If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Disastro ecologico in Brasile a Minas Gerais

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: BRASILE
parole chiave: miniere


disastro-brasile-fango-oceano
I mass media di tutto il mondo hanno recentemente mostrato delle immagini sconvolgenti della marea marrone tossica che sta affliggendo il Brasile. Sebbene le informazioni siano ancora frammentarie, di fatto lo scorso 5 novembre, nella regione mineraria di Minas Gerais, gli argini di due dighe hanno ceduto, riversando nel Rio Doce circa 60 milioni di metri cubi di sostanze inquinanti altamente tossiche.

tragedia-em-mariana-mg-730x404Si tratterebbe di fanghi ferrosi contaminati da metalli pesanti come l’arsenico, mercurio, cromo derivanti dai residui di lavorazioni industriali minerarie della zona.
I fanghi hanno letteralmente invaso la città di Mariana, continuando la loro corsa per oltre seicento chilometri e, trasportati dalle acque del fiume, il quinto del Brasile, sono giunti fino alla foce riversandosi nell’Oceano Atlantico. Acqua e terreni circostanti, foreste, aree protette, campi agricoli ed habitat sensibili sono attualmente  ricoperti dal fango tossico con danni incalcolabili per l’ambiente.

La compagnia responsabile dell’incidente e’ la Samarco Mineracao Sa, controllata dalla anglo-australiana Bhp Billiton e dalla brasiliana Vale, entrambi colossi delle miniere. Dalle notizie pervenute, sembrerebbe che il cedimento degli argini sia stato dovuto ai recenti lavori di ampliamento del canale;  al momento del crollo, il personale della ditta era all’opera per allargarlo in modo da poter trasportare una quantità maggiore degli scarti di lavorazione provenienti dalle miniere locali.
minas geraisLa regione dell’accaduto, Minas Gerais, è infatti ricchissima di minerali, estratti in un area un tempo appartenente alla foresta amazzonica ed ora disboscata causando già di partenza un danno  ecologico per tutta la regione. In quest’area di importanza economica per il Brasile  viene prodotto il 10% del ferro di tutto il Brasile. Il bilancio attuale è di 11 morti, 15 dispersi, 600 sfollati, 250.000 persone senza acqua potabile (l’acqua e’ altamente tossica). La Samarco è stata obbligata dal governo brasiliano a pagare 250 milioni di dollari di risarcimento;  una cifra considerata irrisoria a fronte di un danno stimato ad oltre 25 miliardi di dollari che, tra l’altro,  non tiene conto delle conseguenze collaterali che riguarderanno l’oceano.

fango_brasileSi ritiene che la grande biodiversità del fiume Doce sia stata completamente distrutta e diverse specie animali e vegetali, incluse alcune indigene, siano ormai considerate estinte; ora la preoccupazione del mondo è  rivolta all’impatto che la marea tossica avrà sugli ecosistemi dell’Oceano Atlantico. La foto mostra un pesce agonizzante nei liquami del Rio Doce. Si parla di milioni di pesci morti per asfissia, un tempo principale risorsa delle tribu’ indios lungo il fiume.

El Pais riferisce che Kleber Terra, direttore delle operazioni ed infrastrutture della Samarco, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “A gente teve um evento trágico. A Samarco também está envolvida e estamos muito solidários e muito sofridos com tudo que aconteceu. Não acho que seja o caso de desculpa, acho que é o caso de verificar claramente o que aconteceu”.„ La Samarco non sembra voglia assumersi colpe ma cerchi di far passare la tesi di una fatalità  legata ad un evento non ben precisato (la situazione e’ confusa sui media era apparsa la notizia di un terremoto); questo approccio di scarico di responsabilità preoccupa molto l’opinione pubblica in quanto sembrerebbe che alcuni dei politici chiamati a far luce sull’incidente siano stati in passato finanziati dalla stessa compagnia mineraria (Fonte: UOL Notícias – Deputados que vão apurar tragédia em Mariana receberam R$ 2 milhões da Vale) e che solo nel 2014 la  Samarco /Vale fu coinvolta  nel finanziamento di campagne politiche per una somma di 80 milioni di real. Una situazione confusa che potrebbe nascondere negligenze da parte della società.

Tra le principali vittime ci sono gli indios Krenak che da sempre vivono sulle rive del Rio Doce e ora, per sopravvivere, devono fare affidamento su acqua potabile e cibo offerto dai soccorritori. “Il fiume era tutto per noi, non ci forniva solo acqua e pesce, era per noi una fonte di cultura”, ha detto il capo tribù Leomir Cecilio de Souza. “Il fiume ha mantenuto la nostra gente fin dai tempi degli antenati, era sacro. Ma ora è morto”. Di fatto sulla rete si parla di Rio Morte. Gli scienziati e gli ecologisti temono che l’onda tossica, trasportata dai venti e dalle correnti, potrebbe interessare l’Abrolhos National Marine Park che racchiude un arcipelago di isole e barriere coralline dove sono presenti specie marine protette, tartarughe, delfini e balene.

Abrolhos National Marine Park

Abrolhos National Marine Park

Fortunatamente gli addetti del parco stanno operando per scongiurare la possibile moria di uova di tartaruga, tra l’altro deposte il mese scorso, ed hanno incominciato a rimuoverle portandole al sicuro. I soccorsi hanno dato il via all’Operazione, detta Arca di Noè e sono state avviate numerose azioni per arginare il pericolo ambientale, compresa una campagna per cercare i fondi necessari a salvare ambiente e le popolazioni. Chiunque abbia maggiori informazioni può commentare per far luce su questo evento che e’ stato definito uno dei maggiori disastri ecologici del Brasile.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 108 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share