If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Non dirlo, Fallo!!! Piccoli passi per salvare il mare e la nostra specie

chris vizl (7)mod

Piccoli passi per salvare il mare e la nostra specie
L’ambiente è di tutti e non ha colore politico … troppo spesso è stato usato nelle campagne elettorali per raccogliere voti per poi passare nel dimenticatoio a giochi fatti … Di fatto, al di là delle facili frasi usate da molte ideologie politiche sulla salvaguardia dell’ambiente, Tante promesse sono state fatte ma di fatto esiste ancora una cecità per i problemi che ci circondano. La biodiversità diminuisce, ogni giorno specie animali e vegetali si estinguono e il mondo sembra non accorgersene. Eppure gli effetti collaterali di questo “progresso” sono ormai evidenti: calamità naturali, migrazioni di massa, vaste aree sempre più sterili ed un mondo che cresce con sempre maggiori instabilità.  Oggi più che mai esiste la necessità di passare dal “dire belle parole” a “fare significativi piccoli passi” per salvare il mare e le sue creature. Purtroppo non c’è più molto tempo per salvare la nostra specie. Il nostro pianeta sta soffrendo profondamente e gli oceani hanno già raggiunto un livello di inquinamento dalle plastica inimmaginabile. Nonostante gli sforzi di molti, siamo ancora circondati da un silenzio assordante da parte di una maggioranza silenziosa ed incurante. Sebbene questo si avverta chiaramente nei mari orientali, dove molti paradisi tropicali sono diventati ricettacoli di spazzatura a cielo aperto, la situazione sta peggiorando anche nei mari occidentali come nel Mar Mediterraneo.

Durante le mie conferenze di formazione e di educazione ambientale ho spesso avuto la forte sensazione che ci sia una comprensione minimale dei problemi soprattutto a causa della superficialità e  della  scarsa educazione civica di molti. Non ne faccio una colpa ai singoli ma a chi, ha fatto abbandonare questa necessaria istruzione nelle scuole.

I comportamenti sbagliati, sotto gli occhi di tutti, dovuti all’egoismo ed alla superficialità di coloro che considerano minimali gli effetti collaterali. L'”apparire” più dell'”essere” porta la società moderna ad una devoluzione sociale, privilegiando il “benessere personale” rispetto al “benessere delle future generazioni”. Questo crea un danno continuo e duraturo all’ambiente che ci ripaga avvelenando il nostro cibo ed esponendoci maggiormente a tumori ed altre malattie gravi. Con l’aiuto di tutti possiamo cercare di rompere questo circolo vizioso, applicando piccole regole di comune coscienza. Bisogna crederci, tenendo la barra al centro, senza lasciarci portare da facili entusiasmi. Esasperazioni possono fare il gioco di coloro che pensano solo ad un guadagno personale a discapito di un ambiente che, voglio sottolineare, non è nostro ma delle future generazioni. I prossimi decenni dipendono dal nostro comportamento.

11407026_10153608001862262_7287690044008632247_n

Cominciamo con delle regole di base
Purtroppo, lasciare rifiuti sulla spiaggia è un tipico comportamento comune nei mesi primaverili ed estivi. Molti non sanno che i rifiuti necessitano di lunghi periodi, a volte secoli, prima di essere completamente degradati. Non è solo un problema igienico o di bellezza dell’ambiente; il fenomeno dell’erosione delle plastiche con i sedimenti del fondo marino o delle spiagge  contribuisce alla formazione di pellet (particelle) di dimensioni sempre minori che vengono poi raccolte dalle correnti oceaniche in vortici che possono raggiungere estensioni considerevoli (chiamati gyro vortex). Ad esse si aggiungono i residui di lavorazione e le plastic bead, ovvero i granuli plastici primari usati per le lavorazioni delle plastiche. 

10405345_762527063770287_3684736455981344043_n

Queste particelle raccolgono, nei loro micropori, contaminanti chimici che sono estremamente dannosi per la salute del genere umano (tra cui forse il più noto è il DDT). Una volta ingerite dagli animali (soprattutto dai pesci e dagli uccelli), esse rilasciano queste sostanze chimiche che entrano poi nella catena alimentare facendoci, alla fine, assimilare sostanze altamente cancerogene. Per assurdo è più sano mangiare del pesce di allevamento che quello pescato in alto in quanto il primo cresce più velocemente in un ambiente controllato ed ha quindi meno tempo per assimilare tali sostanze. Ugualmente, per lo stesso motivo,  è meglio mangiare pesci di piccola taglia rispetto a quelli più grandi. Naturalmente questo vale per il pesce allevato in allevamenti sicuri, sottoposti a seri controlli.

Si deve comprendere che tali sostanze tossiche, una volta ingerite, spesso non possono essere eliminate dal nostro corpo e si accumulano per sempre nei nostri tessuti, esponendoci a malattie anche gravissime. In altre parole, ci stiamo lentamente avvelenando. Questo potrebbero essere evitato o almeno limitato ponendo una maggiore attenzione nelle nostre azioni quotidiane; ad esempio effettuando un riciclaggio corretto delle nostre immondizie e, in particolare, delle materie plastiche e chimiche.

mozziconi-sigarette

Un altro fattore di rischio estremamente pericoloso per la salute ma, purtroppo, spesso non sufficientemente sottolineato dai media, è l’abbandono nell’ambiente dei filtri delle sigarette. Le onnipresenti “cicche” sono ricche di sostanze altamente tossiche che, una volta buttati sul terreno o in mare, diffondono insidiosamente i loro veleni nell’ambiente.
Mi direte che sono “solo minuscole cicche”. Purtroppo, a giudicare dalla quantità che vediamo in terra nelle nostre strade, sembrano essere molto rari quei fumatori che ripongono i mozziconi in recipienti adatti. Molti le gettano direttamente in mare: nel Mar Mediterraneo è stato stimato che rappresentano ben il 40% dei rifiuti contro il 9,5% delle bottiglie di plastica, l’8,5% sacchetti di plastica ed il 7,6% delle lattine di alluminio. Uno studio dell’Enea e delle Ausl di Bologna ha affermato che su un numero di fumatori di 13 milioni, che fumano un numero medio di 15 sigarette al giorno, il numero complessivo di cicche immesse in ambiente ogni anno e’ di circa 72 miliardi.

biodegradabilitaTenendo conto del potere filtrante dell’acetato di cellulosa, di cui è composto il filtro, la ricerca ha valutato un carico tossico nell’ambiente pari a ben 324 tonnellate di nicotina, 1872 milioni di Bq (Becquerel, unità di misura delle sostanze radioattive) di polonio 210, 1800 tonnellate di composti organici volatili, 21,6 tonnellate di gas tossici, 1440 tonnellate di catrame e ben 12240 tonnellate dell’acetato di cellulosa. Sono quantità tossiche decisamente preoccupanti che rilasciamo nel terreno ed in mare sostanze altamente pericolose per la salute. Per completezza, se volete valutare il fattore rischio umano nel tempo, considerando i tempi di biodegradabilità dei vari rifiuti, leggete questa tabella. Non c’è da stare sereni. Pensateci al prossimo picnic con gli amici sulla spiaggia o nei boschi. La nostra salute non ha prezzo.

Basta poco per limitare queste contaminazioni … semplicemente ponete una maggiore attenzione e consapevolezza nel riporre i nostri rifiuti. Siate intelligenti. Proteggendo l’ambiente proteggete voi stessi.

Fatelo per voi  … Fatelo per le future generazioni. 

print
(Visited 158 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share