If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Emergenza COVID-19: il Gruppo Operativo Subacqueo del COM.SUB.IN. consegna le maschere in dotazione per i trattamenti iperbarici all’Ospedale Sant’Andrea di La Spezia

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZA 
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SUPPORTO IPERBARICO
parole chiave: Camere di decompressione, COM.SUB.IN. 
.

Recentemente è stato pubblicato su www.marina.difesa.it un articolo del comandante Gianpaolo Trucco, ufficiale palombaro del COM.SUB.IN. su un’importante e meritoria iniziativa nata nell’ambito degli operatori dell’Ufficio Tecnico Subacqueo del Gruppo Operativo Subacqueo (G.O.S.) del Comando Subacquei ed Incursori (COM.SUB.IN) della Marina Militare.

a sinistra in alto sul sedile, le maschere impiegate per i trattamenti iperbarici e fornite all’ospedale civile di La Spezia – Photo credit Marina Militare Italiana

Uno dei compiti del COM.SUB.IN. è  il supporto sanitario di emergenza con le proprie camere di decompressione sia al personale dei sommergibili sinistrati sia ai propri operatori subacquei. In situazioni di emergenza questi assetti sono messi a disposizione della collettività, mediante interventi di ossigeno terapia iperbarica che ogni anno hanno salvato tantissime persone. Sebbene ogni Forza Armata sia predisposta per il supporto sanitario ai propri membri, al suo interno esistono centri di eccellenza che, tramite le direttive dei rispettivi Ispettorati Centrali di Sanità, conducono anche studi e ricerche.  Il dottor Ruffino, Capitano di Vascello Medico del COMSUBIN, e Consulente del Consiglio SIMSI per la Marina Militare italiana, ha sottolineato come “Quello che però caratterizza (… il COM.SUB.IN. …) rispetto alla Sanità delle altre Forze Armate è …  la Medicina Subacquea che trova la sua massima espressione proprio al Varignano presso il Comando Subacquei ed Incursori“. 

Camera di decompressione del COM.SUB.IN. Photo credit Marina Militare Italiana

Le attività sanitarie svolte presso il COM.SUB.IN includono il supporto a tutte le attività subacquee del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) e del Gruppo Operativo Incursori (GOI). Tra queste l’importante supporto anche alle immersioni profonde eseguite sia in intervento che in saturazione. Nei limiti delle risorse disponibili si eseguono presso l’Ufficio Studi ricerche di fisiologia subacquea volte ad apportare nuove conoscenze nel campo della biologia cellulare, cardiologia ed elettroencefalografia, e sperimentazioni per il trattamento delle patologie legate all’immersione.

Camere multiposto iperbariche . la formazione prevede anche l’abilitazione del personale al loro uso Photo credit Marina Militare Italiana

Questo viene fatto in collaborazione con Università e Centri di ricerca nazionali ed internazionali con i quali la Marina Militare ha firmato accordi di studio e formazione. Nel contempo vengono formati medici ed infermieri di tutte le Forze Armate con corsi avanzati di Medicina Subacquea ed Iperbarica. Presso il COM.SUB.IN. è attivato uno dei due Servizi di Medicina Iperbarica (l’altro è presso il Centro Ospedaliero Militare di Taranto) della Marina Militare, per trattamenti di Ossigeno Terapia Iperbarica in convenzione le ASL locali. In particolare, grazie a queste Camere di Decompressione possono essere trattate malattie da decompressione conseguenti ad attività subacquee anche avvelenamenti da monossido di carbonio, gangrene gassose, lesioni da schiacciamento o fratture a rischio e molte altre patologie.

Il comandante Bisaglia del COM.SUB.IN consegna le maschere al direttore del Reparto Rianimazione dell’Ospedale S. Andrea della Spezia, Dott.ssa Cinzia Sani – Photo credit Marina Militare Italiana

Come risposta all’emergenza COVID 19, il Gruppo Operativo Subacquei (G.O.S.) ha suggerito al Comando del COM.SUB.IN. l’opportunità di utilizzare le maschere oronasali, impiegate negli impianti iperbarici nell’ambito delle attività di rianimazione condotte negli ospedali.

L’idea è nata proprio dagli operatori tecnici iperbarici dell’Ufficio Tecnico Subacqueo del G.O.S. che hanno riscontrato le analogie d’impiego di questi sistemi con quelli del personale sanitario in servizio nei reparti di rianimazione. Queste maschere, realizzate per essere impiegate in ambienti iperossigenati, sono già dotate di valvole di non ritorno per il gas in ingresso e in uscita, e possono essere collegate ai filtri antivirali già in uso negli ospedali.

Grazie al coordinamento con l’Assessore alla Sanità della Spezia, dott. Gianmarco Medusei, il primo aprile sono state consegnate 15 maschere oronasali al direttore del Reparto Rianimazione dell’Ospedale S. Andrea della Spezia, Dott.ssa Cinzia Sani. Le prime impressioni nelle prove d’uso di questi dispositivi sanitari sono state positive. Le maschere sono confortevoli, con un alto potere filtrante e riutilizzabili infinitamente, in quanto lavabili e sterilizzabili. 

Un’intuizione, quella dei palombari del G.O.S., che testimonia ancora una volta la vicinanza sostanziale della Marina Militare verso la difficile e straordinaria opera di medici e infermieri che sono in prima linea nella lotta contro il virus. E’ del 1 aprile la notizia dell’ospedale da campo della Marina Militare in prossimità dell’ospedale Carlo Urbani di Jesi. Sul luogo, per la realizzazione della struttura, stanno operando i Fucilieri del San Marco provenienti dalla Caserma “Carlotto” di Brindisi. Tutto il materiale necessario per l’allestimento è giunto da Brindisi con una nave. Arrivato anche il personale sanitario della Marina Militare, composto da settanta unità, e venti tecnici incaricati del montaggio. Un’attività che medici e infermieri della Marina stanno già effettuando in rinforzo alle componenti civili in altre aree italiane e che fa parte del supporto che la Forza Armata, da sempre impegnata in compiti strettamente connessi anche con il mondo civile, effettua a favore della collettività nell’ambito del cosiddetto “impiego duale e complementare” che include anche il sostegno sanitario, umanitario e sociale, integrandosi con enti e associazioni statuali e non governative, in caso di emergenze sanitarie.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 430 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Bruno Cammarota Bruno Cammarota
    14/04/2020    

    Eccellente,
    con la grave pandemia in atto, stiamo sperimentando (come vado sostenendo da tempo ) il ruolo e legame profondo fra paese reale e istituzioni militari e la novità è nel supporto alla vita civile e alla democrazia. Questa è per me la chiave del rapporto moderno Stato-Istituzioni, bene. Il contributo mi pare importante e da sviluppare in tema di efficacia dei DPI nella protezione degli operatori sanitari. In questo momento studio la protezione ambientale applicabile. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share