If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il Vulcano Marsili, cosa sappiamo di questo grande vulcano sottomarino di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: ODIERNO
AREA: MAR MEDITERRANEO – SICILIA
parole chiave: vulcano
.

Vulcano Marsili … esiste un pericolo tsunami?
Nelle profondità del Mar Tirreno meridionale giace il più grande vulcano sottomarino europeo, disteso nei fondali tra la Calabria e la Sicilia. Contrariamente a quel che si pensa, il Marsili è un vulcano attivo, adagiato a circa tre chilometri di profondità, con la sua sommità a circa 500 metri sotto il livello del mare. 

mars

Nel Tirreno esistono altri grandi vulcani ancora troppo poco studiati ma meritevoli di attenzione: dal Vavilov al Magnaghi, Palinuro, fino ai più piccoli Glauco, Eolo, Sisifo, Enarete. Le dimensioni del Marsili sono imponenti: circa 70 km di lunghezza e  30 di larghezza, coprendo un’area di circa 2.100 km quadrati.

fig-2

Un gigante assopito che nasconde ancora molti segreti ed ha l’attenzione continua dei nostri vulcanologi per la sua potenziale pericolosità essendo di fatto un vulcano attivo come il vicino Stromboli, nelle isole Eolie. Tutti i vulcani sottomarini attivi proiettano materiale lavico dai loro crateri sommersi … il materiale che si raffredda, scivola lungo le pareti esterne del vulcano e crea, in accumulo, pendenze con un’inclinazione  piuttosto accentuata. Per capire l’effetto, immaginate di far cadere della sabbia verticalmente su un piano, lentamente si formerà un cono che man mano diventerà sempre più alto per poi collassare lateralmente. Lo stesso fenomeno può accadere in fondo al mare in prossimità di un vulcano sottomarino. Il materiale, a seguito del collasso, franerebbe verso il basso e può generare delle forze che causerebbero eventi sismici e tsunami. Nel caso del Marsili, la quota massima del vulcano, rispetto al fondo, è mediamente di 900 metri. L’eventuale scivolamento del materiale causerebbe quindi un collasso di una parte dell’edificio vulcanico generando una frana di circa 20 km cubi di materiale, circa otto volte maggiore di quella spaventosa generata dall’esplosione del Mount St. Helen nel 1980.

220px-MSH80_st_helens_eruption_plume_07-22-80

Il plume dell’eruzione del Saint Helen, il 22 luglio 1980

Questo movimento sismico potrebbe provocare uno tsunami con onde gigantesche che, nello spazio di dieci minuti, raggiungerebbero le isole Eolie con onde alte tra i 25 e i 35 metri. L’effetto raggiungerebbe quindi le coste della Calabria e della Sicilia con onde fino a venti metri di altezza, devastando la costa. Naturalmente questa ipotesi drammatica è basata sull’ipotesi teorica di un ipotetico collasso del vulcano. Ma quanto può essere veritiera? Per rispondere bisogna conoscere meglio questo gigante sommerso.

Cosa sappiamo del Marsili?
Le conoscenze sul vulcano Marsili sono legate ai dati geofisici e ai campioni di carotaggio prelevati dalla sua sommità. Sappiamo che possiede un’attività idrotermale attiva e presenta un’attività sismica legata ad eventi di fratturazione superficiale ed al degassamento nella zona centrale. Questa zona appare più leggera perché interessata dalle fratture superficiali e dalla circolazione di fluidi idrotermali. Dai carotaggi è emerso che le eruzioni più recenti avvennero in prossimità del settore centrale a circa 850 metri di profondità circa 5000 e 3000 anni fa, tra l’altro con un basso indice di esplosività. Considerando i dati raccolti, gli scienziati hanno valutato che se avvenisse una nuova eruzione vulcanica sottomarina a quella profondità (ovvero tra i 500-1000 metri) l’unico effetto in superficie sarebbe … il ribollire dell’acqua a seguito del degassamento ed il galleggiamento in sospensione di materiale vulcanico sciolto (pomici).

Per cui i vulcanologi ritengono che il rischio associato a possibili eruzioni sottomarine è da ritenersi al momento trascurabile ovvero estremamente basso. Nel caso, come misura preventiva,  si potrebbe ipotizzare solo un instradamento (re-routing) temporaneo del traffico mercantile. Quello che invece non è ancora noto è la ripetibilità storica delle eruzioni del Marsili perché i dati inerenti il numero e frequenza delle eruzioni sono ancora troppo limitati e non consentono valutazioni statistiche significative.

Quanto è alto il rischio di pericolosità di tsunami nel Tirreno meridionale  nel caso di collasso del vulcano Marsili?
Il collasso laterale di vulcani sottomarini è un fenomeno conosciuto, relativamente frequente ma non è detto che possa produrre fenomeni sismici tali da provocare degli tsunami. I geologi pensano che questi sono generalmente più associati a terremoti ed a frane della scarpata continentale. Gli studi su questo grande vulcano sono ancora incompleti ma la sua morfologia, ricavata dai profili ecografici, non presenta evidenze di significativi collassi laterali negli ultimi 700.000 anni di attività. Vi sono solo evidenze di seafloor sliding superficiali limitate al settore centrale del vulcano.

Questi franamenti di materiale sembrano non essere in grado di produrre tsunami perché coinvolgono volumi irrisori di roccia disgregata e sono soliti verificarsi sui conoidi sommersi davanti alla foce di fiumi o sul tetto della scarpata continentale, lungo i canyon sottomarini. Inoltre, nei record storici e geologici degli tsunami lungo le coste tirreniche non vi sono evidenze di onde anomale ricollegabili al Marsili. Ovviamente il fatto che non sia mai avvenuto non significa che non possa mai accadere.

fig-3
Gli scienziati stanno ora studiando questo enorme vulcano con periodiche campagne geologiche, iniziate dal 2006. Misurazioni acustiche e carotaggi sono stati effettuate impiegando un Research and Survey vessel, la Universitatis. Il dottor Mattia Vallefuoco dell’IAMC-CNR ha riferito che, sebbene l’ipotesi più accreditata dagli studiosi sia che l’attività eruttiva del vulcano sia cessata 100.000 anni fa,  nel corso della ricerca, tramite il prelievo di carote di sedimento ad una profondità di circa 840 metri, sono stati evidenziati due livelli di ceneri vulcaniche dello spessore di 15 e 60 centimetri la cui composizione chimica risulta coerente con quella delle lave del vulcano. 

Quindi il vulcano appare essere ancora attivo come l’Etna, lo Stromboli ed il Vesuvio. Su base statistica non possiamo però prevedere molto e si possono fare solo modelli su i possibili effetti catastrofici che potrebbero essere causati da uno tsunami.

Che dire, l’incertezza resta e l’unica azione da perseguire è il periodico monitoraggio dello stesso.

 

print
(Visited 15.158 times, 2 visits today)
Share

5 commenti

  1. Oscar R. Oscar R.
    09/03/2016    

    Interessante. Vi segnalo l’assenza dell’apostrofo su ‘un’opzione’ nel sottotitolo del sito. Ciao!

    • admin admin
      09/03/2016    

      grazie … continua a seguirci ed inviaci i tuoi commenti che valorizzeremo con attenzione

  2. Luca Guallini Luca Guallini
    08/03/2016    

    Articolo interessante. Sull’argomento vi consiglio questo libro, che lo tratta in maniera esaustiva:

    http://www.amazon.it/sotto-italiani-grandi-vulcani-sommersi/dp/8893215926

  3. Mario Salvatore G. Di Stefano Mario Salvatore G. Di Stefano
    08/03/2016    

    Ottimo!

    • admin admin
      08/03/2016    

      Grazie, il sito e’ nato per trattare il mare a 360 gradi … anche questo e’ un modo di far comprendere i problemi e salvare il mare … fallo conoscere ai tuoi amici e se vuoi collabora con noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share