If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Mediterraneo sempre meno ‘Nostrum’ … controllato come e da chi? di Renato Scarfi

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINA MILITARE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: FORZE AERONAVALI
parole chiave: aerei, F 35B, MMI. AMI

 

Marina arrabbiata
In questi ultimi giorni si è manifestato, in tutta la sua asprezza, il mai completamente sopito antagonismo tra Aeronautica e Marina Militare. Mi riferisco alla ventilata possibilità di consegnare all’Aeronautica un’aliquota di velivoli F-35B (la versione “navale” a decollo corto) destinati inizialmente alla Marina Militare italiana. Una decisione che sarebbe in procinto di essere presa dai vertici della Difesa.

da Baracca sopra le trincee alla modernità
Da strumento inizialmente impiegato quasi esclusivamente in appoggio alle operazioni “terrestri”, il mezzo aereo si è rivelato estremamente utile anche quando impiegato sul mare, a sostegno delle manovre navali. Ciò fece comprendere alle principali marine del mondo le potenzialità del “nuovo” mezzo, imbarcato ai fini della proiezione di potenza. La Prima Guerra Mondiale evidenziò la notevole differenza esistente tra il teatro operativo della Marina e quello dell’Aeronautica, i diversi impieghi e, di conseguenza, il diverso addestramento cui dovevano essere sottoposti i piloti, inducendo le principali marine a costituire forze aeree (mezzi e personale) dedicate e dipendenti da una catena di Comando che facesse capo ai vertici della Marina e non a quelli dell’Aeronautica.

Italia portaerei naturale e vince l’aeronautica
Purtroppo, quelle esperienze non furono valorizzate dall’Italia, che fece prevalere la corrente di pensiero, favorita da chi evidentemente desiderava mantenere un casalingo dominio dei cieli, che vedeva la nostra penisola come “…un’enorme portaerei protesa sul Mediterraneo…”. Venne, pertanto, seguita la rotta della costruzione di corazzate, già ovunque ormai operativamente sul viale del tramonto, invece delle innovative portaerei, con tutte le tragiche conseguenze che la storia del secondo conflitto mondiale ci ha tramandato (es.: richieste di copertura aerea che dovevano superare due catene di comando e intervento mancato o in ritardo, a battaglia già tragicamente conclusa o mancata protezione aerea dei convogli di rifornimenti destinati all’Africa).

Marina, braccio armato nazionale mobile
Una peculiarità delle Marine è la capacità di allungare il braccio armato dello Stato ovunque sia richiesto, non facendo ricorso alla forza ma essendo pronta a usarla, applicando in sostanza la “naval suasion” principalmente per difendere la libertà di navigazione contro i pirati o chiunque agisca per limitare tale libertà, indispensabile per assicurare la libera circolazione delle merci e l’approvvigionamento delle materie prime, in particolare in un mondo globalizzato quale l’attuale. Ma la capacità operativa delle Marine può essere impiegata anche per la lotta al terrorismo internazionale, al traffico di armi, droga o di esseri umani (ispezioni a bordo dei mercantili) e per compiti di protezione civile internazionale come portare soccorso e aiuti alle popolazioni colpite da disastri naturali.

la flotta italiana si avvia ad essere la flotta più moderna ed importante strategicamente nel Mar Mediterraneo, in un’area in cui le tensioni marittime sono in preoccupante aumento

Il ‘Mediterraneo allargato’
Una Marina in grado di proiettarsi efficacemente in acque lontane, assicurando presenza e sorveglianza in aree di importanza strategica del proprio Paese (il Mediterraneo allargato, area di principale interesse strategico dell’Italia, comprende l’Europa, il Mediterraneo, il Medio Oriente, buona parte dell’Africa e l’Oceano Indiano fino alla penisola indiana) risulta indispensabile per la tutela degli interessi economici e politici dello Stato, per poter adeguatamente partecipare ai dispositivi navali internazionali operanti sotto egida ONU, NATO, UE o di coalizioni ad-hoc, come nel caso delle missioni antipirateria, sorveglianza degli Stretti o in esecuzione di accordi internazionali (missioni internazionali in corso e altre in programma).

Amore di corpo e ragioni geostrategiche
Appare, quindi, assolutamente anacronistico e strategicamente cieco il tentativo di voler ritardare o, peggio, mutilare il raggiungimento della piena capacità operativa della Marina e delle sue portaerei, indispensabile in contesti di minaccia elevata.

AV 8B su Nave Cavour

Una parte della Marina di uno Stato moderno, con orizzonti strategici che vanno oltre lo steccato del proprio orticello, è destinata a navigare lontano dalle proprie acque territoriali perché la sicurezza marittima, in tutti i suoi aspetti, costituisce un valore innegabile e irrinunciabile di qualunque Stato indipendente.

Rallentare le capacità operative e strategiche di una Forza Armata, limitandone il ruolo internazionale e rinunciando a perseguire l’obiettivo di avere Forze Armate complementari e non antagoniste, significa ragionare ancora in termini di campanile, arretrando le lancette dell’orologio Italia, che non ne ha alcun bisogno.
.

Renato Scarfi
Ufficiale pilota (ris) MMI
analista  e scrittore

articolo pubblicato originariamente su REMOCONTRO.IT di Ennio Remondino, giornalista, già corrispondente estero Rai e inviato di guerra, che si ringrazia per la gentile autorizzazione per la riproduzione dell’articolo.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 170 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share