If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento parte I – di Fabio Vitale

La campana subacquea usata per il Vasa

Dalle campane ai primi scafandri
Molti di voi hanno sentito parlare delle campane subacquee,  camere a tenuta stagna sostenute da un cavo, provviste di un’apertura sul fondo, che venivano calate sott’acqua come base di appoggio per un gruppo di subacquei. Vennero descritte per la prima volta in antichità da Aristotele nella sua opera “Problemi“, nel IV secolo a.C.. La prima campana subacquea moderna risale al 1535 e si deve a Guglielmo da Lorena, all’ingegnere Francesco De Marchi e dell’architetto Leonardo Bufalini. Fu proprio il De Marchi, eclettico personaggio del tempo che nel 1535 effettuo un’impresa straordinaria per i suoi tempi: l’immersione, nel lago di Nemi alla ricerca delle enormi navi dell’Imperatore Caligola effettivamente presenti nelle acque del lago. nel tempo furono utilizzate per uso commerciale  dai pescatori di spugne e per il recupero di alcuni dei cannoni della nave svedese Vasa, a seguito del suo affondamento nel suo primo viaggio. I tempi di permanenza erano ovviamente limitati e solo nel 1690, Edmund Halley sviluppò una campana completa di una finestra per l’esplorazione subacquea. Nella sua campana l’aria era portata da un tubo collegato alla superficie. Oggi il nostro storico Fabio Vitale ci racconta il fantastico viaggio dell’esplorazione subacquea, dalle campane subacquee ai primi scafandri. 

18zbi3x45xixajpg

Il primo diving helmet di Edmond Halley, tardo XVII secolo

Nei primi anni dalla sua invenzione, l’uso dello scafandro era praticato in totale assenza di conoscenze circa le conseguenze dovute all’esposizione del corpo umano agli effetti della pressione. Ben prima delle apparecchiature da palombaro erano usate per i lavori subacquei le campane. Questi marchingegni altro non erano che una sorta di bicchiere capovolto portato sott’acqua. L’aria intrappolata nella campana (apparecchiatura sperimentata a partire dalla seconda metà del Cinquecento) permetteva ad un uomo di calarsi nelle profondità fino a toccare il fondale per brevi operazioni volte per lo più al recupero di oggetti.

FIGURA A

Fig. A – la Campana di Charles Spalding 1775

Nel 1775 troviamo la Campana di Charles Spalding, dal nome del suo realizzatore, un droghiere scozzese di Edimburgo la cui storia ben rappresenta quel periodo pionieristico. Ebbe il grande merito di migliorare una campana già esistente, quella di Halley, risolvendo il problema della manovrabilità. All’epoca non era facile spostare dalla superficie queste campane e Spalding ideò un sistema di zavorre che, attraverso delle carrucole, permetteva agli occupanti della campana di farla salire o scendere. Ebbe un notevole successo ma pagò caro il rischio di questa nuova attività intrapresa. Infatti, nel 1783, durante alcune immersioni su un relitto nella Baia di Dublino, Charles Spalding e suo figlio morirono per avvelenamento da anidride carbonica. In epoca più tarda (nella seconda metà dell’Ottocento) saranno introdotti i cassoni, che permetteranno a intere squadre di operai di lavorare sul fondale in un ambiente asciutto perché privato dell’acqua attraverso l’immissione di aria compressa. Si poterono così compiere grandiosi lavori di scavo e costruzioni di fondamenta per ponti, moli, strutture portuali, ecc. In entrambi i casi, gli uomini erano esposti agli effetti della pressione. Normalmente le profondità non erano particolarmente elevate ma comunque capitava di superare i dieci metri di profondità, magari con tempi di esposizione alla pressione anche abbastanza lunghi. Una volta in superficie poteva accadere che il malcapitato fosse colto da un attacco di embolia (anche mortale). In questi casi il referto parlava spesso di “colpo apoplettico” essendo appunto del tutto sconosciuti gli effetti della respirazione dell’aria a pressioni maggiori di quella atmosferica. Fu la stessa identica cosa anche per i primi palombari che non avevano la minima idea di come l’attività di immersione potesse comportare una qualche modificazione all’interno del proprio corpo. L’uomo sott’acqua era uguale all’uomo sulla terra, tutto quello che poteva accadere era visto come un problema meccanico: gli incidenti erano la conseguenza dello sforzo richiesto dall’attività subacquea a un fisico non adatto o l’accidente in questione era nel destino o nei problemi relativi all’inquinamento dell’aria respirata.

FIGURA B

Fig. B – Incisione raffigurante un palombaro al lavoro in carena. Era questa la situazione più pericolosa per incorrere nel “colpo di ventosa”, incidente spesso fatale per il palombaro.

E’ da qui che nasce il proverbiale coraggio di questa particolare categoria di marinai e che l’immaginario collettivo ha sempre considerato come uomini molto speciali. In effetti, ci voleva molto coraggio per mettersi dentro uno scafandro e affrontare non solo il buio, il freddo, la fatica, il pericolo dell’annegamento o dell’asfissia ma anche misteriosi malesseri cui ogni tanto qualche palombaro soggiaceva. Il coraggio di affrontare l’ignoto richiede sicuramente doti particolari. In seno alla Marina, nei primissimi anni, c’era comunque una certa salvaguardia dovuta al prevalente utilizzo dei palombari all’interno dei bacini portuali e che portava ad effettuare immersioni in profondità relativamente limitate.

Le prime procedure di immersione
Con l’avanzare delle scoperte scientifiche del fisiologo francese Paul Bert, divulgate in un suo lavoro del 1878, si cominciarono ad adottare delle procedure d’immersione che, se rispettate, avrebbero dovuto evitare qualunque problema dovuto alla eliminazione dell’azoto in fase di risalita. E’ molto interessante, soprattutto per gli odierni subacquei, dare un’occhiata alla procedura adoperata tra i palombari della Regia Marina Italiana fino ai primi anni del Novecento ed estratta dall’analisi dei manuali e di altre pubblicazioni dell’epoca:

OPERAZIONI PER LE IMMERSIONI METODO ADOTTATO
Discesa a fondo del palombaro Con velocità uniforme percorrendo due metri della profondità da raggiungere in un minuto primo
Venuta a galla del palombaro Con velocità uniforme impiegando un minuto primo per ogni metro della profondità raggiunta qualunque essa sia stata
Tempo di permanenza del palombaro sott’acqua, in rapporto alla profondità raggiunta Nessuna norma
Quantità di aria da fornirsi dalla pompa per il palombaro Nessuna norma speciale, solo un generico richiamo al fatto che alla pompa ci debbano essere due serventi
Genere di pompe da usarsi nelle immersioni Tipo Rouquayrol-Denayrouze del sistema Giffard
Numero dei cilindri di pompe da mettersi in opera alle singole e varie profondità Nessuna norma speciale
Numero degli uomini ai volani Nessuna norma speciale, solo la generica istruzione che i due serventi alla pompa non lasciano mai di pompare, tranne al comando espresso della guida.
Numero dei giri delle pompe al minuto primo Nessuna norma
Profondità raggiunta dai palombari In media fino a metri trenta
Soccorsi ai palombari Previsti solo i soccorsi in casi di asfissia e annegamento del palombaro, non si fa alcun cenno all’embolia gassosa.


fine I parte

fabio vitaleFabio Vitale
studioso di storia della subacquea 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 722 times, 1 visits today)
Share

4 commenti

3 Pings/Trackbacks

  1. […] I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento pa…22/04/2018 […]

  2. […] I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento pa…22/04/2018 […]

  3. 24/04/2018    

    Grande Fabio, sono orgoglioso di conoscerti. Complimenti per la tua abnegazione nella ricerca, di certo non agevole, di documentazione e testimonianze così antiche.

  4. […] I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento pa…22/04/2018 […]

  1. I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento e primi anni del Novecento - IV parte di Fabio Vitale - Ocean for Future on 02/05/2018 at 18:39
  2. I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento e primi anni del Novecento – III Parte di Fabio Vitale - Ocean for Future on 29/04/2018 at 1:38
  3. I palombari della Regia Marina e le procedure d’immersione nella seconda metà dell’Ottocento parte II - di Fabio Vitale - Ocean for Future on 24/04/2018 at 6:44

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share