If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La Marina militare italiana al termine della seconda guerra mondiale

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE  
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Marina Militare italiana post seconda guerra mondiale

 

L’umiliazione del dopo guerra
I trattati di pace di Parigi furono firmati nella capitale francese il 10 febbraio 1947 preceduti da una conferenza di pace tra gli alleati, tra il 29 luglio e il 15 ottobre 1946. Le nazioni perdenti subirono sanzioni pesantissime: la Germania non fu nemmeno considerata e, per quello che restava delle forze armate italiane, l’umiliazione fu ancora più amara di quella politica.

Cominciamo dalle clausole militari: il Regio Esercito fu portato a 185 mila unità e a 25 mila l’aviazione (con 350 aerei). Anche il tonnellaggio complessivo della flotta della Regia Marina, come vedremo nei dettagli, fu estremamente ridotto. Inoltre, le restrizioni riguardanti la Regia Marina Militare Italiana, (articolo 59), vietarono la costruzione, l’acquisto e la sostituzione di navi da battaglia, oltre all’utilizzazione e alla sperimentazione di unità portaerei, naviglio subacqueo, motosiluranti e mezzi d’assalto di qualsiasi tipo. Il dislocamento totale del naviglio militare in servizio ed in costruzione, eccettuate le navi da battaglia, non doveva superare le 67.500 tonnellate, mentre il personale effettivo non poteva eccedere le 25.000 unità.

Il protocollo navale delle quattro potenze del 10 febbraio 1947 impegnava l’Italia a mettere a disposizione delle Nazioni vincitrici (in particolare Stati Uniti d’America, Unione Sovietica, Regno Unito, Francia, Jugoslavia, Albania e Grecia) le seguenti unità navali in conto riparazioni dei danni di guerra:

navi da battaglia: Italia, Vittorio Veneto e Giulio Cesare;

R.N. Giulio Cesare

incrociatori ed esploratori: Emanuele Filiberto duca d’Aosta, Attilio Regolo, Scipione Africano, Eugenio di Savoia ed Eritrea;

Regia Nave Emanuele Filiberto duca d’Aosta

cacciatorpediniere: 5 unità classe “Soldati”, più l’Augusto Riboty e l’Alfredo Oriani;

Regia Nave classe Soldati

torpediniere: sei unità appartenenti a varie classi, fra cui le moderne Aliseo e Fortunale;

torpediniera Aliseo

sommergibili: otto battelli, di cui tre appartenenti alla recente classe Acciaio;

Regio sommergibile Acciaio ancora sullo scalo

nave scuola: Cristoforo Colombo (unità gemella dell’Amerigo Vespucci, che fu data all’Unione Sovietica e finì tristemente la sua vita in Mar Nero come … carboniera).

Regia Nave Cristoforo Colombo

La ricostruzione 
Con un così pesante fardello lo Stato Maggiore della Marina dovette affrontare la ricostruzione degli arsenali, la bonifica dei porti e delle coste dai campi minati e la necessità di riorganizzare gli staff. Il processo di ricostruzione iniziò segretamente subito dopo la guerra, in un momento in cui ancora si percepivano tensioni politiche accese nel Paese. Da un lato il desiderio di rinascita del Popolo italiano, che dopo anni di guerra aveva la volontà di riaffermare il suo valore internazionalmente, dall’altro le spinte del partito comunista italiano di avvicinarsi alla nascente Unione Sovietica.

Il Piano Marshall, ufficialmente chiamato Piano per la ripresa europea (“European Recovery Program”), fu annunciato dal segretario di Stato statunitense George Marshall il 5 giugno 1947 all’Università di Harvard, al fine di sopperire ai gravi problemi economici e sociali che avrebbero portato l’Europa ad una totale destabilizzazione. Il progetto di Marshall, già noto al Regno Unito, venne positivamente accolto dalla Francia, che chiese di estendere gli incontri preparatori anche all’Unione Sovietica. Questa, dopo un primo inziale interesse si rifiutò di partecipare al negoziato, obbligando anche tutti i paesi del blocco orientale ed i paesi baltici a fare altrettanto.

L’Italia aderì ricevendo dal 1948 al 1951 al 1204 milioni di dollari. La Francia (2296) e il Regno Unito (3297) ma anche la Germania occidentale (1448) ottennero una fetta importante del piano. In sintesi, il Piano consentì all’economia europea di superare il dramma post bellico, favorendo ai Paesi beneficiari di superare l’indice di produzione prebellico già dal 1951. nel momento in cui il flusso di aiuti terminò. Concetti come “libera impresa”, “spirito imprenditoriale”, “recupero di efficienza”, e la “tutela della concorrenza” divennero patrimonio dei paesi occidentali raffrontandosi a politiche comuniste di maggiore statalismo e rigidità.

Il rilassamento delle politiche di austerità ed il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione favorì lo schieramento politico pro-atlantista europeo che maturò nella creazione del Patto Atlantico, la NATO.

le prime riunioni della NATO in piena guerra fredda

La rinascita della Marina Militare italiana
Nel maggio del 1950 la Marina Militare ricostituì l’Ufficio dell’Ispettore per la Marina, in attesa di poter acquisire, una volta sollevate le sanzioni post belliche, una Portaerei leggera (CVL) dagli Stati Uniti, nell’ambito del programma MDAP (Mutual Defense Assistance Program). In vista di questo obiettivo, che tuttavia non fu conseguito, la Marina diede avvio alla formazione del personale di volo, inviando presso la Naval Air Station di Corpus Christi (Texas) un primo gruppo di Ufficiali e Sottufficiali (tra cui l’allora T.V. Antonvittorio COTTINI) per la frequenza dei corsi di qualificazione per conseguire i brevetti di Pilota e di Specialista del servizio aereo. Questi uomini sarebbe dovuti essere l’embrione dell’Aviazione di Marina, tanto fortemente negata dall’Aeronautica Militare nonostante questa componente operativa si fosse dimostrata fattore vincente in tanti scontri durante la guerra.

Nave Artigliere, D553, ex USS Woodworth classe Benson

Giunsero dagli USA due cacciatorpediniere classe Benson (ribattezzati Artigliere e Aviere) e altre tre unità di scorta che, utilizzate come fregate, costituirono la classe Aldebaran.

Nave Aldebaran

Sul naviglio nazionale, sopravvissuto alla guerra vennero avviati i lavori di ricostruzione/trasformazione di due incrociatori leggeri della classe Capitani Romani, trasformati nei cacciatorpediniere San Giorgio (D 562) e San Marco (D 563) che entrarono in servizio tra il 1955 e il 1956.

Nave San Giorgio, 1967 –  sul San Giorgio effettuai l’imbarco da allievo del secondo anno per la campagna navale addestrativa dell’Accademia Navale (1979), la sua ultima campagna prima del disarmo. Era una nave di altri tempi, con ancora le corazzature originali e locali equipaggio formicaio da cui spesso si entrava o usciva solo attraverso dei portelloni verticali. 

Furono poi realizzate quattro corvette della classe Alcione, prime unità di scorta costruite in Italia nel dopoguerra, e due cacciatorpediniere della classe Indomito, oltre a quattro fregate classe Centauro.

nave Indomito

Nella seconda metà degli anni cinquanta vennero emanate da parte dello Stato Maggiore della Marina le direttive per un nuovo programma di potenziamento dello strumento militare marittimo, anche noto come “Programma 1958“, che prevedeva la realizzazione di:

– due incrociatori lanciamissili e portaelicotteri classe Andrea Doria;
– due cacciatorpediniere lanciamissili classe Impavido;
– quattro fregate portaelicotteri classe Bergamini;
– quattro sommergibili classe Toti. 

Alle nuove costruzioni si affiancarono progetti di ricostruzione/trasformazione dell’incrociatore Giuseppe Garibaldi in una unità lanciamissili e del sommergibile Bario.


In quegli anni, precisamente nel 1956 (anno di nascita dell’Aviazione Navale), la Marina Militare, che aveva continuato a formare i suoi piloti nelle scuole della USN di Pensacola e Corpus Christi, iniziò a sperimentare i primi elicotteri imbarcati. Inizialmente vennero utilizzati dei Bell AB 47 G che, pur risultando decisamente insufficienti nelle loro capacità operative, effettuarono le prime prove  di appontaggio sulle fregate della classe Bergamini, le prime unità di scorta al mondo ad imbarcare elicotteri.

Nave Fasan, classe Bergamini, con AB 47 G – notare il minuscolo ponte di volo che veniva ampliato grazie ad un hangar telescopico

Era il 1958, il mondo stava cambiando e la Marina Militare italiana metteva le basi della grande Marina odierna.

Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 130 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

0 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share