If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Cook e l’HMS Endeavour ai confini del mondo: vita e morte di due grandi protagonisti

300px-Endeavour,_Thomas_Luny_1768

In un recente comunicato, il Rhode Island Marine Archaeology Project (RIMAP) ha comunicato di aver  ultimato la  mappatura di nove siti archeologici alla ricerca delle tredici navi affondate a Newport Harbour nel 1778 durante la guerra di indipendenza americana. Sembrerebbe che nelle acque antistanti Rhode island sia stato ritrovato un gruppo di cinque navi, tra cui il Lord Sandwich, un vascello un tempo chiamato HMS Endeavour. Fino a qua sembrerebbe uno dei tanti ritrovamenti in mare. In realtà stiamo parlando di una nave che ha scritto la storia della navigazione e fu comandata dal celebre capitano James Cook. I dettagli sono stati rilasciati il 4 maggio 2016, data che ricorda il duecentoquarantesimo anniversario del disconoscimento da parte di Rhode Island della fedeltà al re d’Inghilterra, avvenuto nel 1776.

relitto dell endeavour

Tutto incominciò nel 1998 quando uno studioso del RIMAP aveva scoperto dei documenti storici in un archivio di spedizione che dimostravano che l’HMS Endeavour, dopo moltr traversie, era stato poi rinominato Lord Sandwich, aveva servito  come nave prigione negli Stati Uniti e affondato dai Britannici.

Nel 2014 il National Maritime Museum australiano aveva finanziato il RIMAP per questa ricerca ma la ricerca appare molto costosa. Inoltre, dalla mappa disegnata dai ricercatori, del famoso brigantino non resta molto.

HMS Endeavour
L’Endeavour è una delle più famose navi della storia navale britannica e fu  impiegato dal capitano James Cook per scoprire la costa est dell’Australia nel 1770. Ma vediamo la storia di questo vascello. La HMS Endeavour era in origine una nave oceanografica britannica, una full rigged ship, ovvero una nave a vela con tre o più alberi con piena velatura di robusta costruzione con una ampia e piatta prua, una poppa quadrata e un lungo corpo con una profonda stiva. Il suo disegno, poco stellato e con un fondo piatto, la rendeva adatta alla navigazione anche in acque poco profonde per il carico e lo scarico delle merci. Il suo scafo, i ponti interni ed il fasciame erano costruiti in quercia bianca, la chiglia e la poppa  in olmo ed i suoi alberi in pino e abete. Insomma una nave robusta adatta per viaggi lunghi senza grandi manutenzioni.  Fu varata nel 1764 come carboniera e baleniera con il nome di  Earl of Pembroke, ma la Royal Navy la acquistò nel 1768 per effettuare una missione scientifica ai confini del mondo conosciuto, nell’Oceano Pacifico e nei mari del Sud, alla ricerca dell’ipotetico continente “Terra Australis incognita”.

La Marina britannica la trasformò in un brigantino a palo e la rimise in servizio come His Majesty’s Bark the Endeavour al comando di un giovane ma capace navigatore e cartografo, il giovane tenente James Cook. Cook partì da Plymouth nell’agosto del 1768 per il suo primo viaggio di esplorazione dell’Australia e della Nuova Zelanda con a bordo diversi scienziati. Quindi  doppiò Capo Horn e raggiunse Tahiti in tempo per osservare il transito di Venere davanti al Sole consentendo la misurazione della distanza dalla Terra al Sole. Si spinse poi verso i mari del Sud, ancora in gran parte inesplorati, fermandosi presso le isole del Pacifico di Huahine, Bora Bora e Raiatea che Cook rivendicò per la Gran Bretagna. Nel settembre del 1769 ancorò al largo della Nuova Zelanda: era la prima nave europea a raggiungere le isole dopo la Heemskerck di Abel Tasman ben centoventisette anni prima.

Non tutti sanno che questa impresa fu possibile grazie all’aiuto di un marinaio tahitiano, chiamato Tupaia, che era in possesso di una vasta conoscenza della geografia del Pacifico. 

Quando nel mese di aprile 1770 Cook sbarcò nella odierna Botany Bay, l’Endeavour divenne, di fatto,  la prima nave europea a raggiungere la costa est dell’Australia. Il vascello navigò poi verso Nord lungo la costa australiana ed evitò per un soffio di affondare sulla Grande barriera corallina, su un banco di scogli  oggi noto come Endeavour Reef. Il capitano Cook, per alleggerire la nave e liberarla, fu costretto a gettare a mare alcuni dei suoi cannoni.

Cook_Three_Voyages_59

Le rotte dei viaggi di James Cook. Il primo viaggio è mostrato in rosso, il secondo in verde, il terzo in blu. fonte Wikipedia

Il brigantino venne quindi arenato sulla terraferma dove, per sette settimane, effettuò le riparazioni necessarie allo scafo.

Una curiosità, durante i lavori sullo scafo fu scoperto che un pezzo di corallo delle dimensioni di un pugno aveva tranciato in maniera netta le travi e quindi le aveva spezzate. Questo frammento di corallo fu avvolto da spezzoni di vele per tappare la falla nello scafo ed impedì alla nave di affondare sulla barriera corallina.

Ripresa la navigazione, il 10 ottobre 1770 entrò nel porto di Batavia, l’attuale Giacarta nelle Indie orientali olandesi, per effettuare le riparazioni più accurate. Naturalmente, le scoperte precedenti furono tenute segrete per non invogliare gli Olandesi a spingersi in quelle acque lontane. Cook riprese il suo viaggio navigando verso ovest il 26 dicembre, e doppiò il Capo di Buona Speranza il 13 marzo 1771. Finalmente dopo quasi tre anni, il 12 luglio. la nave raggiunse il porto inglese di Dover.

Il secondo ed il terzo viaggio di Cook

Captainjamescookportrait

il capitano James Cook

Il ritrovamento della HMS Endeavour ci da la possibilità di raccontare le avventure dell’uomo che la rese famosa, James Cook, nei suoi straordinari viaggi seguenti. Circa un mese dopo il suo ritorno Cook fu promosso al grado di Capitano di fregata (Commander), e, nel novembre del 1771, ricevette gli ordini dall’Ammiragliato per una seconda spedizione, questa volta a bordo di un nuovo vascello, la HMS Resolution. Proseguendo la navigazione scoprì la Nuova Caledonia e le isole Sandwich Australi.  Cook diresse quindi per la madrepatria nel novembre 1774. Sulla via del ritorno, attraversando il Pacifico meridionale, attraccò nuovamente a Tonga e quindi all’Isola di Pasqua. Si diresse poi nell’Atlantico del sud, risalì la costa sud americana, verso l’Inghilterra. Arrivò in patria a Portsmouth, il 30 luglio 1775.

Nel suo terzo ed ultimo viaggio Cook, sempre al comando della Resolution, cercò di scoprire il famoso passaggio a Nord Ovest, tra l’Atlantico e il Pacifico, passando per la parte settentrionale del Canada.

Inizialmente l’Ammiragliato avrebbe voluto che fosse il capitano Clerke a guidare la spedizione, essendo Cook ufficialmente in pensione, ma essendo Cook un esperto conoscitore di quei mari egli stessi mari gli fu concesso nuovamente il comando. Se le cose fossero andate come previsto inizialmente, il suo destino sarebbe stato diverso.

Cook fece tappa a Tahiti e poi navigò verso nord visitando le isole Hawaii che lui chiamò “Isole Sandwich”, il Primo Lord dell’Ammiragliato. Dalle Hawaii proseguì ed esplorò la costa occidentale americana attraccando all’Isola di Vancouver, nelle sue esplorazioni tracciò nuove mappe della costa nord americana fino alla stretto di Bering, correggendo le precedenti. Il passaggio dello stretto di Bering, nonostante gli svariati tentativi fatti, fallì. In questi viaggi, Cook navigò per migliaia di miglia in aree del globo, in gran parte inesplorate. Combinando coraggio  e capacità di comando, guidando i suoi marinai in condizioni spesso avverse, con un grande talento cartografico, raggiunse zone sconosciute e pericolose e fu il primo a tracciare le mappe di diversi territori non ancora cartografati dei mari del Sud. Un patrimonio che fu sfruttato per quasi due secoli dopo di lui.

morte-di-cook

La morte di Cook. Nel 1779, Cook fu ucciso a tradimento alle Hawaii, in un violento scontro con gli indigeni durante il suo terzo viaggio esplorativo nel Pacifico. Il patrimonio di conoscenze scientifiche e geografiche che Cook lascio’ influenzo per oltre un secolo i navigatori di quei mari.

Cook non riuscendo nell’impresa decise di tornare verso sud e navigò verso le Hawaii. Non sapeva che in quel paradiso perduto avrebbe perso tragicamente la sua vita. Sebbene ci siano dubbi sulla dinamica dei fatti, si pensa che si trattò di un omicidio collettivo e premeditato. Da alcune fonti il 14 febbraio del 1779, Cook si diresse verso Kealakekua Bay. A causa di contrasti avvenuti, con la perdita di un cutter, Cook  raggiunse il villaggio per prendere in ostaggio il re hawaiano Kalaniʻōpuʻu. Lo invitò a seguirlo per mostrargli la sua nave. Inizialmente il re lo seguì ma la situazione sfuggì di mano.  Gli indigeni li seguirono fino alla spiaggia e scoppiò un violento alterco. Cook si voltò quindi per aiutare a mettere in mare le scialuppe ma fu colpito con un bastone alla testa ed accoltellato a morte dai nativi.

Come riferito nelle testimonianze oculari, raccolte dal capitano James King e da membri dell’equipaggio presenti « il suo corpo fu immediatamente trascinato a riva e circondato dai nemici che, strappandosi il pugnale l’uno con l’altro dalle mani, mostrarono un selvaggio desiderio di riservarsi ognuno una parte della sua distruzione » fonte. Gli hawaiani si impadronirono quindi del corpo e lo trascinarono lontano. Seguendo la tradizione delle comunità tribali del tempo, il corpo di Cook subì rituali funerari simili a quelli riservati ai capi ed il suo corpo fu bollito per facilitare la rimozione della carne e le ossa furono accuratamente ripulite per la conservazione come se fossero icone religioseAlcuni dei resti di Cook furono poi restituiti agli inglesi dopo un accorato appello da parte dell’equipaggio ed il 22 febbraio le spoglie di Cook furono formalmente sepolte in mare della baia al rintocco delle campane e sotto le salve dei cannoni. Moriva così un grande navigatore e marinaio le cui scoperte segnarono per oltre un secolo la marineria in quei mari.

220px-Gun_recovered_from_HMS_Endeavour

cannone recuperato dalla HMS Endeavour

La fine dell’HMS Endeavour
Ma torniamo al brigantino Endeavour; la sua epica campagna navale era durata quasi tre anni ma la nave fu presto dimenticata e trascorse i tre anni successivi alla spedizione ormeggiata presso i depositi della Marina alle Isole Falkland. Non c’e’ da meravigliarsi, il suo comandante aveva il grado di tenente di vascello e quindi non poteva essere lasciata ad un ufficiale con il grado superiore, come Cook. Fu quindi rinominata e nel 1775 venduta per meno di 1000 sterline a dei privati. Fu quindi adibita al trasporto di truppe mercenarie durante la guerra di indipendenza americana. Nel 1778, la gloriosa nave, che era sfuggita a tempeste e barriere coralline, fu usata come nave prigione fino a quando fu affondata dagli stessi Britannici durante l’assedio della Baia di Narragansett (Rhode Island). Il suo storico relitto è rimasto celato fino ad oggi in quelle fredde acque. Si spera che parte del suo scafo sia recuperato e trovi un’adeguata collocazione in un museo navale.

print
(Visited 208 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

0 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share