If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Conosciamo le onde del mare di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA

PERIODO: na
AREA: OVUNQUE
parole chiave: onde, oceanografia, didattica

 

Qualsiasi fluido, quando sottoposto ad una pressione (ovvero una forza applicata su una superficie) si modifica, si carica di energia  e genera delle onde fisiche. Essendo l’acqua di mare un fluido, se sottoposta a fattori perturbanti come il vento  e le correnti, modifica il suo profilo superficiale (ma non solo). L’effetto a tutti noi visibile sono le onde che tanto amiamo. 

In fondo si tratta solo di una rotazione delle particelle d’acqua superficiali
Sulla superficie dello specchio di mare, a causa dell’azione del vento o delle correnti, si viene a generare un moto ciclico delle particelle d’acqua che si muovono provocando la formazione delle onde.
Onde
Il moto delle particelle d’onda nell’alto mare può essere visto come quello su una circonferenza. Avvicinandosi alla costa, a causa della sommatoria delle forze provenienti dal fondo, diventa sempre più ellittico man mano che diminuisce la profondità fino alla riva. Questo fattore fisico ci fa comprendere una nozione molto importante. L’effetto dell’onda è meno percepibile con l’aumento della profondità sottostante, ovvero il subacqueo immergendosi subirà sempre meno le forze di trascinamento delle onde superficiali.

Legenda: 1= Verso di propagazione dell’onda 2= Cresta 3= cavo – la figura mostra il movimento di una particella in una onda del mare. A=Acqua profonda B=Acqua poco profonde – credito  E. Zimbres – Modificata da Wikipedia   

Vediamo di capire cosa accade. In condizioni di vento si genera un attrito tra l’aria e la superficie del mare che causa il moto delle particelle superficiali. Il moto può essere rappresentato come un moto circolare. Da un punto dii vista matematica, l’onda prodotta può essere scomposta in una componente orizzontale ed una verticale trasversale. Venendo a mancare l’effetto scendendo in profondità il moto diviene ellittico fino a scomparire quando le condizioni di perturbazione divengono insignificanti. L’azione del vento o delle perturbazioni superficiali non scompare immediatamente al cessare della causa ma può continuare anche dopo che essa cessi. Ciò è dovuto all’energia accumulata dalla massa d’acqua (il famoso mare morto) che inizialmente perdura e poi lentamente  si esaurisce. Essendo un gioco di forze è chiaro che se il vento gira in senso contrario lo smorzamento dell’onda sarà più rapido. Non è raro avere situazione miste, ovvero alla direzione iniziale dell’onda si mescola una perturbazione proveniente da un’altra direzione causando il fastidioso fenomeno del mare incrociato.

Non solo vento
Le onde, oltre che a causa del vento,  possono formarsi per l’azione delle :
– Maree ovvero degli innalzamenti e abbassamenti (flussi e riflussi) delle acque, dovuti all’attrazione esercitata dalla Luna e dal Sole sulle masse oceaniche. Agli effetti delle maree l’attrazione lunare è molto superiore (poco più del doppio) di quella solare. Ciò  deriva dal fatto che, sebbene la massa del Sole sia maggiore di quella della Luna, la distanza fra la Terra e la Luna è minore. Quando la Terra, la Luna e il Sole sono allineati, ovvero durante le fasi di plenilunio e di novilunio, le forze di attrazione si sommano e producono le maree di  maggiore intensità. Al contrario, durante le fasi di quadratura, quando la Terra, la Luna e il Sole sono disposti perpendicolarmente si verificano le oscillazioni minori.

– Correnti marine. Esse sono  generate dalla tendenza delle acque a ristabilire il cosiddetto equilibrio idrostatico a seguito di influssi esterni. L’equilibrio delle acque viene modificato dai venti e dalla diversità del riscaldamento solare alle varie latitudini che, a sua volta, modifica la temperatura, la salinità e quindi la densità del mare. Un altro fattore da considerare è l’azione di trascinamento delle masse d’acqua dovuta alla rotazione della Terra. Essa  determina i sensi di circolazione delle grandi masse d’acqua e, di conseguenza le correnti.

– Eventi sismici. E’ noto come eventi sismici come i terremoti, a causa dall’accumulo di energia, provocano i tristemente famosi tsunami. In questo caso si formano onde di notevoli dimensioni che, avvicinandosi alla costa, grazie al basso fondale, tendono ad alzarsi di parecchi metri per poi  abbattersi con potenza sulla costa con effetti catastrofici.
Ogni area geografica può essere soggetta a questi fenomeni. Ovviamente aree di crisi sismiche sono più rischiose.

Effetto del fetch

La dimensione delle onde dipende principalmente dal fattore che le genera (ad esempio dalla forza del vento) e dall’ampiezza del bacino d’acqua interessato nel tempo di applicazione dal vento (chiamata tecnicamente fetch). Questo è il motivo per cui in determinati bacini, con un grande fetch (come il golfo del Leone e il mar Adriatico) si possono generare onde molto alte. 

Man mano che l’onda si avvicina alla costa subisce un rallentamento dovuto all’attrito con il fondo, dissipando solo parte dell’energia. L’energia restante tende a conservarsi.

Ciò comporta che, sebbene l’onda diminuisca la sua velocità, tenderà a crescere in ampiezza (generalmente nelle ultime decine di metri prima della linea costiera) provocando il fenomeno del frangere delle onde sulla costa. La risposta al frangente è la risacca. E’ il fenomeno che osserviamo in prossimità delle spiagge e che piace molto ai surfisti ma, molto meno, ai subacquei. Notate nell’immagine come man mano che si scende in profondità va a diminuire l’effetto dell’onda. 
.

Possibilità di utilizzo delle onde per produrre energia
Non potevano terminare questa introduzione alle onde, senza parlare di un loro possibile utilizzo come generatori di energia. Non si tratta di fantascienza. Installazioni sperimentali per produrre energia dalle onde sono già esistenti in tutto il mondo. ne esistono di diverse tipologie; alcuni sfruttano i movimenti delle maree altri il moto ondoso costiero, altri gli scambi termici o le correnti. Gli impianti maremotrici (delle maree) sfruttano i dislivelli prodotti dalle maree per produrre energia elettrica attraverso delle grandi turbine idrauliche.

gran-bretanga-energia3.
Gli impianti del moto ondoso sfruttano invece gli effetti eolici sulla superficie del mare che hanno un’alta densità energetica. Un altro sistema allo studio è quello di impiegare impianti a energia termica oceanica che sfruttano la differenza di temperatura dell’acqua nei vari strati. Gli impianti a correnti sottomarine si avvalgono di grosse turbine sommerse che trasformano l’energia cinetica delle correnti in energia elettrica. Questi sistemi non possono essere impiegati ovunque perché hanno necessità di particolari condizioni ambientali. Per quanto sopra è necessario effettuare ricerche oceanografiche a priori per valutare le aree di migliori sfruttamento.

Ed in Italia?
Non tutti sanno che nella ricerca di energie rinnovabili il nostro Paese ha spesso giocato un ruolo importante. Il Politecnico di Torino ha creato una piccola società che ha sviluppato un sistema per produrre energia dalle onde marine: si tratta della Wave 4 Energy.

.
Come ha spiegato il CEO di Wave 4 Energy, Giuliana Mattiazzo questa tecnologia prende spunto dall’idea che la risorsa dell’onda è più densa rispetto alle altre rinnovabili, cosa che si traduce in macchinari di minore ingombro se confrontati alle strutture oggi utilizzate per il fotovoltaico e l’eolico. Così Wave 4 Energy ha sviluppato una soluzione poco impattante, una sorta di barca (ISWEC) senza parti mobili con un sistema di conversione energetica al suo interno. 

.
Il sistema, studiato appositamente per sfruttare le maree del Mediterraneo, regola la propria produttività adattandosi alla lunghezza d’onda del mare. Un insieme di moduli ISWEC produrrà l’energia. Dopo una prima sperimentazione a Pantelleria, iniziata nell’agosto 2017, il sistema è ora operativo producendo 100 Kw. L’idea futura è di  collegare i moduli ad un hub centrale per fornire l’energia alla rete a terra. Il sistema ISWEC è certificato dal RINA (Registro Italiano Navale). Per completezza, esistono in sperimentazione altri progetti di dinamo in grado di produrre energia dal moto ondoso a favore di strutture in prossimità delle coste. 
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 1.678 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share