If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Lo sviluppo dei Swimmer Delivery Vehicle (SDV) nel dopo guerra (ISRAELE-SUD COREA) – parte III

livello elementare
.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XX-XXI SECOLO
AREA: SUBACQUEA
parole chiave: mezzi trasportatori

 

ISRAELE
Dopo la seconda guerra mondiale, nel 1947, l’Assemblea delle Nazioni Unite il 29 novembre approvò la Risoluzione dell’Assemblea Generale n. 181 che prevedeva la creazione di uno Stato ebraico  e di uno Stato arabo mantenendo la città di Gerusalemme e i suoi dintorni con i luoghi santi alle tre religioni monoteiste, una zona separata sotto amministrazione dell’ONU. Tra il dicembre del 1947 e la prima metà di maggio del 1948 vi furono cruente azioni di guerra civile da ambo le parti. Il piano Dalet (o “Piano D”) dell’Haganah, messo a punto tra l’autunno del 1947 ed i primi mesi del 1948, per la difesa e il controllo del territorio dello Stato israeliano, e degli insediamenti ebraici a rischio posti di là dal confine di questo,  seppur ufficialmente solo difensivo, prevedeva comunque, tra le altre cose, la possibilità di occupare “basi nemiche” poste oltre il confine e prevedeva la distruzione dei villaggi palestinesi. Fu l’inizio di un lungo periodo di instabilità, tra crisi e guerre sanguinose. In quel periodo le forze israeliane crebbero in termini capacitivi Durante la guerra dello  Yom Kippur, nel ’73, uomini rana israeliani attaccarono con successo l’Egitto con minisub bagnati durante la guerra dello Yom Kippur nel ’73.
Il loro corpo speciale, lo Shayetet 13, era stato originariamente modellato sulla struttura della X Mas della Regia Marina italiana che aveva ottenuto eccezionali successi contro la flotta britannica nella seconda guerra mondiale. L’addestramento era stato curato da due italiani, Fiorenzo Capriotti ex incursore della Xª Flottiglia MAS della Regia Marinaed ex prigioniero di guerra non collaboratore degli Alleati, e Nicola Conte, ex operatore di Mariassalto.

Il 22 ottobre 1992 l’ammiraglio Ami Ayalon, comandante della marina israeliana, conferì a Capriotti la nomina di comandante ad honorem della Shayetet 13. Originariamente gli Israeliani approvvigionarono mezzi d’assalto italiani, 4 MTM, e poi un mezzo molto simile al BIR 55 prodotto dalla CABI CATTANEO.

 
Sono riportate nelle fonti storiche due operazioni:
Escort 
Durante l’operazione 13 sommozzatori dello Shayetet fecero esplodere due navi missilistiche a Ras Sadat nella baia di Suez nella notte del 7 settembre 1969. Durante il viaggio di ritorno, uno dei minuscoli mezzi, usati per trasportare i sommozzatori,  esplose e  tre commando furono uccisi. Il giorno successivo una delle navi missilistiche uscì di pattuglia, esplose e affondò. Mentre la seconda unità stava andando in suo soccorso, avvenne una seconda esplosione e la nave si incagliò.



Lady
Nella notte del 16 ottobre 1973, Shayetet 13 si infiltrò nel porto di Said con 2 mini-sottomarini “Hazir” (Hog) che trasportavano uomini rana e affondarono una torpediniera, una nave da guardia costiera, una nave da sbarco e una nave missilistica. Shayetet è un corpo di elite in grado di operare in ttte le dimensioni tradizionali. Non sono noti gli ultimi mezzi acquisiti.

SUD COREA
L’interesse verso mezzi trasportatori per le forze speciali iniziò nel Paese asiatico dopo gli anni ’50. La ditta italiana Cos.MO.S fornì mezzi trasportatori C3F modificati secondo specifiche coreane, ma di fatto un’evoluzione dei siluri a lenta corsa SSB, in grado di trasportare due o tre operatori. Dopo la chiusura della Cos.Mos.S, la ditta sud coreana VOGO Engineering, nei primi anni 2000 sviluppò una vasta gamma di piccoli veicoli sottomarini per le forze speciali basati sull’evoluzione dei CF3.

VOGO C3F

Tra di essi il SDV 340, un mezzo per operazioni clandestine sviluppato all’inizio del 2000. L’integrazione di tecnologie sofisticate, come il polimero agli ioni di litio, il motore elettrico e unpreciso sistema di navigazione, offrirono all’SDV 340 interessanti vantaggi tattici nelle missioni asimmetriche. Il mezzo, ancora in produzione, può essere lanciato e recuperato da varie piattaforme attraverso il sistema SDV 340 Recovery Vessel (SRV) che semplifica il lancio, il recupero e il trasporto sia a terra che in mare.

In seguito Vogo Engineering sviluppò in seguito mezzi misti, ovvero impiegabili in superficie e sott’acqua.

SDV 1000 W
Interessante il modello SDV 1000 W, un mezzo ibrido (sommergibile/mezzo veloce progettato con un motore di propulsione diesel per i trasferimenti di superficie. Il mezzo può trasportare un team di subacquei su lunghe distanze,  avvicinandosi al bersaglio in maniera occulta. 

Il mezzo sembrerebbe sia già operativo nella Marina sud coreana e può trasportare dieci operatori a più di 150 miglia nautiche dal punto di rilascio, prima di immergersi per l’attacco in immersione al suo bersaglio. Può essere trasportato da mezzi navali ma anche, cosa interessante, da aerei da trasporto C-17 e C-130.

In sintesi, in un mondo in cui le operazioni asimmetriche assumeranno sempre maggiore importanza si ritiene che lo sviluppo di questi mezzi progredirà in futuro con indubbie ricadute sulla pianificazione dei mezzi attivi e passivi di difesa. Mezzi tecnologicamente sempre più sofisticati e prestanto ma dove i protagonisti saranno sempre quegli uomini ombra che li useranno nelle loro missioni impossibili.

 

le immagini, se non specificato, sono estratte da Covert shores

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 115 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share