If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La crisi navale del 1941/1942 parte I di Gianluca Bertozzi

livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: NA
parole chiave: guerra navale

 

Le speranze
Nella seconda metà del 1941 Winston Churchill premeva per un’intensificazione dello sforzo bellico nel Mar Mediterraneo; in conseguenza di ciò i programmi dello Stato Maggiore Imperiale prevedevano che dopo l’operazione CRUSADER del novembre 1941 si sarebbe dovuta attuare una serie di operazioni per assicurare il controllo del Mediterraneo e la caduta dell’Italia.

All’operazione CRUSADER doveva seguire l’operazione ACROBAT, nel dicembre 1941 – gennaio 1942, che avrebbe dovuto portare l’Ottava armata britannica fino a Tripoli mentre, contemporaneamente, un corpo di spedizione (preparato in Regno Unito con due divisioni di Fanteria e una divisione Corazzata per un totale 55.000 uomini) avrebbe effettuato gli sbarchi in Algeria e Marocco (anche senza il consenso francese) la cosiddetta operazione GYMNAST. Il tutto in attesa di sbarcare in Sicilia con l’operazione WIPCORD.

Queste operazioni venivano pianificate partendo dal presupposto che la Germania, dopo aver attaccato la Russia nel giugno del 1941, non fosse più in grado di reagire al mutamento della situazione mediterranea. L’altro presupposto era che il coinvolgimento attivo degli Stati Uniti in Guerra fosse imminente. In effetti, nella seconda metà del 1941, Stati Uniti e forze dell’Asse erano di fatto in uno stato di guerra non dichiarata.
Il nome dato a Washington a questo status era “belligerent neutrality, neutralità belligerante. Ciò significava che la protezione delle rotte dei convogli atlantici divenne uno dei compiti della Marina Americana che effettuava pattugliamenti regolari dell’Atlantico,  e aveva assunto la difesa della Groenlandia e dell’Islanda occupata dagli Inglesi e la scorta per i convogli fino alla metà dell’Atlantico dove venivano poi consegnati alla Royal Navy al MOMP, il Mid-Ocean Meeting Point.

Il coinvolgimento era effettivo, anche se Roosevelt lo negava alla stampa e all’opinione pubblica statunitense, in attesa che si verificassero incidenti che giustificassero un intervento diretto. Il 4 settembre 1941 ci fu il primo incidente; l’U-652, un sommergibile tedesco dislocato tra la Groenlandia e l’Islanda, al largo di quest’ultima, fu individuato da un bombardiere che lasciò cadere quattro cariche di profondità.

U-652

Il sommergibile, pensando di essere stato attaccato da un cacciatorpediniere americano, l’USS Greer, che era nelle vicinanze essendo stato avvisato dall’aereo, attaccò il caccia americano che, per ironia della sorte, era un four pipe identico a quelli ceduti alla Royal Navy. L’USS Greer contrattaccò con le cariche di profondità. Nessuna delle due navi fu danneggiata, ma la situazione nell’Atlantico precipitò portando a guerra de facto tra gli Stati Uniti e la Germania. 

USS Greer

Il presidente Roosevelt usò questo evento nella sua campagna per convincere gli Stati Uniti ad andare in guerra e la “guerra non dichiarata” tra U-boat e scorte statunitensi si  intensificò drammaticamente fino all’11 settembre quando Roosevelt autorizzò l’uso della forza.

In una conferenza con Hitler, l’ammiraglio Raeder analizzò le implicazioni strategiche degli ordini di Roosevelt e dichiarò: “Le forze tedesche devono aspettarsi misure di guerra offensive da parte di queste forze americane. Non c’è più alcuna differenza tra le navi britanniche e quelle americane“. Lo Stato Maggiore della marina tedesca definì gli ordini presidenziali come una “dichiarazione di guerra limitata a livello locale“.

Nell’ottobre 1941, la flotta atlantica statunitense era composta da otto corazzate (le vecchie Arkansas, New York, Texas, New Mexico, Mississippi, Idaho e le modernissime e potenti North Carolina e Washington), cinque incrociatori, otto incrociatori leggeri, 87 cacciatorpediniere e quattro portaerei (Ranger, Hornet, Wasp e la grossa portaerei di scorta Long Island). Una flotta non indifferente che poteva sostenere piani offensivi nelle acque europee e mediterranee però, essendo tutte unità sottratte alla flotta del Pacifico, essa venne pericolosamente indebolita proprio mentre la tensione col Giappone saliva. Fino a quel momento il compito di contrastare le flotte dell’asse era ricaduto interamente sulla Royal Navy che mediamente aveva schierato le navi da battaglia più moderne nella Home Fleet, affiancate da almeno un paio di portaerei di squadra, gli incrociatori da battaglia e una portaerei a Gibilterra, la forza H (che poteva intervenire sia in Atlantico che nel Mediterraneo) con la vecchia ma ben ammodernata Queen Elizabeth con una o due portaerei ad Alessandria.

HMS Renown, Ark_Royal e Sheffield appartenenti alla Force H, 1941

Per concentrare queste forze nelle acque europee si erano praticamente sguarniti gli altri oceani dato che per essi rimanevano, oltre ad un certo numero di incrociatori più o meno moderni, solo la vecchia portaerei Hermes e quattro obsolete corazzate della classe Resolution, adatte solo alla scorta convogli in Atlantico o a limitate missioni di proiezione di potenza in aree dove non fosse prevedibile un contrasto serio. Questo perché gli scontri nel Mediterraneo avevano dimostrato che le navi britanniche avrebbero potuto essere in difficoltà anche in scontri contro le piccole Cavour/Doria italiane.

Questo schieramento era imposto dal fatto che in Atlantico si riteneva che, per affrontare una nave da battaglia tedesca, fossero necessarie almeno due navi da battaglia inglesi.
Tenendo conto che mediamente la Marina tedesca poteva schierare al massimo tre navi da battaglia contemporaneamente (la Bismark, Tirpiz e le due Scharnhorst), la Royal Navy era costretta ad avere sempre nel Nord Atlantico sei navi da battaglia moderne operative non impegnate in altre missioni e pronte a intervenire in caso di uscita delle unità maggiori tedesche. Meno preoccupanti i tre/quattro incrociatori pesanti/corazzati tedeschi (Lützow, Admiral Scheer, Admiral Hipper, Prinz Eugen) contrastabili anche con concentrazioni di incrociatori pesanti e leggeri senza impegnare unità maggiori.

Admiral Scheer

La presenza di portaerei nel nord Atlantico e mari limitrofi era considerata utile ma meno necessaria di quella delle navi da battaglia, perché non essendo in grado di operare di notte o col maltempo (condizioni tipiche di quei mari) avevano seri limiti operativi mentre le unità da battaglia erano sempre in condizioni di navigare e combattere con quasi tempo.

La Regia Marina italiana nel Mediterraneo schierava due Navi da battaglia classe Littorio e quattro corazzate classe Cavour (anche se la Cavour danneggiata nel 1940 non completò mai le riparazioni). Nella metà del 1942 entrò in servizio la Roma ma le tre corazzate minori furono messe in riserva per carenza di nafta.

Regia nave da battaglia Littorio

Ciò costituiva un notevole aggravio per la situazione strategica Britannica dato che le navi italiane bloccavano le unità maggiori in Mediterraneo, impedendo di utilizzarlo come linea di traffico. Cosa che aggiungeva mesi di navigazione ai mercantili impegnati nei collegamenti alleati con Asia e Oceania.

fine parte I 

Gianluca Bertozzi

FONTI
Worthy of better Memory: The Royal Navy and the defence of the Eastern Empire 1935 – 1942 di Andrew Jonathan e Corrie Boyd
The Royal Navy in Eastern Waters: Linchpin of Victory 1935-1942 di Andrew Boyd Strategic Planning for Coalition Warfare, 1941-1942 – Matloff e Snell
The Naval War in the Mediterranean 1940 1943 – Jack Greene e Alessandro Massignani
Almanacco navale della Seconda guerra mondiale (1939-1945) di Giuliano Da Frè

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 196 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share