If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Ambizioni strategiche della Marina russa

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XX – XXI SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: Marina russa

mistral russa

la Mistral che doveva essere russa

Dopo il lungo periodo di stasi a seguito del crollo dell’Unione Sovietica, negli ultimi anni Mosca è tornata a riflettere su come rilanciare le sue forze navali. Era l’ottobre del 2008 quando l’allora presidente Medvedev nominò come ministro della Difesa Anatoliy Serdyukov affinché studiasse un piano per dotare la Marina di sei nuove portaerei da destinare alle flotte del Pacifico e del Mare del Nord, con la prima pronta fra il 2013 e il 2015.

L’anno precedente il  comandante in capo della Marina russa, ammiraglio Vladimir Masorin, aveva rilanciato le ambizioni oceaniche della Russia affermando che entro i vent’anni successivi Mosca avrebbe schierato sei gruppi da battaglia di portaerei (carrier group), costituendo la seconda flotta di superficie più potente al mondo dopo quella statunitense che, tuttoggi mantiene in servizio attivo dieci gruppi da battaglia di portaerei. Nel 2009, la Strategia di sicurezza nazionale della Federazione russa individuava proprio nella Marina uno dei pilastri attraverso cui riportare la Russia allo status di potenza globale indiscussa.

L’immissione in servizio di una nuova classe di portaerei avrebbe così gratificato l’orgoglio nazionale di un paese orfano dello status di grande potenza e, soprattutto, della Marina forgiata dall’ammiraglio sovietico Sergei Gorshkov, che fu in grado di competere alla pari con le forze degli Stati Uniti al tempo della guerra fredda. Ciononostante, negli ultimi anni, la parabola seguita dalla Marina russa si è rivelata ben diversa. Piuttosto che dedicarsi allo sviluppo di capacità d’intervento a lungo raggio, sul modello della Marina Usa o, in misura minore, della Royal Navy britannica, Mosca ha finito per privilegiare la componente delle sue Forze marittime dedicata alla difesa costiera (fregate e corvette) o alla deterrenza strategica (i sottomarini nucleari), lasciando che le unità di superficie maggiori, che un tempo costituivano il nerbo delle forze d’altura sovietiche, si deteriorassero col passare degli anni. È il caso della portaerei Admiral Kuznetsov (in servizio dal 1991) che, quando sarà messa in disarmo, non troverà nessuna portaerei pronta a rimpiazzarla, o dell’ultimo incrociatore lanciamissili a propulsione nucleare d’età sovietica Pyotr Velikiy, oggi ammiraglia della Flotta del Nord.

russia-portaerei-kuznetsov

Admiral Kuznetsov

I programmi di riarmo della Marina russa non lasciano dubbi sulle priorità delle sue forze di superficie nella prossima decade, con contratti di acquisto per unità minori (le già citate fregate multiruolo classe Admiral Gorshkov e Krivack-IV, oppure le corvette di classe Steregushchii, Project 22160 e Buyan), strumenti  ideali per difendere la periferia marittima e gli interessi della Federazione. Una riscoperta di una politica navale che risale ai tempi degli zar. Questa componente navale a difesa del territoriale opererebbe in tandem con la componente sottomarina che rimane una fra le più capaci e letali al mondo. Una protezione degli interessi russi che si estenderebbe all’Artico, alle acque del Pacifico nord-occidental ed al Mar Nero, regioni marittime politicamente ed economicamente importanti in cui Putin intende riaffermare a pieno titolo la propria egemonia.

Progressi tecnologici, mutamenti climatici e corsa alle risorse energetiche hanno infatti rimesso in discussione un assunto su cui si erano fondate alcune delle principali teorie geopolitiche del pensiero strategico occidentale: l’inviolabilità dell’Artico, barriera che da settentrione ha influenzato per oltre due secoli scelte e mosse di politica internazionale del mondo russo. Ciò ha dato il là alla competizione fra le potenze artiche (soprattutto Russia, Norvegia e Canada, quindi Stati Uniti e persino Cina, via Groenlandia e Islanda) per accaparrarsi le ingenti risorse celate nei suoi fondali e assumere il controllo delle rotte commerciali. In particolare, la nuova strategia artica della Russia è fondata sulla costituzione di un Comando Interforze Artico preposto a “vegliare” su quella che l’ultima Dottrina militare definisce come un’area prioritaria per gli interessi della Federazione.  Un’area in cui riaprire le basi ex-sovietiche, dal Mare di Barents allo Stretto di Bering, ed  effettuare pattugliamenti sempre più frequenti con le unità della Flotta del Nord sulle acque del Passaggio a Nord-Est.

Le Mistral avrebbero così potuto concorrere a rafforzare la presenza russa nella regione artica e a difendere gli interessi della Federazione alla luce della competizione ivi montante. Ma avrebbero avuto un ruolo di primo piano anche nei teatri del Pacifico e del Mediterraneo: in Asia Orientale, ove l’assertività cinese ha innescato una corsa al riarmo navale che coinvolge le maggiori potenze dell’area, e dove Mosca ha dal 1945 una disputa irrisolta sulla sovranità delle Isole Curili con il Giappone che incide sulle proprie pretese nel mare di Ochotsk (ricco di risorse energetiche e ittiche); nel Mar Nero, la cui flotta è quella meglio posizionata per intervenire nel Mediterraneo (tanto più dopo gli ultimi accordi con Cipro e l’Egitto) e che fino a oggi poteva contare solo sull’incrociatore Moskva quale unità maggiore per le campagne al di là dello stretto del Bosforo.  D’altro canto, mantenere in servizio attivo unità come le Mistral avrebbe avuto un suo costo, drenando risorse e assetti da una flotta di superficie usurata dal trascorrere degli anni e in attesa di rimpiazzi per continuare a operare al pieno delle proprie capacità. Come ogni altra portaerei o portaelicotteri, le Mistral avrebbero infatti necessitato di una scorta preposta alla loro difesa (cacciatorpediniere, fregate e sottomarini) ogniqualvolta avessero preso il mare per una missione; le loro possibilità operazionali sarebbero dipese dalla capacità della flotta di assicurarsi di volta in volta il controllo marittimo e, se necessario, di saperlo difendere. L’ordine di Hollande di fermato la consegna della Vladivostok potrebbe allora non costituire una sconfitta per Mosca: l’accordo del 2011, quantomeno controverso, avrebbe assicurato alla Russia assetti moderni con cui rilanciare le proprie ambizioni marittime ma a patto di saperle adattare agli imperativi strategici della Federazione e, soprattutto, allo stato effettivo delle proprie forze navali. La notizia di procedere autarchicamente affidando la costruzione al Nevskoye, il principale attore russo nella progettazioni di grandi navi di superficie, compresi porta container civili e navi cargo, incuriosisce. In particolare la dichiarazione di Sergey Vlasov, CEO di Nevskoye, sulla possibilità di costruire ben due tipi di portaerei: una nave a propulsione nucleare (con un dislocamento di 80-85 mila tonnellate e circa 70 aerei a bordo) ed una portaerei non nucleare (da 55-65 mila tonnellate e 55 aerei) fa comprendere la volontà di modificare la capacità di proiezione della nuova flotta russa.

Facile a dirsi ma difficile da realizzare. Rimane aperta la constatazione su come dare protezione a queste navi. Si tratta di un cambiamento epocale che potrebbe non essere sostenibile da Mosca.  

in parte liberamente estratto dall’articolo di Alberto de Sanctis  a cui si rimanda per una lettura completa – copyright Limesonline 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 156 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share