If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Recensioni librarie: Aspetti marittimi della Prima Guerra Mondiale di Renato Scarfi

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: SAGGIO
parole chiave: I guerra mondiale, Regia Marina italiana
.

E’ con piacere che pubblichiamo la recensione dell’ultima opera di Renato Scarfi, ufficiale pilota della Marina militare (riserva), dedicata all’impegno della Regia Marina Italiana durante la Grande Guerra.

Regia Nave Brin

Nell’immaginario collettivo, quando si parla di Prima Guerra Mondiale, si immaginano sanguinosi combattimenti terrestri, i gas, l’indicibile tormento della vita in trincea o il gelo delle montagne innevate. Il pregevole libro si dedica alla dimensione marittima di quella guerra, erroneamente trascurata nella grande maggioranza dei testi di storia e spesso descritta come secondaria, privilegiando una lettura “terrestre” degli eventi. Nel saggio, viene invece dimostrato come la guerra sul mare fu tutt’altro che secondaria rispetto a quella in trincea. Il volume (di ben 430 pagine) vuole attirare l’attenzione dell’appassionato di storia, ma non solo, proprio su questi aspetti, guardando e raccontando gli eventi politici e le scelte strategiche operate dai diversi attori da un punto di vista marittimo.


.
Scarfi evidenzia come la Prima Guerra Mondiale fu per gran parte provocata dalla rivalità sui mari e risolta dall’esercizio del potere marittimo dell’Intesa. La tesi dell’autore è che prima ancora che si scatenasse il conflitto, quelli che si stavano delineando come i futuri opposti schieramenti, si confrontarono duramente sul mare con la “diplomazia delle cannoniere”, per assicurarsi la libertà di navigazione e il libero accesso alle fonti di materie prime.

Dopo lo scoppio delle ostilità, il dominio dei mari da parte dell’Intesa e dei suoi alleati (tra cui non secondario fu il ruolo dell’Italia) di fatto recise i collegamenti tra le colonie e le Potenze Centrali, in modo che queste non potessero più disporre di regolari rifornimenti, causando la loro sconfitta per esaurimento delle risorse. In tale ambito, il ruolo strategico dell’Italia fu estremamente rilevante, nonostante l’esiguità dei mezzi e la relativa modestia delle risorse.

Nel corso del duro confronto, mentre le Marine di superficie tedesca e asburgica rimanevano per la maggior parte del tempo rintanate tremebonde nei loro porti per paura di subire, in un eventuale scontro diretto, perdite insopportabili, mentre la Marina francese vagava per il Mediterraneo con l’unico effetto di aumentare l’entropia dell’universo (basti ricordare le “tranquille” crociere in Mediterraneo delle unità tedesche Goeben e Breslau e il siluramento di una nave francese in pattugliamento nel canale d’Otranto), solo due Marine compresero effettivamente cosa andava fatto per vincere quella guerra, che era il forte segnale di un cambiamento epocale del mondo, come fino ad allora organizzato: la marina britannica e quella italiana.

Chi le guidava al tempo comprese subito che in quella guerra, del tutto nuova e fatta di reciproco logoramento, uno scontro diretto delle squadre navali non avrebbe deciso le sorti del conflitto ma che, probabilmente, avrebbe potuto prolungarlo di anni. Con molta saggezza e lungimiranza, coloro che avevano la responsabilità di quelle due Marine decisero, anche affrontando duri dibattiti interni, di applicare un blocco navale che alla fine risulterà devastante per Berlino e Vienna. La pressione del potere marittimo fu un processo lento, che richiese grande pazienza e capacità di sopportazione. Alla fine, gli Imperi Centrali persero, non essendo stati sconfitti militarmente e senza che neanche un centimetro del loro territorio fosse conquistato, proprio per effetto dello strangolamento prodotto dalla mancanza di rifornimenti. Una mancanza di rifornimenti che fu causata dall’efficace esercizio del potere marittimo da parte delle flotte dell’Intesa.

Regia Marina Italiana prima guerra mondiale da wikipedia

Secondo l’autore, vanno evidenziati tre eventi che possono rappresentare il tentativo di “smuovere” una situazione sostanzialmente statica, ma che stava lentamente soffocando le Potenze Centrali:
–  la battaglia dello Jutland, che vide coinvolte un numero enorme di unità navali e che si risolse in una vittoria tattica tedesca (i Britannici videro affondare quasi il doppio delle tonnellate perse dai tedeschi e subirono quasi il triplo delle perdite umane), evidenziandone la superiorità tecnica nel tiro, ma una vittoria strategica dei Britannici, dato che da quel momento la flotta di superficie di Guglielmo II rimase rintanata nei propri inattaccabili porti;

–  la guerra sottomarina, che nel Mare del Nord e in Atlantico mise in seria crisi l’Intesa, impreparata a fronteggiare la nuova minaccia e che, a causa della mancanza di una strategia interforze delle Potenze Centrali (ad esempio, le operazioni subacquee dei tedeschi non furono praticamente mai sostenute da operazioni navali di superficie e queste non appoggiarono mai gli eventi terrestri), i sommergibili tedeschi furono lasciati soli a combattere una guerra senza sostanziale speranza di vittoria;

la guerra in Adriatico, che vide un solo disperato tentativo della flotta asburgica di rompere l’assedio. Sappiamo bene come andò a finire: incontrarono sul loro cammino un certo Luigi Rizzo, a cui non mancavano certo coraggio, competenza ed equipaggi alla sua altezza. La sua azione, ancora oggi ricordata dalla Marina Militare italiana ogni 10 giugno, bloccò ogni ulteriore iniziativa del nemico, fino a causare addirittura degli ammutinamenti da parte degli equipaggi austriaci.

ammiraglio Paolo Thaon de Revel

Per quanto riguarda l’Italia, la lungimiranza e la visione strategica dell’ammiraglio Thaon de Revel permise la “copertura” del fianco a mare dello schieramento dell’Esercito italiano dopo la rotta di Caporetto, impedendo di fatto che l’avversario pensasse a uno sbarco nell’area veneziana (quindi alle spalle dello schieramento italiano, con le intuibili conseguenze), e bombardando dal mare le avanguardie austriache durante la loro avanzata, ritardandone il contatto con gli Italiani e consentendo, in sostanza, di consolidare la nostra linea difensiva. Dopo un anno, da quella stessa linea difensiva estrema, le nostre truppe ripartirono per arrivare a Vittorio Veneto. Inoltre, la Regia Marina italiana rese disponibili dei reparti di fucilieri di marina per la difesa dell’area veneziana da terra: era nato il Battaglione San Marco.

Essendo rivolto ad un pubblico eterogeneo, il libro impiega un linguaggio accessibile, riducendo al minimo indispensabile i termini tecnici. In merito ai principali scontri navali, tenendo ben presente lo scopo del libro (guardare gli avvenimenti “dall’alto” in modo da dare una lettura strategica degli eventi) nel testo sono evitate descrizioni dei particolari tattici, per evitare di distogliere il lettore dal quadro generale. Particolari non sempre di facile comprensione, che spesso richiedono una cultura specifica professionale ma che possono essere comunque approfonditi con manuali specifici.

l’eroica azione di Premuda da parte di Rizzo – quadro del Claudus

Scarfi sottolinea come quella guerra di fatto cambiò il mondo, il suo sistema sociale e i relativi equilibri geopolitici ed economici. Interessante la tesi per cui le conseguenze strategiche di quel conflitto siano palpabili tutt’oggi. Una per tutte: l’avvento degli Stati Uniti sulla scena mondiale. Le innovazioni tecnologiche fornirono nuove e più letali armi ai contendenti. Per limitarsi all’ambito del libro, si ricordano il sommergibile, che dimostrò immediatamente la propria efficacia, e l’aereo, del quale molti compresero immediatamente l’utilità anche per la guerra sul mare. Peccato che le giuste intuizioni di Thaon de Revel e gli insegnamenti strategici di quella guerra furono dimenticati quando si profilò la possibilità di una nuova devastante guerra mondiale, vent’anni dopo.

In estrema sintesi, il libro, suddiviso in tre parti, ripercorre con cura gli eventi politico-marittimi precedenti allo scoppio delle ostilità, gli aspetti strategici dei principali scontri navali  e illustra le principali ripercussioni politico-strategiche del conflitto. Un racconto che presenta un grande affresco politico e strategico che va dal 1860 al 1920.
A 100 anni dalla fine della guerra, il messaggio che il libro vuole trasmettere è che gli aspetti marittimi influirono in maniera determinante sia sull’esplosione del conflitto che sulle successive vicende terrestri e che la Grande Guerra, ancora oggi, ha ancora molto da insegnare a chi desidera comprenderne le motivazioni reali, per evitare di compiere gli stessi errori. In definitiva il libro dimostra come la prima Guerra Mondiale fu certamente conclusa dagli eserciti, a prezzo di immani perdite e sofferenze, ma essa fu sostanzialmente vinta dalle marine militari, il cui esercizio del potere marittimo, nel Mare del Nord come in Adriatico, si dimostrò scelta strategica fondamentale per la vittoria in una lunga guerra di reciproco logoramento. Non ultimo, voglio menzionare la prefazione del Capo Ufficio Storico della Marina e l’autorevole introduzione dell’ammiraglio Pier Paolo Ramoino, noto agli studiosi di storia navale perché ha diretto per anni l’Istituto di Guerra Marittima ed è ora Vice-Presidente del Centro Studi Strategici Internazionali dell’Università di Firenze, docente di Studi Strategici presso l’Accademia Navale di Livorno e cultore della materia presso la Cattedra di Storia delle Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica del S. Cuore a Milano. Un opera di pregio che consiglio a tutti gli appassionati di Storia Navale.

 

Renato Scarfi  è un ufficiale pilota della Marina Militare in congedo. Dopo aver conseguito la maturità a Pisa è entrato in Accademia Navale. Ha poi frequentato le scuole di volo U.S.A., dove ha conseguito i brevetti di pilotaggio d’areo e d’elicottero. Ha operato nella Forza Multinazionale degli Osservatori (M.F.O.) in Sinai e ha fatto parte dello staff della Western European Union Contingency Maritime Force durante la crisi della ex-Jugoslavia.

Ha poi ricoperto incarichi presso lo Stato Maggiore della Difesa (ufficio generale politica militare), il Comando Operativo Interforze (capo sezione gestione delle crisi), lo Stato Maggiore della Marina, la Rappresentanza militare italiana presso la NATO a Bruxelles, dove si è occupato di strategia marittima e di terrorismo e, infine, al Gabinetto del Ministro della Difesa, come Capo sezione relazioni internazionali dell’ufficio del Consigliere diplomatico. E’ stato insignito di numerose onorificenze e decorazioni, tra le quali ricordiamo Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e la medaglia Mauriziana al merito. Conosce l’inglese e il francese e ha competenze elementari nella lingua araba.

E’ stato collaboratore della Rivista Marittima e della Rivista informazioni della Difesa, che hanno pubblicato alcuni suoi lavori di politica internazionale e, in particolare, alcuni apprezzati studi sul mondo arabo-islamico. È laureato in scienze marittime e navali presso l’Università di Pisa e in scienze internazionali e diplomatiche presso l’Università di Trieste e ha un Master in antiterrorismo internazionale. È autore, tra gli altri dei saggi “Aspetti marittimi della Prima Guerra Mondiale” e “Il terrorismo jihadista”.

Pubblicazioni
Libri
– Cortigiani, esperienze semiserie sulla meritocrazia che non c’è (Europa Edizioni, 2014, 154 p.)
– Il cuore oltre il traguardo, esperienze semiserie di un podista-turista (Felici Editore, 2016, 115 p.), prefazione di Giovanni MALAGÒ, Presidente del C.O.N.I.
– Aspetti marittimi della Prima Guerra Mondiale (Felici Editore, 2018, 450 p.), prefazione del Capo Ufficio Storico della Marina Militare, presentazione del Contrammiraglio Ramoino, Vicepresidente del Centro Studi Strategici Internazionali dell’Università di Firenze
– Il terrorismo jihadista (Europa Edizioni, 2019, 185 p.), prefazione del Gen. C.A. Roberto BERNARDINI, già Comandante di Vertice delle Forze Operative Terrestri dell’Esercito Italiano

Articoli e dossier
– Considerazioni sulla Partnership for Peace (Informazioni della Difesa n. 3/1995)
– L’Islàm (Supplemento a Informazioni della Difesa n. 6/1995)
– Il fondamentalismo islamico (Rivista marittima marzo 1996)
– Gerusalemme (Rivista marittima novembre 1996)
– Le operazioni di pace nel nuovo ordine mondiale (Informazioni della Difesa n. 2/1997)
– Mediterraneo (Rivista marittima giugno 1997)
– Europa e Medio Oriente (Rivista marittima marzo 1998)
– Origini e sfide del fondamentalismo islamico (Rivista marittima novembre 1998)
– L’Islàm (Informazioni della Difesa n. 5/2001)
– Conflitto israelo-palestinese (Informazioni della Difesa n. 4/2002)
– Le Organizzazioni regionali arabo-islamiche 1 (Informazioni della Difesa n. 5/2004)
– Le Organizzazioni regionali arabo-islamiche 2 (Informazioni della Difesa n. 1/2005)
– Le Organizzazioni regionali arabo-islamiche 3 (Informazioni della Difesa n. 3/2005)
– Le Organizzazioni regionali arabo-islamiche 4 (Informazioni della Difesa n. 4/2005)

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 123 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share