If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Morfologia dei fondali marini, la piattaforma continentale

 livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: NA
AREA: PIATTAFROMA CONTINENTALE
parole chiave: morfologia
.

creazione-del-sistema-solare

Tutto incominciò in un vortice
Nel buio dello spazio, circa quattro miliardi di anni or sono, si generarono intorno ad una stella giganteschi vortici di materia. Come in un tavolo da biliardo le masse di materia si scontrarono fra di loro mentre vortici locali, come in un fiume impazzito, aggregavano la materia ed i gas. Un ambiente ostile e caotico in cui si formarono i primi pianeti del nostro sistema solare ed i loro satelliti.

Il nostro pianeta non esisteva ancora, era una massa di materia che ruotando si concentrava sempre di più verso il suo centro. Poi la superficie di questo proto pianeta incominciò a mutare; si formarono le prime terre emerse, i continenti circondati dall’oceano primordiale. Fu proprio in quella massa liquida, che aveva poco della composizione chimica dei mari attuali, che il miracolo della vita avvenne. Un insieme di fenomeni chimico-fisici agirono su quel brodo  primordiale e permisero lo sviluppo delle prime forme organiche, di quei batteri che influenzarono la nascita della vita ed il cambiamento dell’atmosfera del nascente pianeta. Una storia affascinante che presto racconteremo nei dettagli.

Nelle Ere geologiche successive, la morfologia della Terra mutò più volte a seguito della deriva dei continenti fino a portarci all’attuale conformazione. Un processo senza fine che continua tutt’oggi con le cosiddette zolle tettoniche che continuano a scivolare sotto la crosta terrestre, generando  fenomeni sismici a volte di forte intensità,
.

La morfologia dei fondali marini
Oggi parliamo dei fondali marini e della loro affascinante ed ancora sconosciuta morfologia. Abbiamo un’idea di come siano conformati ma c’è ancora molto da scoprire negli abissi degli oceani.

Come abbiamo letto in altri articoli, le zolle tettoniche, chiamate anche placche, “galleggiando ” sopra la litosfera, possono avvicinarsi o allontanarsi fra loro. Un esempio classico è l’Oceano Atlantico dove queste enormi masse si allontanano in senso opposto rispetto ad una cresta mediana, formando le placche africana e sudamericana. Il loro spostamento non è scevro di problemi e possono causare eventi sismici. In altri casi le zolle possono avvicinarsi, più o meno perpendicolarmente, slittando l’una sotto l’altra, come nell’area del Pacifico dove il fenomeno ha generato la catena delle Ande.

segni evidenti della faglia di Sant’Andrea, California

Un caso estremo, se non altro per le sue conseguenze, avviene quando le placche slittano parallelamente come nel caso della faglia di Sant’Andrea, California. Questa frattura, lunga oltre 1200 chilometri, si è generata dove la placca pacifica e quella americana interagiscono parallelamente, accumulando energia e causando continui terremoti. Una situazione esplosiva che preoccupa non poco gli abitanti della California, che aspettano con terrore il Big One, il grande terremoto che potrebbe sconvolgere lo Stato al punto si separarne parte dal continente nord americano e creare una nuova grande isola.

Il passaggio delle terre emerse alle profondità dell’oceano avviene attraverso habitat geologici caratterizzati da diverse morfologie: partendo dalla linea di costa si passa dalla piattaforma continentale alla massa granitica intermedia fino alla massa basaltica dei fondi oceanici. In alcuni casi i passaggi sono repentini (come nel Pacifico) a causa delle enormi fratture che la caratterizzano. 

La piattaforma continentale (continental shelf) è la fascia compresa tra il limite delle aree costiere ed il ciglio della piattaforma continentale. Oltre questo limite la piattaforma sprofonda verticalmente negli abissi. Parlare di “limite della piattaforma” non è tecnicamente molto corretto, comunque , per praticità, si usa porlo intorno ai 200 metri di profondità. La piattaforma raccoglie la maggior parte dei sedimenti di origine terrigena, essendo di fatto il prolungamento naturale dei continenti, per cui la sua composizione è spesso dipendente da quelli presenti lungo la linea di costa.

Dal punto di vista oceanografico, la piattaforma continentale è la più studiata per un futuro sfruttamento delle risorse minerarie da parte degli Stati confinanti. Inutile dire che è anche la zona in cui gli Stati si contendono i diritti per il loro sfruttamento. Questa situazione si vive in molte aree del mondo  in cui sono nate controversie  fra gli Stati a volte sfociate in conflitti più o meno dichiarati. Dal punto di vista del diritto internazionale si cercò con la convenzione di Montego Bay di regolare tali diritti anche se con poco successo. Molti Stati firmarono l’accordo ma non quelli di maggior peso politico che si riservano ancora i diritti di poterla sfruttare a loro vantaggio. Tra i più importanti abbiamo gli Stati Uniti che non la hanno ancora ratificata.

Geologia della piattaforma continentale
Ma torniamo agli aspetti geologici. Le caratteristiche morfologiche della piattaforma continentale dipendono da molti fattori:

presenza di faglie e sbarramenti;
tipo di costa (spiagge, falesie etc);
modifiche sostanziali del livello del mare per cause climatiche e/o per bradisismi;
erosione, demolizione e trasporto di materiali da parte di fiumi;
flusso di sedimenti di diverso tipo sotto forma di detriti trasportati da fiumi e torrenti in mare (organogene, chimiche, etc);
presenza di bio-ostruzioni derivanti dalla crescita di coralli, madrepore o comunque organogene.

Come abbiamo accennato, i detriti causati dall’erosione eolica e antropica scivolano in mare e vanno a ricoprire di sedimento la piattaforma continentale originale. Essa ha una morfologia molto diversificata che è derivata dalla sua storia geologica di milioni di anni. Vi si incontrano promontori, accumuli di massi rocciosi, colline frammezzate da canali e ampie depressioni, speroni, pinnacoli, e canyon con profonde rotture verticali. Nel lato superficiale, formazioni di origine organica, come le barriere coralline e le mattes di fanerogame, ampiamente presenti nel mar Mediterraneo, generano nel tempo modifiche consistenti del fondali che possono essere osservate già nei primi metri di profondità dai subacquei.

dsc_8237-1

alternanze di sabbia, detriti e praterie di Posidonia oceanica sono comuni nel mar Mediterraneo. Le caratteristiche morfologiche influenzano l’idrodinamismo costiero e le attività antropiche come, ad esempio la pesca

L’importanza della ricerca
La necessità di conoscere la natura geologica dei fondali, per motivi scientifici e economici, richiede lunghe campagne oceanografiche necessariamente mirate al campo di ricerca, Spesso, a causa degli elevati costi, esse sono finalizzate alla ricerca delle risorse fossili (petrolio, giacimenti di carbone). Per fortuna, gli oceanografi moderni hanno oggi strumenti tecnologicamente progrediti che consentono di ottenere, in tempi relativamente rapidi, descrizioni accurate delle morfologie dei fondali. Misure batometriche, per la produzione di carte dettagliate,  e della natura dei fondali si possono ottenere con scansioni acustiche ottenute per  mezzo di sistemi side scan sonar (SSS). Queste apparecchiature, un tempo molto voluminose, sono oggi imbarcabili su mezzi navali leggeri e su moderni sistemi autonomi (droni  subacquei e di superficie).
Le immagini ottenute consentono di determinare, con un certo dettaglio, la scabrosità del fondo e di costruire carte, anche di grande scala, a fini ingegneristici e di ricerca. Una tipica applicazione di questi studi è per la valutazione delle caratteristiche morfologiche dei fondali prima della posa di condutture sottomarine. Anche in campo militare la conoscenza dettagliata dei fondali consente un valore aggiunto, specialmente nelle attività di bonifica di ordigni, necessarie per garantire sicurezza e continuità ad attività umane come la pesca.

Vogliamo chiudere questo primo breve articolo sulla piattaforma continentale con un pò di mistero. A volte, le scansioni sonar  ci restituiscono immagini curiose che pongono nuovi interrogativi sui fondali oceanici. Bizzarrie geologiche o artefatti di Ere antiche?  In questo video le potrete osservare e, forse, domandarvi se, prima di andare su Marte, sarebbe il caso di scoprire maggiormente il nostro pianeta. 

L’avventura dell’Uomo alla conquista degli abissi continua.

 

 

oceandiverAndrea Mucedola
direttore  Ocean4future 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.442 times, 5 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share