If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Manta, signora degli abissi

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: manta, pesce, oceani
,

10917066_703773553055245_5433349227400121035_n

manta – foto Raffaele Livornese

Nell’immaginario collettivo, la manta viene visualizzata come un elegante pesce che appare dal blu sorvolando i fondali marini sostenuto dalle sue imponenti “ali”. Il nome manta deriva dal portoghese, o dallo spagnolo, e significa semplicemente mantello. Queste splendide creature marine sono anche note come “diavoli del mare” a causa delle loro pinne cefaliche che hanno la forma di due corni. Eppure … di diabolico … non hanno proprio nulla, anzi come al solito chi si deve preoccupare del contatto è sempre lei, la signora del mare.

Biologia
La manta è un pesce cartilagineo che appartiene alla famiglia dei Myliobatidae ed alla subclasse degli  Elasmobranchii, la stessa degli squali e delle razze. Il suo corpo è costituito da un disco piatto, di forma romboidale, ampio circa il doppio della sua lunghezza, con apici laterali appuntite verso le estremità.

manta_gigante-1024x576

Il capo, largo quasi un terzo dell’ampiezza del disco, presenta all’estremità anteriore una bocca molto ampia, un particolare che differenzia le mante dal genere MobulaGli occhi sono posti ai lati del capo. Sul ventre si aprono, bilateralmente, cinque ampie fessure branchiali munite di un filtro per trattenere il plancton. Sono infatti animali filtratori che mangiano grandi quantità di zooplancton ingerendolo con la grande bocca mentre nuotano. Posteriormente al corpo, si allunga una sottile appendice caudale che supera di poco, in lunghezza, il corpo ed è sormontata alla sua base da una minuscola pinna dorsale. Le mante non posseggono aculei veleniferi.

Passiamo ora a questo video che ci mostrerà la bellezza elegante di questo animale.

Ecologia
Le Mante sono animali pelagici, cioè che vivono prevalentemente in mare aperto. Cosmopolite si ritrovano in quasi tutti  i mari del mondo ma soprattutto in acque temperate (come nel Mar Mediterraneo), subtropicali e tropicali.

12509793_10101108344141760_9052021879920129920_n

l’apparizione di una manta in un immersione notturna è un evento indimenticabile

Se ne conoscono due specie che sono molto simili: la  Manta birostris, caratterizzata  da un comportamento nomade che la vede migrare negli oceani aperti, singolarmente o in gruppi anche numerosi, e la Manta Alfredi che, pur essendo anch’essa pelagica sembra avere un comportamento più stanziale. Sono ottime nuotatrici, capaci di compiere anche spettacolari salti fuori dall’acqua. Una curiosità: sebbene non sia stato provato, si pensa che questi salti possano essere dovuti al tentativo di liberarsi dei parassiti o delle talvolta fastidiose remore. La durata della loro vita non è conosciuta ma, da comparazioni con altre specie affini, si desume possa superare i 25 anni. Entrambe le specie sono elencate come vulnerabili dalla Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ed ha portato ad una serie di restrizioni locali, ponendole sotto il controllo della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (Cites).

Le minacce sono principalmente di origine antropica, dovute all’inquinamento, all’entanglement nelle reti da pesca, ed alla raccolta diretta di esemplari per l’uso nella medicina cinese (per utilizzare le loro cartilagini). Essendo il loro tasso di riproduzione basso, la specie è quindi a rischio di scomparsa.

Evoluzione
Si pensa che i primi pesci cartilaginei apparvero circa 395 milioni di anni fa, a metà del periodo Devoniano. Il primo tipo di squali primitivi comprendeva esemplari con branchie e denti regolari.

download (2)Erano privi di appendici o degli organi copulatori, ora in possesso degli Elasmobranchi. Fu durante il periodo Siluriano, circa 421 milioni di anni fa, che le classi Holocephala e Elasmobranchii si differenziarono in squali e razze. Morfologicamente oggi è relativamente facile distinguere gli squali, dal corpo fusiforme, dalle razze e dalle mante che hanno un corpo appiattito. Molti scienziati ritengono che le razze furono originate dagli squali circa 170 milioni di anni fa, durante il Giurassico, e vagavano anche loro per i mari. Con l’evoluzione si adattarono alla vita di fondo. Una delle prime specie di razze fossili ritrovate furono i Cyclobatis, che possedevano un corpo circolare ed una coda corta munita di un lungo pungiglione. Si ritiene che le mante provengano da quelle razze arcaiche ed incominciarono ad evolversi nella forma attuale circa 20 milioni di anni fa.  Le mante attuali apparvero circa 5 milioni di anni fa quando il loro pungiglione scomparve e la coda diventò una lunga frusta. Esistono pochissime testimonianze fossili degli antenati di questo genere, spiegabile per la caratteristica di possedere uno scheletro cartilagineo e quindi poco adatto alla conservazione. Sono state trovati fossili in tre zone degli Stati Uniti databili tra i periodi dell’Oligocene e Pliocene.

Dove incontrarle? 
La ricerca di questi splendidi animali attrae molti subacquei; esistono diciannove siti turistici che conducono molti subacquei alla loro scoperta: nelle Bahamas, Isole Cayman, Spagna, Isole Fiji, Thailandia, Indonesia, alle isole Hawaii, in Australia Occidentale e alle belle Maldive. 

39417-300x220Purtroppo le interazioni costanti con turisti subacquei o snorkelisti possono infastidirle interrompendo le loro presenze stanziali. Ad esempio a Bora Bora, un numero eccessivo di bagnanti e diportisti ha causato l’abbandono degli esemplari locali. Nel 2014, l’Indonesia ha emanato un divieto di pesca e di esportazione, comprendendo che il turismo per le manta sia di fatto economicamente più vantaggioso rispetto alla loro pesca. Infatti una manta morta vale circa dai 40 ai 500 dollari USA mentre gli introiti derivanti dal turismo (solo per osservarle) può raggiungere un milione di dollari  durante la vita di un singolo esemplare. Una ragione di più per proteggerle.


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 1.101 times, 4 visits today)
Share

2 commenti

  1. 08/08/2016    

    Me gusta como explican y todo lo que nos brindan para comprender mas a la vida marina,para que siempre aprendamos mas ,..no lo sabia y me impacto que en bora bora los peces se asustaron por la gran cantidad de bañistas y barcos y desaparecieron ,..

    • admin admin
      08/08/2016    

      Gracias y estad atentas … nuestra misión es para difundir la cultura del mar con todos los amigos de internet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

24 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share