If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Detrattori del computer subacqueo: avversione preconcetta o motivata? parte I di Luca Cicali

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: computer, algoritmi

 

Mi sono deciso a scrivere questo articolo, piuttosto insolito rispetto al mio stile consueto, dopo aver partecipato ad una animata discussione con alcuni colleghi subacquei. Il tema è il solito, l’impiego dei computer subacquei, e forse dovrei specificare la loro presunta inutilità  o  avversione di alcuni verso i computer subacquei.

“Ebbene si, lo confesso sommessamente: faccio uso del computer subacqueo”. “Quante volte figliolo?”
“Ad ogni immersione Padre….”.
“Sei sinceramente pentito?” – “Beh si, ma è più forte di me, non riesco a dominarmi e ogni volta cedo alla tentazione … ” … e giù penitenze …

cerchiamo di essere obiettivi. Computer o tabelle?

Computer si computer no
Questa sincera e ingenua confessione mi ha messo all’angolo, e ho dovuto provare a discolparmi. Ero sinceramente incuriosito circa le ragioni, che a me evidentemente sfuggono, delle avversioni più radicali. Mi aspettavo, vista la veemenza delle convinzioni espresse, che tali certezze fossero supportate da evidenze chiare, documentate e inoppugnabili. Ma da parte di alcuni non ho trovato molta disponibilità al confronto, piuttosto invece un certo dogmatismo e un atteggiamento elusivo, fatto in parte di sufficienza e in parte di insofferenza. Un vero e proprio fastidio nell’essere stimolati a fornire dati, statistiche, ragionare sui numeri, a supporto delle proprie convinzioni. E proprio tra i più convinti avversari della macchina ho trovato i meno attrezzati a spiegare le proprie ragioni. Tra di loro, in alcuni casi, subacquei espertissimi con migliaia di immersioni al proprio attivo, spesso a profondità da record.

Ma purtroppo quando si parla di questioni tecnico-scientifiche non ci sono scorciatoie. Occorre dare spazio alla forza dei numeri, e applicare il rigore metodologico che ci ha insegnato un grande scienziato italiano, Galileo Galilei. Come giustamente ha detto qualcuno, la scienza non è democratica e applicare il suo metodo, si badi bene, non significa giungere per forza a verità assolute e immodificabili per l’eternità ma obbedire ad un procedimento che ci dia modo di giungere a conclusioni che sono vere “al di là di ogni ragionevole dubbio”.

Sembra una frase sibillina ma è il fondamento della verità scientifica, che è una cosa un pò più complicata della semplice verità

Ma andiamo con ordine e torniamo al cuore della discussione: l’avversione per i computer subacquei.

Le prese di posizione sui computer subacquei più frequenti sono le seguenti:

sono una presa in giro, costosi giocattoli per neo-brevettati;
• pieni di gadget inutili che servono solo a giustificarne il prezzo elevato;
• sono rigidi, non ragionano, non si adeguano alle situazioni;
• forniscono dati totalmente discordanti tra loro per immersioni identiche;
• come possono fornire dati validi per ciascun subacqueo, più o meno esperto, più o meno in forma, più o meno preparato, etc.?
• sono troppo conservativi, mi fanno sopportare decompressioni assurdamente lunghe senza alcun motivo…
• sono macchine, quindi si rompono, possono guastarsi e fornire dati errati….
non gli ho mai dato retta ed ho sempre utilizzato questa o quella metodologia empirica, o dettata dall’esperienza personale, senza aver mai avuto incidenti, quindi … sono nel giusto.

Proviamo a vederci un pò più chiaro
Partiamo dal principio che il cuore del computer subacqueo è il programma decompressivo utilizzato. Il suo compito è quello di stimare più o meno fedelmente la quantità di gas inerte assorbito dal corpo umano in ambiente iperbarico, ovvero in immersione, e raffrontare in tempo reale questo dato con un limite che a sua volta evolve in funzione della pressione ambiente e del tempo trascorso in immersione. L’esito di questa verifica determina, istante per istante, il comportamento da seguire per condurre un’immersione in sicurezza.

C’è un dato di fondo che non dobbiamo dimenticare: un subacqueo può subire incidenti embolici anche se obbedisce rigorosamente alle proprie tabelle di immersione o ad un computer subacqueo. Questi incidenti, cosiddetti “immeritati”, sono statisticamente molto rari ma divengono comunque meno infrequenti all’aumentare della profondità dell’immersione o del tempo totale di decompressione. Questo ci fa intuire che la teoria decompressiva, che sta alla base di computer e tabelle, non sia perfetta, o comunque non al punto di riuscire a governare le moltissime variabili del problema. Ma anche che: “ogni organismo è un “unicum”, e la modellizzazione approssimata delle teorie decompressive deve obbligatoriamente portare a trascurare le peculiarità legate a ciascun soggetto“.

Per limitare questa variabilità e ridurre comunque la possibilità che accadano incidenti, ogni computer è reso piuttosto conservativo, introducendo nell’algoritmo decompressivo scelto, qualunque esso sia, dei criteri di riduzione del massimo gradiente di inerte tollerabile, validi anche quando nessun fattore di conservativismo è impostato dal subacqueo che lo sta usando. In questo modo le ditte costruttrici evitano guai e vengono incontro alla forte esigenza di sicurezza da parte della stragrande maggioranza dei subacquei che eseguono immersioni ricreative, ovvero entro curva di sicurezza o poco oltre, e a profondità raramente superiori ai 30-40 metri.

Nei computer subacquei, vista la grande ed eterogenea platea alla quale sono dedicati, prevale largamente l’esigenza di garantire la sicurezza

Premesso tutto questo, proviamo ad analizzare adesso le tesi a discredito elencate in precedenza, nel medesimo ordine.

I computer sono una presa in giro, costosi giocattoli per neo-brevettati
Parliamo certamente di dispositivi costosi, ma modelli molto più performanti di quelli di qualche anno fa sono ormai piuttosto a buon mercato. Offrono ormai quasi tutti la possibilità di utilizzare miscele nitrox, e calcolano le famose tappe profonde. Buona parte del costo non è dovuto all’elettronica, ma all’esigenza di affidabilità e di funzionamento fino a pressioni elevate. Chi non ha pretese di grandi profondità, ovvero la stragrande maggioranza degli utenti, apprezzerà la sicurezza che i computer riescono a garantire pur avendo un “no-deco limit” alle varie profondità non particolarmente esteso. In ogni caso, se uno strumento è considerato essenziale ai fini della sicurezza, non è su di esso che bisogna cercare di risparmiare.

I computer sono pieni di gadget inutili che servono solo a giustificarne il prezzo elevato 
Questa critica è piuttosto fondata, anche se si tratta di una tendenza che si riscontra in tutti gli strumenti elettronici di largo consumo. Riguarda cellulari, orologi, fotocamere, palmari, tablet, le cui case costruttrici basano il proprio modello di business proprio sulla continua disponibilità di innovazioni che a prima vista (ma anche dopo attenta riflessione) possono rivelarsi non proprio indispensabili o voluttuarie. Ma questi stimoli sono sufficienti a sostenere le vendite. Stessa cosa vale (aggiungo purtroppo) per i computer subacquei. Dico purtroppo perché molti extra-gadget rischiano di rivelarsi distrattivi in uno strumento di immersione, e potrebbero portare confusione in caso di emergenza.

Disporre di troppi dati nel display è controindicato come averne troppo pochi, troppe funzioni non essenziali riducono la concentrazione, e obbligano a ricordare modalità operative non essenziali

Alcune funzioni tipicamente di superficie e di configurazione sono ormai disponibili anche in immersione e, con le dovute eccezioni, non mi pare un passo avanti. Come detto, più che a giustificarne il prezzo, esse servono a sostenere le vendite. Pur trovando quindi la critica fondata, questa non rende certo il computer uno strumento inutile.

I computer sono rigidi, non si adeguano con flessibilità alle situazioni operative
Questa è una delle tesi maggiormente condivise ma che, a mio avviso, ha meno riscontri oggettivi. In questo caso ha un ruolo la psicologia e l’orgoglio dell’essere umano rispetto alla macchina. C’è chi non accetta di buon grado di obbedire ad un computer, specialmente se sente di essere un veterano delle grandi profondità, che ha sempre saputo cavarsela anche in situazioni estreme. Riluttante comunque nel bocciare definitivamente il computer, si accontenta di avversarlo facendo leva sulla caratteristica comunemente ritenuta più tipica di una macchina: la rigidità.

In realtà gli attuali computer subacquei hanno una elasticità che non ha precedenti 

Sanno aggiornare dinamicamente il proprio livello di conservatività in base a molti fattori che aumentano il rischio: il comportamento del subacqueo in immersione, la temperatura, tratti di risalita con eccessiva velocità, immersioni multiday, l’intervallo di superficie osservato, la successione delle profondità massime in immersioni ripetitive, l’introduzione di tappe profonde in funzione del profilo eseguito. Proviamo a domandarci se qualcuno ha mai avuto riscontro di un incidente capitato a causa della “rigidità” del computer. Comunque, sul tema sicurezza, un minimo di rigidità è una garanzia: saltare una tappa che il computer reputa obbligatoria non è un comportamento flessibile, ma irresponsabile.

I computer forniscono dati totalmente discordanti tra loro per immersioni identiche
Eccoci ad una critica fondata, almeno in apparenza. “Ho fatto una immersione con il mio compagno, abbiamo raggiunto la stessa profondità, siamo stati sempre vicini, perché a lui basta la tappa di sicurezza mentre il computer mi obbliga a 10 minuti di deco?” A chi non è capitato di dire, o sentir dire, una cosa del genere?

Parliamo quindi di due computer che “divergono” ovvero sembrano fornire un output molto diverso a fronte di un input simile.

Qui bisogna distinguere i casi con una certa cura

Questo fenomeno è marginale per immersioni con un tempo di fondo limitato, mentre è obbiettivamente più marcato per immersioni profonde e con tempo di fondo maggiore, che genera una fase decompressiva consistente. Perché? La risposta la leggeremo presto nella seconda parte di questo articolo.

A presto.

Luca Cicali 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 236 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share