If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La chiave del successo: un addestramento continuo di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: addestramento

Una volta che si è imparato ad andare in bicicletta saremo in grado per sempre di inforcarne una anche a distanza di molti anni. Purtroppo questo non è vero per molte altre attività per le quali la mancanza di ripetizione comporta un deterioramento delle capacità di esecuzione compromettendo sia le prestazioni mentali che quelle fisiche che richiedono un livello di “memoria muscolare”. Ad esempio chi guida un’automobile con cambio automatico per molto tempo prova una certa difficoltà iniziale nel riacquistare fluidità d’azione nell’uso del cambio manuale e viceversa.

Sardegna – photo credit andrea mucedola

L’attività subacquea richiede presenza sia mentale che fisica per gestire correttamente tutte le varie fasi dell’immersione e, soprattutto, per essere in grado di reagire prontamente ed efficacemente in caso di emergenza. Queste capacità acquisite con l’esperienza tendono a deteriorarsi nel tempo se non sono praticate con costanza.

Una componente essenziale della preparazione dei subacquei è pertanto quella di mantenersi in costante allenamento in modo da conservare attiva la memoria muscolare per tutte quelle azioni che sono richieste durante l’immersione. Dopo un periodo di inattività è consigliabile riprendere le immersioni in modo graduale consentendo un progressivo ritorno di tutti quegli automatismi che si sono imparati nel tempo.

OWD training – photo credit andrea mucedola

Il tempo necessario per rientrare completamente in forma ovviamente dipende dal grado di complessità delle immersioni; riprendere dimestichezza nell’uso di una semplice configurazione ricreativa richiede senz’altro molto meno tempo che riacquistare completa padronanza nella gestione di un rebreather o nell’eseguire un’immersione tecnica con uso di miscele multiple.
Anche se ci si immerge con continuità tuttavia si può essere esposti ad una perdita di capacità nell’esecuzione di quelle manovre che, normalmente, non sono richieste come ad esempio le procedure d’emergenza che possono includere una risalita in coppia con fonte d’aria alternativa, il rilascio di un pallone di segnalazione (DSMB), o l’isolamento di un erogatore mal funzionante.

advance scientific diving training, ISSD, Sardegna – photo credit andrea mucedola

Una strategia che può essere utile nel mantenersi sempre attivi è quella di eseguire almeno una procedura “inusuale” durante ogni immersione. Ad esempio in un’immersione alla fine della sosta di sicurezza (o di decompressione nel caso sia necessaria) si potrebbe rilasciare il DSMB. In un’altra immersione si potrebbe effettuare la chiusura della rubinetteria per isolare un erogatore e così via. Se praticate con continuità, queste azioni permettono di mantenere attiva la necessaria memoria muscolare in modo da essere pronti nel caso si debbano eseguire le procedure in una situazione reale.
Per rafforzare l’automatismo delle azioni un approccio utile è quello definito “over-learning” ossia continuare ad esercitarsi in una procedura già imparata finché la sua esecuzione diviene una risposta automatica, quasi istintiva. Il vantaggio di tale sistema è che se l’azione deve essere compiuta sotto stress il deterioramento della prestazione è molto più limitato di quello che sarebbe nel caso di una procedura della quale non si abbia ancora totale padronanza.

photo credit andrea mucedola

Un altro punto importante è di distribuire le nostre immersioni nel tempo. Infatti a parità di numeri totali un subacqueo che si immerge solo alcuni mesi all’anno avrà una padronanza delle operazioni inferiore a quella di un altro subacqueo che, pur facendo lo stesso numero di immersioni, rimane attivo con continuità. Questo è dovuto non solo al deterioramento delle prestazioni che si verifica a seguito di un periodo di inattività ma anche al fatto che un subacqueo attivo tutto l’anno avrà esperienza in un più ampio numero di situazioni ambientali. Lo stesso sito d’immersione infatti può presentare aspetti molto diversi in estate ed in inverno richiedendo procedure diverse.

Altrettanto importante è variare gli ambienti di immersione in modo da acquisire esperienza in più situazioni. Anche in questo caso è utile rimanere attivi nelle diverse tipologie ambientali per non perdere la confidenza acquisita nelle diverse condizioni di immersione. Nell’ambito addestrativo sarebbe inoltre vantaggioso periodicamente dedicare delle immersioni al ripasso di scenari di emergenza più complessi come ad esempio il recupero simulato di un subacqueo dal fondo ed il trasporto in superficie verso il punto di uscita praticando al contempo la respirazione artificiale. Molto spesso questo scenario viene praticato solo una volta nella carriera del subacqueo durante il corso di formazione iniziale mentre invece la padronanza delle tecniche di soccorso dovrebbe essere al centro dell’attenzione essendo fondamentale per la sicurezza del team.

photo credit andrea mucedola

Nel caso si debba partecipare ad operazioni impegnative che coinvolgono un elevato numero di subacquei sarebbe bene prevedere un adeguato numero di immersioni finalizzate a guadagnare reciproca confidenza e rafforzare le dinamiche del team. In questo modo sarà possibile identificare punti di forza ed aree di debolezza sulle quali concentrarsi per eliminarle. Una volta stabilite le procedure operative è consigliabile effettuare una serie di immersioni come “prova generale” prima di eseguire le azioni nella situazione reale. Queste immersioni dovrebbero anche includere procedure alternative in caso si debba modificare il programma d’immersione a seguito di eventi ambientali imprevisti.
L’attività subacquea pone anche un elevato livello di stress fisiologico soprattutto sul sistema cardio-vascolare e respiratorio. Come elemento importante dell’addestramento bisognerebbe quindi includere il rimanere in buone condizioni fisiche praticando con continuità esercizi aerobici finalizzati alla stimolazione ed al rafforzamento del sistema respiratorio e circolatorio.

In conclusione, per rimanere dei subacquei efficienti, la cosa migliore è mantenere un buon regime di addestramento continuo che consenta di rivedere periodicamente le procedure più importanti, migliorandone l’esecuzione.
.

Giorgio Caramanna
Geoaqua Consulting
è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 188 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share