If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Gli ammiragli di Roma

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: ROMA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: ammiragli romani

 

Popolo di navigatori ma anche di guerrieri sul mare
Durante la prima guerra punica Roma cominciò a considerare l’importanza di creare uno strumento militare navale a protezione delle sue rotte commerciali e contrastare la potenza marittima più importante del Mediterraneo: Cartagine. Creare una flotta non fu facile, non si trattava di costruire solo delle navi ma di creare la mentalità del combattimento per mare. In seguito la flotta (classis) fu organizzata in modo da poter operare in modo permanente nel mar Mediterraneo e sui principali fiumi dell’Impero romano (Danubio) fino a tutto il V secolo dopo Cristo, quando il crollo dell’Impero portò la flotta alla rovina. Per quanto molti detrattori cercano di vedere nella flotta romana un compito di contorno all’esercito, senza la sua flotta militare il popolo romano non avrebbe mai potuto raggiungere la grandezza del suo Impero.

L’intelligenza e pragmatismo romano intravide l’importanza di conseguire il potere marittimo sulle rotte mediterranee ma anche al di fuori delle colonne di Ercole.


L’esigenza di mantenere aperto il flusso via mare dei rifornimenti vitali dell’Urbe (l’annona) risale proprio al VI a.C., quando i Romani si dovettero confrontare contro i pirati etruschi che intercettavano le navi mercantili. e, nel IV secolo contro gli Anziati, una guerra che dovette avere un certo risalto in quanto i rostri delle loro navi furono portati a Roma ad adornare il Foro. I Romani, dopo averli sconfitti ne sequestrarono le navi per impedire future incursioni. Ma le esigenze di avere uno strumento militare marittimo fu talmente sentito che nel 312 a. C. venne creata una magistratura marittima dello Stato: i “duumviri navali”, che venivano eletti dal popolo ed incaricati dell’allestimento e delle riparazioni della flotta. A questa data si fa normalmente riferimento per la nascita dello strumento marittimo.

L’allargamento del teatro operativo per la difesa dei propri interessi commerciali e l’affermazione politico militare portò Roma ad organizzare la flotta per compiere missioni di ricognizione, sorveglianza, proiezione e stabilizzazione delle regioni marittime dell’Impero. La sconfitta di Cartagine, all’epoca unica potenza marittima del Mediterraneo, portò Roma ad una supremazia assoluta e a raggiungere, anche per mare, la pax romana voluta da Augusto. I libri scolastici riportano poche informazioni sulla flotta romana e, ancor meno, dei suoi ammiragli. Oggi raccontiamo la storia di tre di loro che passarono alla storia per il loro valore sul mare con o contro Roma, in una lotta senza fine per il potere. A questi grandi ammiragli fu riconosciuto l’onore dell’effige sulle monete, a memoria del loro valore e della potenza di Roma sul mare.

Sesto Pompeo Magno Pio
Figlio più giovane di Pompeo Magno, dopo la sconfitta di Gneo Pompeo a Munda, riorganizza le forze di Pompeo in Spagna. Invitato da Lepido nel 43 a.C. a Roma, assume il titolo di “Praefectus Classis et orae marittimae“. Caduto in disgrazia nell’agosto dello stesso anno, a causa del mutamento politico, organizza la flotta a Massalia e si spinge fino in Sicilia, divenendone l’assoluto padrone.

Nei primi mesi del 42 a.C. sconfigge la flotta di Ottaviano al Comando di Salvidieno Rufo ed inizia una guerra di corsa tra la Sicilia e l’Italia meridionale. Alle sue forze si unisce Staio Murcus, separatosi dalla forza navale di Ahenobarbus. Nel 40 a.C., con un colpo di mano, occupa la Corsica e la Sardegna, iniziando il blocco delle rotte di approvvigionamento del grano per Roma. A seguito dell’incontro con i Triumviri a Miseno nel 39 a.C. viene riconosciuto Proconsole delle tre isole maggiori, in cambio della libertà di transito per le navi annonarie. Tale carica fu abrogata nel 37 a.C. dopo l’incontro di Taranto e lo stesso fu sconfitto dalla flotta di Ottaviano, al Comando di Marco Vispanio Agrippa, nella battaglia di Nauloco (36 a.C). Di Nauloco, per la sua importanza, parleremo con un articolo a parte, ma va sottolineato che la disfatta di Sesto Pompeo segnò la definitiva sconfitta dei partito pompeiano e della sua opposizione al Secondo triumvirato. Sesto Pompeo diresse in un primo tempo a Messana,  lasciando il Comando della città a Plennio, e salpò in seguito con diciassette navi verso Mitilene per congiungersi ad Ahenobarbus e riorganizzare la flotta. Raggiunto dalle truppe antoniane venne però ucciso in Bitinia da un ufficiale di Antonio (35 a.C.).


Cneo Domizio Ahenobarbus
Ahenobarbus prese il comando delle forze navali di Pompeo Magno nella primavera del 49 a.C. ed occupò il porto logistico e strategico di Massilia (Marsiglia). Sospettato di simpatia verso gli uccisori di Cesare, nel 42 a.C., si unisce con cinquanta navi in Adriatico, per il controllo delle linee dei rifornimenti contro Ottaviano. In qualità di Praefectus classis (Prefetto della flotta) sconfigge la flotta repubblicana di Domizio Calvinus con il concorso delle navi di Staio Murcus. 

L’incarico di Praefectus classis venne creato in sostituzione dei Pretori che avevano un compito più politico che militare. I Prefetti della flotta erano responsabili della gestione effettiva delle flotte mentre quella delle unità navali era affidata a Comandanti subordinati, certamente più esperti. La figura del Prefaectus classis apparve per la prima volta durante le guerre puniche. 

Dopo la sconfitta di Filippi, Ahenobarbus riunisce la sua flotta di settanta navi e due legioni e pone sotto assedio, dal mare, le città dell’Adriatico ed in particolare Brundisium (l’attuale Brindisi). Nel 40 a.C. si riavvicina ad Antonio che lo nomina Proconsole del Ponto e della Bitinia. A seguito della rottura tra Antonio ed Ottaviano,  32 a.C., con Caio Sosio, Ahenobarbus raggiunge Marco Antonio ad Efeso, dove tenta di far allontanare Cleopatra dalla condotta dell’esercito. Molti soldati, disgustati dalla condotta di Antonio, offrirono inutilmente il comando ad Ahenobarbus che, pur sofferente da forti febbri, raggiunse con una piccola nave Ottaviano. Ma non partecipò alla battaglia di Azio, poiché morì pochi giorni dopo.

La sua vana ricerca di un primo piano politico risalta nelle sue monete dove si nota un eccessivo ingrandimento di alcuni particolari per sottolinearne l’importanza nel campo navale militare. Nella sua monetazione, di alto contenuto marinaro, compare spesso la parola IMP (Imperator), titolo che si narra venne gridato dai suoi marinai al momento dell’incontro con le navi antoniane dopo la vittoria del 42 a.C. contro la flotta di Calvinus.

Marcus Vipsanius Agrippa
Abile Comandante per terra e per mare, intelligente organizzatore politico, intimo amico di Ottaviano fin dalla giovinezza, Marcus Vipsanius Agrippa viene ricordato come un uomo di altissime qualità umane. Una fama che gli sopravvisse dato che la sua immagine, con la corona rostrata, comparve dalla monetazione augustea a quella di Domiziano. Divenuto comandante della flotta a soli ventisette anni, dopo essersi distinto nella campagna del 41-40 a.C. contro Lucio Antonio e durante la guerra gallica, iniziò la sua carriera come Console per la Marina costruendo il porto di Puteoli, l’attuale Pozzuoli.

Agrippa fu un visionario e comprese l’importanza di scavare un canale di collegamento tra il mare ed il Lago Averno per la gestione delle merci arrivate via mare. Inoltre fece allestire nuove navi nei bacini di carenaggio costruiti all’interno del porto (Portus Ivlivs), addestrando gli equipaggi su panche di legno, in analogia con quanto già accaduto per la prima guerra punica. Possiamo dire che in Agrippa si ritrovano le due doti fondamentali di un ammiraglio: visione e capacità operativa.

Le navi di Agrippa, rappresentate sul rilievo di Palestrina ora conservato nei Musei Vaticani, erano di piccole dimensioni, dotate di piccole tughe poppiere e prodiere sulle quali prendevano posto i frombolieri ed i soldati armati di giavellotti. Al di sotto restavano, in attesa dell’arrembaggio, i legionari di marina che sovrastavano un ponte inferiore dove prendevano posto i rematori. Queste navi, chiamate Liburnae, di relativamente piccole dimensioni, si distinguevano dalle trireme per l’alta manovrabilità che le rese protagoniste nelle battaglie navali di Agrippa.

Tra i più celebri scontri ricordo la battaglia di Actium del 31 a.C. dove Agrippa sconfisse l’imponente flotta di Marco Antonio e di Cleopatra con una tattica navale che era già stata sperimentata a Nauloco. Essa si basava sull’impiego di una variante dei corvi inventati da Caio Duilio: l’harpax. Tale arma era costituita da un palo di legno di circa tre metri di lunghezza, ricoperto da lamiere di ferro, alle quali erano fissati due anelli. Al primo era connesso un gancio di ferro per arpionare le navi avversarie mentre all’altro una lunga fune. Giunte in prossimità dell’avversario, le navi lanciavano l’arpago tramite una catapulta contro la nave avversaria, attirandola poi tramite un verricello a sé per l’arrembaggio.

rostro navale della battaglia delle Egadi, usato per sfondare gli scafi nemici – credit GUE – Sovrintendenza del mare siciliana

La nave nemica, impedita nella manovra, veniva messa a fuoco con proiettili incendiari scagliati dai frombolieri dall’alto delle tughe. Plutarco ci riporta che Marco Antonio nello scontro perse circa 300 navi e fu poi costretto a riparare disordinatamente all’interno del porto. La battaglia di Azio, al di là dello scontro navale, può essere considerato il primo scontro navale moderno. Agrippa operò strategicamente tagliando i rifornimenti marittimi di Antonio che fu quindi costretto ad uscire in mare e accettare la battaglia. Altro scontro di rilievo fu contro Sesto Pompeo a Nauloco dove, con grande abilità, riuscì a bloccare le navi avversarie e, dopo una lotta lunga e sanguinosa, riuscì ad affondarne 28  perdendone solo tre. Sebbene destinato a succedere ad Ottaviano, che era divenuto Augusto nel 27 a.C., Agrippa morì prima di lui nel 12 a.C. passando alla storia come uno tra i più grandi ammiragli che servirono Roma.

Andrea Mucedola

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 78 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share