If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Vintage video: Il mondo del silenzio di Jacques Cousteau

livello elementare
.
ARGOMENTO: VIDEO
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: Cousteau

 

Il-Gruppo-di-ricerche-sottomarine-Grs-della-Marina-francese.-Cousteau-è-il-primo-a-sinistra.-Foto-scattata-nel-1947

Jacques-Yves Cousteau, nel 1956, con l’aiuto di un giovane regista che sarebbe poi diventato altrettanto famoso, Louis Malle, girò il suo primo documentario subacqueo, chiamandolo con lo stesso titolo del suo primo libro pubblicato pochi anni prima. Il documentario ebbe un successo straordinario e si aggiudicò la Palma d’Oro al Festival di Cannes nel 1956 e l’Oscar come miglior documentario nel 1957. Di fatto fu uno dei primi filmati a mostrare a colori l’ambiente sottomarino, portandolo al pubblico che all’epoca, incominciava ad avvicinarsi al continente blu. Il documentario fu girato completamente dal team di subacquei della nave Calypso che nello stesso tempo di fatto sperimentarono un nuovo modo di immergersi negli abissi.

Il “mondo del silenzio“, visto con gli occhi di oggi, è assolutamente deprecabile dal punto di vista ambientale, mostrando delle azioni che oggi sarebbero ingiustificabili come le martellate dei sommozzatori sui coralli tropicali (a scopo di campionamento biologico) e l’uso di cariche esplosive sulle barriere coralline, metodi al tempo usati per catalogare la fauna e flora marina.

Forse ancora più evidente la mancanza assoluta di rispetto dei sommozzatori dell’equipe e dei membri dell’equipaggio verso le specie marine incontrate. Tra le tante, la mattanza inutile degli squali, richiamati dalla scia di sangue di un piccolo di capodoglio ferito gravemente dalla nave e per questo ucciso. Azioni che vanno viste con gli occhi dell’epoca. Dobbiamo considerare che il film fu girato di fatto nel lontano 1956 quando il concetto di salvaguardia dell’ambiente marino era ancora sconosciuto e il mare era solo un territorio da conquistare e sfruttare. Negli anni a seguire, il comandante Cousteau fece autocritica di quegli anni e divenne un veemente attivista della protezione del mare, impegnandosi in tutti i contesti per un futuro più consapevole e fondando importanti Fondazioni. Non ultimo  pubblicò la carta dei diritti delle generazioni future.

Il documentario va quindi  visto con gli occhi curiosi e ingenui degli spettatori di cinquantanni fa: l’approccio dei subacquei e la loro consapevolezza ambientale sono di fatto cambiati grazie ad Uomini come Cousteau. Anche  la tecnologia ha fatto progressi incredibili: la qualità video ed audio dell’epoca possono non soddisfare gli spettatori più attenti ma nel guardare questi video dobbiamo cercare di fare un passo indietro nel tempo e immedesimarsi nella vita di bordo di quegli uomini e pensare che senza il loro contributo molte delle attrezzature, oggi alla portata di tutti, non esisterebbero.

In sintesi è quindi importante contestualizzare il documentario con le conoscenze educative del 1956 e soffermarsi a notare l’evoluzione che c’è stata da allora ad oggi, sia nella percezione del mondo subacqueo sia nella sua protezione e conservazione.
Buona visione.


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 824 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share