If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Esplorare la twilight zone per comprendere il nostro futuro

livello medio
.
ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: cambiamenti climatici , ciclo del carbonio

 

Gli Oceani questi sconosciuti
Sebbene tutti parlino della necessità della loro conservazione per il nostro futuro, tutti i Paesi continuano politiche basate sullo sfruttamento inconsiderato delle risorse del Continente blu. Gli oceani ospitano la maggior parte della biomassa degli animali e ci aiutano a rimuovere circa quattro miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera ogni anno. Senza questo contributo non ci sarebbe vita sulla Terra.

Twilight zone: una medusa bioluminescente in acque profonde nella fossa delle Marianas dell’Oceano Pacifico (NOAA Office of Ocean Exploration and Research via AP)

Per millenni l’Umanità ha solcato i mari, creando economie, diffondendo culture, imponendo le proprie leggi per stabilizzare le rotte marine, studiandone le caratteristiche chimico-fisiche e oceanografiche. Eppure gli Oceani sono ancora largamente sconosciuti. Ora, gli scienziati si stanno preparando per investigare la zona del crepuscolo (twilight zone), uno strato oceanico in gran parte inesplorato, compreso tra i 200 a 1000 metri di profondità, per valutare l’impatto antropico sul meccanismo di fissazione del carbonio e le conseguenze sui cambiamenti climatici, su quella fascia così importante per la nostra sopravvivenza.

Sigmops elongatus, Photo by Paul Caiger ©Woods Hole Oceanographic Institution

La NASA ha annunciato che da aprile prossimo (2020) inizierà un programma di ricerca da 25 milioni di dollari nel Nord Atlantico per studiare lo scambio del carbonio tra l’atmosfera e l’oceano profondo. Il programma sarà effettuato in maniera multidisciplinare con altri Centri di ricerca. Secondo Dave Siegel, oceanografo dell’Università della California di Santa Barbara e a capo del progetto della NASA, si tratta della attività oceanografica più impegnativa mai intrapresa. La missione della NASA, soprannominata Export Processes in the Ocean from Remote Sensing o EXPORTS, si baserà sul coordinamento e condivisione dei dati raccolti con altri Centri di ricerca in tutto il mondo.

The twilight zone
La zona crepuscolare è una parte del volume d’acqua che genericamente inizia dove la fotosintesi finisce e termina dove la luce scompare completamente. Uno spazio abitato da moltissime creature, alcune ancora sconosciute, che per poter sopravvivere dipendono dai resti degli organismi morti che cadono dall’alto vero il fondo.

Le specie di invertebrati nella zona del crepuscolo sono diverse, abbondanti e possono rappresentare un’importante fonte di proteine. Credito: Flip Nicklin / NPL

Ogni notte, alcune creature risalgono dalla zona del tramonto si alzano per cacciare, effettuando quella che poterebbe essere definita la più grande migrazione di animali del pianeta. I predatori più grandi, come le balene e gli squali, si nutrono spesso in questa fascia d’acqua che sta diventando appetibile anche per noi Umani. Ad esempio sono già effettuate operazioni di pesca commerciale del krill in Norvegia e in altri Paesi a quelle profondità. Alcuni scienziati temono però che lo sfruttamento di questa riserva di proteine, aumenterà in futuro a causa della crescente domanda di cibo. Ciò potrebbe influire sulla rete alimentare marina e, in definitiva, sul clima, afferma Philip Boyd, un ecologo marino dell’Università della Tasmania a Hobart, in Australia, che sta conducendo un progetto per studiare la quantità di carbonio che precipita negli abissi dell’Oceano Antartico.

Cerchiamo di comprendere meglio questo processo fondamentale per la nostra sopravvivenza
L’oceano fornisce un servizio cruciale per l’Umanità estraendo carbonio dall’atmosfera e restituendo ossigeno attraverso il ciclo del carbonio.

Il ciclo del carbonio oceanico è un processo centrale del ciclo globale del carbonio e contiene sia carbonio inorganico (carbonio non associato agli esseri viventi, come l’anidride carbonica) sia carbonio organico (carbonio che è o è stato incorporato in un essere vivente). In estrema sintesi, il ciclo del carbonio si svolge attraverso tre meccanismi, chiamati pompe, che sequestrano e distribuiscono il biossido di carbonio atmosferico (CO2) attraverso gli oceani: la pompa di solubilità, la pompa dei carbonati e la pompa biologica.

Grazie alla pompa di solubilità gli oceani immagazzinano un’enorme quantità di carbonio reattivo del pianeta come carbonio inorganico disciolto (DIC), tramite la dissoluzione del biossido di carbonio atmosferico (CO2) nell’acqua di mare. da wikipedia

La “pompa di solubilità” oceanica rimuove l’anidride carbonica atmosferica quando l’aria si mescola e si dissolve nell’oceano superiore. Essendo l’anidride carbonica più solubile in acqua fredda, alle alte latitudini (in cui si verifica il raffreddamento superficiale) l’acqua carica di anidride carbonica affonda nell’oceano profondo e diventa parte del “nastro trasportatore” della circolazione termoalina oceanica profonda, dove rimane per centinaia di anni.

il nastro trasportatore, la circolazione termoalina profonda degli oceani

Alla fine la miscelazione riporta l’acqua in superficie in regioni più calde dove il biossido di carbonio è stato assorbito per la prima volta, ad esempio i tropici. Nelle regioni tropicali, le acque calde non possono trattenere più anidride carbonica e l’anidride carbonica viene ritrasferita nell’atmosfera. La pompa del carbonato inizia con gli organismi marini dell’oceano (conchiglie), producendo particolato di carbonio inorganico (PIC) sotto forma di carbonato di calcio (calcite o aragonite, CaCO3) che precipita sui fondali oceanici. La pompa biologica è responsabile dell’esportazione delle particelle di carbonio organico, createsi attraverso la produzione biologica. Premesso questo importante fattore, si comprende la ragione per cui la NASA stia dando un notevole impulso alla ricerca nella zona del crepuscolo, con il progetto EXPORTS iniziato nel 2018 con una spedizione nell’Oceano Pacifico settentrionale. Le basse concentrazioni di ferro in quella regione dell’oceano limitano le fioriture di fitoplancton fotosintetico, e i risultati preliminari confermano che vi è una riduzione del carbonio in profondità nell’oceano. La prossima spedizione si svolgerà vicino alle isole britanniche in una regione ricca di sostanze nutritive in cui sono presenti le principali fioriture di fitoplancton. L’intenzione dei ricercatori è identificare e seguire una fioritura, monitorando il movimento dei nutrienti attraverso la colonna d’acqua. Parallelamente, gli scienziati scruteranno le superfici oceaniche dallo spazio usando i satelliti.

La NASA utilizzerà due navi da ricerca che saranno affiancate da una terza gestita dal  Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI). Alla ricerca parteciperanno ricercatori di altri Paesi, tra cui Australia e Regno Unito, per facilitare il confronto dei risultati in futuro. Questo coordinamento è il primo importante risultato della Joint Exploration of the Twilight Zone Ocean Network (JETZON), per elaborare le priorità di ricerca, coordinare i protocolli sperimentali e condividere i dati.

In sintesi, gli ecosistemi marini sono fondamentali per comprendere come gli oceani stanno sequestrando il carbonio, ma non è chiaro come questi ecosistemi si modificheranno in futuro. Come vedete comprendere questo meccanismo è molto più importante di disquisizioni accademiche, spesso non finalizzate, sulle variazioni climatiche. Conoscere ci consentirà di capire come mitigare il clima per assicurarci un futuro.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 53 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share