If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Terra Antartica: la scoperta di un antico continente dallo spazio

livello medio
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ANTARTIDE
parole chiave: ghiacciai, mappatura digitale

 

Quando pensiamo all’Antartide ci immaginiamo una distesa di ghiacci ai confini del mondo. In realtà, a differenza dell’Artide, al di sotto degli stessi vi è un continente antico, celato fino ad oggi da spesse coltri ghiacciate che si stanno lentamente sciogliendo. Le sorprese dal punto di vista scientifico non mancano ed una nuova mappa delle montagne, delle valli e dei canyon nascosti sotto quei ghiacci ha rivelato il continente più profondo della Terra. 

Antartide – NASA ma cosa c’è sotto quei ghiacci?

Terra Antartica
Il continente meridionale ghiacciato può sembrare piuttosto piatto e privo di caratteristiche dall’alto, ma sotto quella coltre di migliaia di anni si cela un antico continente, strutturato come qualsiasi altro. Un nuovo studio ce lo rivela e la sorpresa non è tanto nella sua morfologia, che inspiegabilmente appariva anche in mappe dei tempi antichi, ma sulle sue dinamiche. Sarà ora più facile comprendere e prevedere come e quando il ghiaccio scorrerà e quali regioni saranno più vulnerabili in un prossimo futuro.

ecco cosa c’è sotto quei ghiacci – NASA 

La nuova mappa della NASA, chiamata BedMachine Antartica, unisce misurazioni del movimento del ghiaccio, sismiche, radar e altri dati per creare l’immagine più dettagliata delle caratteristiche più nascoste dell’Antartide. Secondo Mathieu Morlinghem, Università di California, utilizzando BedMachine si possono finalmente evidenzare settori dell’Antartide, studiando dettagli essenziali come dossi e cavità sotto il ghiaccio che possono accelerare, rallentare o addirittura arrestare la ritirata dei ghiacciai. 

Ma cos’è BedMachine?
BedMachine è un nuovo prodotto topografico del letto antartico basato sui dati sullo spessore del ghiaccio di 19 diversi istituti di ricerca risalenti al 1967, che comprende quasi un milione di migliaia di sondaggi radar. BedMachine stima ciò che si trova tra le linee di sondaggio radar, utilizzando informazioni altamente dettagliate sul movimento del flusso di ghiaccio dai dati satellitari che di fatto ci aiutano a comprendere il modo in cui il ghiaccio si muove.

 

La nuova mappa, pubblicata nel dicembre 2019 sulla rivista Nature Geoscience, rivela caratteristiche topografiche precedentemente sconosciute che modellano il flusso di ghiaccio nel continente ghiacciato. Queste caratteristiche hanno “importanti implicazioni per la risposta dei ghiacciai ai cambiamenti climatici“, hanno scritto gli autori dello studio, “… ad esempio, i ghiacciai che scorrono attraverso le montagne transantartiche sono protetti da ampie creste stabilizzanti“.

Comprendere come il ghiaccio scorra in Antartide diventa sempre più importante man mano che la Terra si surriscalda. Basta considerare che se tutto il ghiaccio dell’Antartide si sciogliesse, in certe zone del mondo ci sarebbero degli aumenti significativi dei livelli del mare. Lo studio mostra anche nuove scoperte geologiche come il canyon più profondo del pianeta Terra con oltre 3500 metri di profondità. 

Studiando la quantità di ghiaccio, che fluisce ogni anno attraverso questa particolare e stretta regione conosciuta come il canyon di Denman, i ricercatori hanno compreso che lo stesso sprofonda ad almeno 3.500 metri sotto il livello del mare al fine di accogliere tutto quel volume di acqua ghiacciata. Ad esempio, è molto più profondo del Mar Morto, la regione mediorientale più bassa conosciuta che si trova a 432 metri (1.419 piedi) sotto il livello del mare.

La nuova mappa offre nuove informazioni su quali regioni del continente antartico siano maggiormente esposte al rischio di scivolare nell’oceano nei prossimi decenni. Di fatto la calotta glaciale antartica ha perso massa negli ultimi decenni a causa del flusso accelerato dei suoi ghiacciai, condizionato dalla temperatura dell’oceano e dalla morfologia geologica del suo letto. I ghiacciai che si ritirano lungo i pendii retrogradi (ovvero quelli in cui l’elevazione del letto scende nella direzione interna) sono potenzialmente instabili, mentre le creste subglaciali rallentano la ritirata glaciale. Un passo avanti importante che rivela che, nonostante i grandi progressi nella mappatura della topografia del letto subglaciale, settori significativi dell’Antartide rimangono ancora scarsamente conosciuti essendo mancanti dettagli critici sulla distribuzione spaziale. 

un dettaglio dell’impressionante ghiacciaio Denman (3500 metri di profondità)

Dallo studio emergono aree con caratteristiche basali precedentemente sconosciute con importanti implicazioni per la risposta dei ghiacciai ai cambiamenti climatici: ad esempio, quelli che scorrono attraverso le montagne trans-antartiche sono protetti da ampie creste che ne stabilizzano i movimenti. Viceversa, nel bacino marino di Wilkes Land, nell’Antartide orientale, sono stati mappati pendii retrogradi lungo i ghiacciai Ninnis e Denman, con pendii stabilizzanti sotto il sistema dei ghiacciai Totten e Lambert.

In sintesi, una migliore definizione della topografia antartica ridefinirà i settori ad alto e basso rischio per il rapido innalzamento del livello del mare dall’Antartide ed avrà un impatto significativo sulle proiezioni dei modelli di innalzamento del livello del mare dall’Antartide nei prossimi secoli. Dallo studio emergono aree con caratteristiche basali precedentemente sconosciute con importanti implicazioni per la risposta dei ghiacciai ai cambiamenti climatici: ad esempio, quelli che scorrono attraverso le montagne trans-antartiche sono protetti da ampie creste che ne stabilizzano i movimenti. Viceversa, nel bacino marino di Wilkes Land, nell’Antartide orientale, sono stati mappati pendii retrogradi lungo i ghiacciai Ninnis e Denman, con pendii stabilizzanti sotto il sistema dei ghiacciai Totten e Lambert.

la visualizzazione 3D fornisce la possibilità di identificare nei dettagli la morfologia del continente Antartico

Una migliore definizione della topografia antartica ridefinirà i settori ad alto e basso rischio per il rapido innalzamento del livello del mare dall’Antartide ed avrà un impatto significativo sulle proiezioni dei modelli di innalzamento del livello del mare dall’Antartide nei prossimi secoli.


Fonti

Morlighem, M., Rignot, E., Binder, T. et al. Deep glacial troughs and stabilizing ridges unveiled beneath the margins of the Antarctic ice sheet. Nat. Geosci. (2019) doi:10.1038/s41561-019-0510-8

Greene, Chad A., et al. “Antarctic Mapping Tools for Matlab.” Computers & Geosciences, vol. 104, Elsevier BV, July 2017, pp. 151–57, doi:10.1016/j.cageo.2016.08.003.

Morlighem, M., et al. “BedMachine v3: Complete Bed Topography and Ocean Bathymetry Mapping of Greenland From Multibeam Echo Sounding Combined With Mass Conservation.” Geophysical Research Letters, vol. 44, no. 21, American Geophysical Union (AGU), Nov. 2017, pp. 11,051–11,061, doi:10.1002/2017gl074954

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 148 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share