If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un mondo di plastica di Paolo Balistreri e Maria Fais

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: inquinamento, plastiche

 

 

albero-plastica

L’età moderna è la fautrice del progresso scientifico-tecnologico che ha portato all’invenzione di materiali sempre più innovativi. Tra essi, le materie plastiche ricoprono un ruolo di rilievo, sia da un punto di vista economico che ecologico. 

Parkesine, 1937 circa

La loro storia nasce già nell’XIX secolo, quando Alexander Parkes brevettò il primo materiale plastico semi sintetico, il Parkesine (più noto come Xylonite) a seguito di alcuni studi sul nitrato di cellulosa (1861-1862). Si trattava del primo tipo di celluloide utilizzato per la produzione di manici e scatole e per manufatti flessibili come i polsini ed i colletti delle camicie (www.corepla.it). 

Oggigiorno la produzione mondiale di plastica è di oltre 300 milioni di tonnellate/anno.
Una quantità notevole superata solo  da quella della carta che è di circa 330 milioni di tonnellate/anno. La sua produzione, in costante aumento negli ultimi 50 anni, ha fatto sì che venisse coniata l’espressione “Era della Plastica”, che viene applicata a tutta la seconda metà del Novecento. 

Ad oggi esistono due grandi categorie di materie plastiche:
le termoplastiche e le termoindurenti.

 

fb0594fabd

 

Le materie termoplastiche acquistano malleabilità sotto l’azione del calore: possono essere riscaldate diverse volte per formare nuovi prodotti riciclabili ulteriormente. Al contrario, le plastiche termoindurenti possono essere fuse e plasmate ma una volta assunta una determinata forma restano solide e, diversamente dalle materie termoplastiche, non possono essere fuse nuovamente (www.plasticseurope.it).

Le materie plastiche più diffuse sul mercato dei prodotti di consumo sono:
– Il PE (polietilene): usato per la produzione di sacchetti, cassette, nastri adesivi, bottiglie, sacchi per la spazzatura, tubi, giocattoli, etc;
– Il PP (polipropilene): utilizzato per la produzione di oggetti per l’arredamento, contenitori per alimenti, flaconi per detersivi e prodotti per l’igiene personale, moquette, mobili da giardino, etc;
– Il PVC (cloruro di polivinile): impiegato per la produzione di vaschette per le uova, tubazioni e pellicole isolanti tanto che lo si trova anche tra i muri di casa, nelle porte, nelle finestre o nelle piastrelle e, addirittura, nelle vesti di carte di credito;
– Il PET (polietilentereftalato): utilizzato soprattutto per le bottiglie di bibite e di acqua minerale, ma anche per la produzione di fibre sintetiche;
– Il PS (polistirene, noto come polistirolo): usato per produrre vaschette per alimenti, posate, piatti, tappi, etc.

La plastica è uno dei materiali esistenti più versatili. Le sue particolari qualità, che comprendono grandi resistenza, versatilità e durevolezza, ci permettono di tenere stili di vita che altrimenti non sarebbero possibili. La plastica contribuisce altre sì in misura importante alla sicurezza della persona: basti pensare a quella impiegata nelle automobili, che fa diminuire il peso e rende possibile l’integrazione di caratteristiche di sicurezza supplementari integrate, come per esempio gli air bag. Le schiume di plastica forniscono il necessario assorbimento degli urti, da impiegarsi in dispositivi salva-vita come i caschi per bicicletta. Nella sanità moderna si impiegano prodotti di plastica in chirurgia, nei presidi sanitari, nei composti farmaceutici, nei sistemi di somministrazione di farmaco e negli imballaggi medicali (www.letstalkplastics.com).

Tutto bene? Non direi
Oltre ai suoi vantaggi industriali, tuttavia, la plastica presenta ingenti problemi di inquinamento a causa dalla sua dispersione attraverso i rifiuti urbani e nell’ambiente circostante.  Ciò comporta un elevato danno paesaggistico oltre che situazioni di instabilità eco sistemica soprattutto a causa della sua natura praticamente “indistruttibile” (www.whatischemistry.unina.it).

DSCF1393

Negli Oceani, i rifiuti/detriti marini (marine debris/litter) sono caratterizzati in gran parte dalla presenza di microplastica che tartarughe marine e cetacei scambiano per meduse. L’ingestione è mortale e molti animali marini muoiono per asfissia.

mermaids-tears-2

mermaid tears

Un pericolo crescente, anche se inizialmente sottovalutato, sono le plastic beads,  dette anche lacrime di sirena (mermaids tears), piccole palline di plastica che vengono purtroppo rilasciate nell’ambiente terrestre durante la produzione delle materie plastiche. Simili alle uova dei pesci vengono ingerite da diversi organismi marini soffocandoli. Poiché spesso non vengono eliminate tramite i processi digestivi, queste perpetuano all’interno delle catene alimentari di tutti gli ecosistemi marini della Terra. L’inquinamento di materie plastiche in mare è difatti un fenomeno globale e persistente che ha causato la formazione di diverse isole di plastica nei vari oceani, le più grandi delle quali si trovano nell’Oceano Pacifico. Questa “grande chiazza di immondizia del Pacifico” è stata teorizzata per la prima volta dalla NOOA (National Oceanic and Atmospheric Administration – Amministrazione Nazionale per gli Oceani e l’Atmosfera) e comporta una serie di gravose conseguenze ecosistemiche (scripps.ucsd.edu) per cui è necessaria l’attuazione di un programma specifico che cerchi di arginare il problema:

http://marinedebris.noaa.gov/discover-issue.

Cosa possiamo fare?

– Incentivare i sistemi di raccolta differenziata, dal momento che le materie plastiche sono annoverate tra i rifiuti ad alta degradabilità (gestione-rifiuti.it), ma anche tra i materiali che possono essere riciclati sotto diverse forme: dalle bottiglie di PET è possibile creare dei maglioni in pile.

– Promuovere attività di riutilizzo creativo: dalle bottiglie di PET è possibile difatti ricavare diversi artefatti (www.siami.it; incredibilia.it)

Promuovere campagne di raccolta dei rifiuti nella zone interne quanto lungo costa.

Michael

– Promuovere campagne di raccolta dei rifiuti in mare grazie alla collaborazione dei centri subacquei.

– Raccogliere la plastica che troviamo in mare e in spiaggia, durante le nostre attività ricreative.

– Evitare di utilizzare le buste di plastica e i prodotti “scrubbing” per il corpo (i quali contengono le micro perle di materiale plastico).

– Incentivare la nascita di start-up ingegneristiche che consentano l’ideazione di tecnologie non invasive atte alla raccolta dei rifiuti plastici in mare.

paolo-balistreri   maria-fais

Paolo Balistreri        Maria Fais
Marine biologist      Marine biologist


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 795 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share