If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Eugenie Clark, la signora degli squali

livello elementare
.
ARGOMENTO: PROTAGONISTI DEL MARE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: Squali

 

quote-in-the-beginning-i-wanted-to-enter-what-was-essentially-a-man-s-field-i-wanted-to-prove-eugenie-clark-58-24-18

Oggi parliamo di una protagonista del mare del secolo scorso: Eugenie Clark. Certo oggi, rispetto al secolo scorso,  è più facile per una donna emergere in molti campi. Eugenie Clark dovette combattere a lungo per potersi imporre in un ambiente decisamente maschilista diventando con il suo lavoro la signora degli squali.

Eugenie Clark nacque a New York City, il 4 maggio 1922, da madre giapponese e padre americano, che però morì quando lei era ancora una bambina. La madre in seguito si risposò con un proprietario di un ristorante giapponese. Il richiamo del mare iniziò da subito e imparò a nuotare all’età di soli due anni;  tra i ricordi di infanzia, più vivi Eugenie raccontava che all’età di nove anni visitò il New York Aquarium, a Battery Park Manhattan, e restò incantata dalla vasca degli squali. Da quel momento sognò di poter nuotare con loro in mare aperto. Un sogno che Eugenie perseguì tenacemente per tutta la sua lunga vita, diventando una delle più grandi esploratrici degli oceani. 

Dopo una laurea in zoologia all’Hunter College, nel 1942, conseguì il master ed il dottorato alla New York University. Dobbiamo considerare che all’epoca c’erano poche donne impiegate nella ricerca di biologia marina; il suo impegno femminile fu notato ed Eugenie Clark e, successivamente, Sylvia Earle, diventarono le icone di una generazione di biologhe marine che seppero imporsi in un ambiente prettamente maschile.

27clark-3-obit-articleLarge

Eugenie Clark examines deep water sharks from Suruga Bay, Japan. Photo credit David  Doubilet

 

Durante l’Università, Eugenie Clark svolse instancabilmente attività di ricerca presso la Scripps Institution of Oceanography di La Jolla, il Museo Americano di Storia Naturale di New York, il Marine Biological Laboratory di Woods Hole, nel Massachusetts, e presso il Laboratorio Lerner Marine a Bimini. 

Nel 1949, nell’ambito di un programma di Office of Naval Research, effettuò ricerche in Micronesia sugli studi delle popolazione di pesci a Guam, alle Isole Marshall, a Palau, alle Marianne Settentrionali, e alle Isole Caroline. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca, Clark ricevette una borsa di studio Fulbright per proseguire gli studi di ittiologia presso la Stazione di biologia marina di Hurghada, sulla costa settentrionale del Mar Rosso egiziano. Queste esperienze furono descritte nel suo primo libro, Lady with a Spear (1953). Il libro fu immediatamente un successo popolare e molte ragazze incominciarono a sognare di diventare biologhe marine.

Dopo le ricerche nel Pacifico del Sud Eugenie Clark iniziò a lavorare presso la Scripps Institution of Oceanography di La Jolla, in California. Fu un soggiorno memorabile dove, nonostante molte difficoltà iniziali dovute ad un ambiente di lavoro allora ancora retrogrado e maschilista, iniziò ad immergersi con gli autorespiratori.

06_Clark Front JPEG(1)Fu proprio allo Scripps Institute che Eugenie Clark, nel 1950, iniziò le sue ricerche sugli squali. “Studiandoli,” diceva, “cominciai a capire che questi gangster degli abissi si erano guadagnati una brutta fama.” 

Eugenie Clark, dopo aver lavorato con il  New York Zoological Society (ora Wildlife Conservation Society) ed il Museo Americano di Storia Naturale, nel 1955, si trasferì a Sarasota, nel sud-ovest della Florida fondando il Marine Laboratory Cape Haze. Il laboratorio fu in seguito ribattezzato Mote Marine Laboratory dedicandosi  inizialmente  allo studio degli  squali e poi alla preservazione e conservazione  della barriera corallina ed alla ricerca biomedica marina. Nonostante condusse ricerche su numerose specie di pesci (alcune portano il suo nome) gran parte del suo lavoro fu dedicato agli squali.

Dopo   l’uscita del film Jaws, nel 1975, Clark si impegnò a cercare di dissipare i timori irrazionali del pubblico su di loro. Celebre un suo articolo su National Geographic intitolato, “Squali: Magnifici ed incompresi“. Nel 1968, Clark entrò all’Università del Maryland, dove insegnò biologia marina fino al suo pensionamento.

Pioniera nell’uso di attrezzatura subacquea per la ricerca scientifica subacquea, con oltre 70 immersioni profonde con sommergibili da ricerca e più di 200 campagne di ricerca scientifica nel mondo, Clark continuò ad immergersi fino all’età di novanta anni, anche dopo una diagnosi di cancro al polmone.

Shark Lady, come veniva scherzosamente chiamata,  è deceduta il 25 febbraio 2015 all’età di 92 anni a Sarasota, in Florida. Nella sua vita, si sposò cinque volte ed ebbe quattro figli. 

Curiosità: Non tutti sanno che Eugenie Clark scoprì il primo repellente anti squalo  nelle secrezioni di una sogliola che vive nel Mar Rosso.

eugenie-clark1Inoltre, questa signora terribile, si avventurò per prima nelle caverne sottomarine al largo della penisola messicana dello Yucatan per cercare gli “squali dormienti” in sospensione nell’acqua, una scoperta che rovesciò la convinzione degli scienziati che gli squali debbono necessariamente muoversi per respirare.

863480_origShe never outgrew this absolute fascination of looking and seeing and observing under water” disse David Doubilet, un celebre fotografo subacqueo che condivise con lei  la maggior parte delle sue missioni di ricerca per il National Geographic magazine

 

La ricerca di Eugene Clark fu sostenuta da molti centri di ricerca ed organizzazioni, tra cui National Science Foundation, Smithsonian Institution, National Geographic Society, e  National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Nella sua vita, ricevette tre lauree ad honorem D.Sc. presso l’University of Massachusetts, Long Island University, e l’Università di Guelph. Numerosi altri riconoscimenti le furono assegnati dalla National Geographic Society, la Explorers Club, Underwater Society of America, l’American Society Littoral, le WomenDivers Hall of Fame, e l’American Society of Oceanography. Come accennato, alcune specie di pesci sono state chiamate in suo onore: Callogobius clarki (Goren), Sticharium clarkae (George e Springer), Enneapterygius clarkae (Holleman), e Atrobucca geniae (Ben-Tuvia e Trewavas).

Si consiglia la lettura dei seguenti articoli pubblicati sul National Geographic magazine di :
– Clark, Dr. Eugenie. “Whale Sharks: Gentle Monsters of the Deep.” Pages 123-139, December 1992.
– Clark, Dr. Eugenie and Emory Kristof. “Sharks at 2,000 Feet.” Pages 681-691, November 1986.
– Clark, Dr. Eugenie. “Sharks: Magnificent and Misunderstood.” Pages 138-187, August 1981.
– Clark, Dr. Eugenie. “Into the Lairs of Sleeping Sharks.” Pages 570-584, April 1975.

e dei seguenti libri, su questa straordinaria protagonista del mare.

      

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 259 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share