica  per propagazione clonale ha dato solo un  successo parziale (Loquès et al. 1990), pertanto attualmente la riproduzione di questa specie rimane affidata al trapianto di talee e piantine.  In questo lavoro sono state ottenute, in laboratorio, numerose piantine di Posidonia oceanica a partire da semi prelevati da frutti raccolti in natura allo scopo di ottenere il materiale vegetativo necessario da impiegare in esperimenti di trapianto in situ che sono ancora in corso. Le piantine sono state coltivate in acquario e stati studiati gli effetti di due diverse intensità luminose e di due diversi supporti di coltura sulla germinazione, sviluppo e sopravvivenza delle piantine.

Materiali e Metodi
Frutti di P. oceanica  sono stati raccolti sulla spiaggia di Calambrone (Livorno) in seguito ad una mareggiata nell’aprile 1994. I frutti sono stati trasportati in laboratorio e conservati in un acquario contenente acqua di mare (a 16±2 °C, fotoperiodo di 16 ore, illuminazione di 30 mEm-2s-1 fornita da tubi fluorescenti a luce fredda). Un campione di 50 frutti è stato prelevato per alcune misurazioni morfometriche (dimensioni e peso del frutto).

Gli esperimenti di germinazione sono stati realizzati in acquari da 20 L di capacità contenenti acqua di mare naturale (salinità 38‰) e mantenuti in una camera di coltura a circa 16°C con fotoperiodo di 16 ore. I frutti maturi sono stati aperti ed i semi prelevati disposti in coltura . Sono stati utilizzati 50 semi per trattamento e ciascun trattamento è stato ripetuto due volte. In totale sono stati utilizzati 400 semi. Sono state impiegate due diverse condizioni di illuminazione (40 e 4 mEm-2s-1) ed i semi collocati sia su filtri in plastica a maglie di 0,5 cm posti all’altezza di 10 cm dal fondo della vasca sia su sabbia detritica in vasetti di plastica di 15 cm di diametro. Il  numero di semi germinati e stato contato giornalmente e la percentuale di germinazione è stata calcolata dopo 20 giorni dall’inizio della coltura. L’accrescimento delle piantine è stato determinato registrando ogni 30 giorni le  seguenti misure: numero, lunghezza e larghezza delle foglie, numero e lunghezza delle radici. Alcune delle piantine ottenute sono state coltivate per due mesi ed in seguito utilizzate in esperimenti di trapianto in situ che sono iniziati in giugno ’94  e sono  ancora in corso mentre le rimanenti sono state coltivate per 9 mesi con intensità luminosa pari a 40 mEm-2s-1.

images - Copia

Risultati e discussione
Al momento della raccolta i frutti erano verdi  e apparentemente maturi come confermato dalle misurazioni morfometriche. In acquario,  questo processo germinativo è apparso simile a quello riportato in letteratura (Caye & Meinesz, 1984). La germinazione è iniziata con l’espansione della plumula intorno al 3-4 giorno, seguita dall’emissione di una radice bianca al polo radicale e di una o due foglioline intorno al 4-6 giorno. La percentuale massima di germinazione è stata raggiunta rispettivamente intorno al 18° giorno. Dopo 10-15 giorni dall’inizio della germinazione, il meristema apicale aveva prodotto circa tre foglie di color verde e una o due radici avventizie alla base delle foglie. Le percentuali maggiori di germinazione (86.5±9.2) e di sopravvivenza (94,4±7,8) sono  state ottenute su rete in condizioni di illuminazioni pari a  40 mEm-2s-1. Le piantine ottenute presentavano al 2° mese di coltivazione in media 3-5 foglie con una radice primaria e una o due radici avventizie e sono state  utilizzate in esperimenti di trapianto in situ.

La crescita successiva delle piantine rimaste in acquario è stata rapida e sono state prodotte nuove foglie raggiungendo dopo 9 mesi di coltura, n massimo di 12.5 foglie per piantina: la  lunghezza media massima   raggiunta delle foglie è stata 16,4 cm e sono state prodotte in media 4.1  radici avventizie, tuttavia, le percentuali di sopravvivenza sono diminuite notevolmente e non sono state evidenziate apprezzabili differenze tra i semi coltivati su sabbia e quelli su rete. Poiché durante questi ultimi anni, studi più approfonditi sulla fioritura e la fruttificazione di Posidonia oceanica nel Mediterraneo e soprattutto nelle aree più settentrionali del bacino (Mar Ligure, Alto Tirreno) hanno dimostrato che il fenomeno si verifica con una notevole frequenza e raggiunge anche  ampie dimensioni, i semi di Posidonia oceanica possono  costituire una risorsa di  materiale utile per la realizzazione di esperimenti di trapianto in situ della fanerogama. Tuttavia, a causa della  natura non dormiente dei semi, questi non possono essere conservati a lungo, inoltre, poiché abbiamo osservato che la percentuale di sopravvivenza in acquario decresce notevolmente intorno al 9 mese di coltivazione,  è utile trapiantare  le piantine  appena  lo sviluppo dell’apparato radicale sia completato e questo si è verifica   intorno al 2° mese di sviluppo.

 di Elena Balestri e Francesco Cinelli
Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e del Territorio, Università di Pisa Via Volta 6 ,  56126 PISA – pubblicato nel 1995 sulla Rivista Marittima

print
(Visited 428 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share