If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La cura millenaria dello scafo delle navi di Sacha Giannini

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: trattamenti anti vegetativi, scafi, teredini

 

Da millenni i marinai hanno cercato, assieme all’arte di andar per mare, modi idonei per prevenire il “biofouling” ( bio = vita e fouling = immondizia ) e quel complesso fenomeno marino dell’incrostazione biologica. Un tempo sotto le navi non esistevano le “nanotecnologie siliconiche” ma c’era un semplice mozzo che andava in apnea a staccare manualmente le cozze e le alghe che si formavano in quantità.

Nave da guerra classica dipinta su un vaso di ceramica a figure nere rinvenuto a Cerveteri, Italia Fonte link 

Nelle memorie del tempo, l’Uomo ha sempre sfruttato le antiche percorrenze del mare, navigando con legni idonei e disponibili, lavorandoli, proteggendoli e conservandoli dall’ambiente aggressivo che ne consumava lentamente lo scafo. Nel XIII secolo, Dante Alighieri (Inferno, canto 21) descriveva come i Veneziani riparavano d’inverno i legni delle barche in cattivo stato divorati dalle Bisse (Teredini), sigillandoli con la stoppa e la pece.

Teredo navalis, Teredine

Prima di lui, Plutarco (46 – 127 a.C.) descriveva come “erbacce” e “ melme “, spazzature che colonizzavano e abitavano l’opera viva: “... aggregazioni coloniali sedentarie di Foranavi ( Teredini ) e Remore a ventosa insieme a quel mondo animale di molluschi vermiformi e di popolamenti biologici… ” furono il primo grave problema da dover affrontare.

La pece come «cera» per ungere le navi è descritta da Plinio il Vecchio (23 – 79 d.C.) come un rimedio per impermeabilizzare il fasciame delle navi dalle teredini; rimedio  ampiamente usato dai Romani. Si tiravano a secco gli scafi, si inclinavano prima da un lato, poi dall’altro rimuovendo le alghe e i crostacei, stendendo un composto detto «spalmo» formato da sego, olio di pesce, zolfo e «cerussa» (biacca) o bianco di piombo mescolate tra loro o da un composto di calce ed arsenico per prevenire l’attacco dei vermi che penetravano nelle fasciame cibandosi del loro legno.

Nei porti i piccoli e medi bastimenti erano posti “alla banda” (o abbattuti) ossia inclinati su un bordo fino all’emersione della chiglia per la manutenzione (pulizia e calafataggio) dello scafo. Si diceva anche far carena o carenaggio. Foto da Modellisti Navali Forum – Forumattivo

I Fenici ( XIII a.C.) spalmavano le carene delle loro imbarcazioni di bitume proveniente dal Mar Morto, mentre Greci, Persiani e poi anche i Romani le rivestivano di fogli metallici di bronzo, piombo e rame. Oltre alla pece e al bitume, furono usate in seguito sostanze dai nomi esotici più strani come la Dammar, proveniente dalla Indie Orientali, la Colofonia o pece greca, la Mastice dei pistacchi di Chio, la Sandracca dell’Africa, l’Ambra e la resina Coppale di Zanzibar.

Si sperimentarono fino al XVII/XVIII secolo varie tecniche per migliorare l’efficienza di scorrimento e limitare il degrado del fasciame, arrivando a testare ed utilizzare per secoli come protezione anche l’argento. Si usò anche un espediente più economico che consisteva nel ricoprire la carena con chiodi di ferro dalla larga testa triangolare (magliettatura); ma il rimedio si dimostrò presto inefficace, con due inconvenienti, la ruggine che corrodeva i chiodi e la facilità con cui venivano espulsi a causa delle continue torsioni indotte dal movimento.

nave veneziana sottoposta alla concia, da Storie e leggende venete

Intorno al 1700, gli Inglesi iniziarono a mettere nel fondo delle loro navi una guaina di rame, che respingeva gli organismi e offriva una carena ben levigata, un minore attrito all’acqua, aumentando la velocità dei vascelli e una superiorità di veleggiare. Nel 1760 si iniziò a rivestire gli scafi delle marine militari d’Europa con sottili lastre e fogli di rame inchiodate a foderare la carena di legno. Il costo troppo caro della fodera di rame indusse alcuni costruttori di navi da traffico a sostituirle con fogli di zinco; ma la breve durata di questo metallo, troppo molle per poter resistere all’azione corrosiva dell’acqua di mare, ne fece abbandonare presto l’uso.

Nel XVIII secolo ai rivestimenti in piombi si aggiunsero lastre di rame, da relitto spagnolo, Florida

Per alcuni decenni, il rivestimento di rame fu di gran moda fino a quando scafi in acciaio entrarono in uso nel 1800 in quanto le cosiddette carene “ramate” nascondevano l’inconveniente di potersi applicare solo su scafi in legno, rappresentando un ostacolo allo sviluppo delle navi in ferro per via della corrosione galvanica. L’acciaio da solo era impermeabile ai vermi, ma non al fango, alle alghe e ai denti di cane. Il successo del rame come guaina spinse quindi gli armatori a utilizzare per i loro scafi rivestimenti con vernici appropriate.

pulizia moderna delle carene – fonte Cantieri di Imperia – foto da link 

Nacquero così i primi biocidi ( dal greco bios = vita e dal latino caedere = uccidere ) come l’elemento chiave delle attuali vernici antivegetative, inibendo la formazione di incrostazioni con sostanze altamente tossiche che letteralmente “uccidono la vita”. Veri e propri veleni, inseriti nella mescola del prodotto, per la flora e fauna marina residente in prossimità dello scafo e che nel tempo vengono rilasciati in maniera controllata.

Sacha Giannini
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 98 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

23 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share