If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Conseguenze delle alterazioni ambientali e le aree marine protette di Luigi Piazzi

.
livello medio
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA E ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: aree marine protette

 

la morte di forme di vita è presagio di malessere degli ecosistemi, la biodiversità sta diminuendo e gli equilibri stanno cambiando … photo credit andrea mucedola

Alterazioni ambientali: quali conseguenze
Tutte le differenti alterazioni ambientali hanno alla fine degli effetti piuttosto simili. In aree sottoposte ad inquinamento o invase da una specie introdotta si vengono a creare profonde modificazioni nella struttura dei popolamenti. Infatti, organismi differenti rispondono in modo diverso ad un certo tipo di alterazione: quelli più sensibili possono subire gravi danni e scomparire, altri sopravvivono pur andando incontro a rarefazione della popolazione, altri ancora risultano del tutto indifferenti al disturbo o anzi ne traggono beneficio.

l’alterazione delle temperature dei mari provoca la morte di molte forme di vita – photo credit andrea mucedola

Il risultato finale è che in aree stressate si vengono a formare popolamenti caratterizzati da specie tolleranti nei confronti di quel tipo di stress o da specie opportuniste, che riescono a ben sfruttare la scomparsa di altre specie. Questo processo conduce a quel fenomeno conosciuto come “omogeneizzazione biologica”, si passa da popolamenti altamente diversificati e caratteristici di un certo ambiente a popolamenti costituiti da poche specie ad ampia ripartizione ecologica. Si perdono quindi quelle caratteristiche che differenziano tra loro gli habitat marini costieri e che ne rappresentano sia la ricchezza ecologica che l’interesse turistico.

Il risultato finale è rappresentato da ambienti omogenei e da un’erosione di tutti gli aspetti della biodiversità.

I provvedimenti più importanti per la conservazione della biodiversità sono legati alla conservazione degli habitat e dell’eterogeneità del paesaggio. La creazione di aree marine protette pur rappresentando un fondamentale strumento di conservazione è solo una parte di quanto è necessario prevedere in un piano strategico per la difesa della biodiversità. Questo, infatti, deve comprendere una serie di azioni mirate ad una gestione integrata della fascia costiera, all’interno della quale uno dei principali obiettivi è rappresentato da un utilizzo sostenibile dell’ambiente. La creazione di aree protette rappresenta uno degli aspetti più importanti nei piani di gestione e conservazione dell’ambiente.

 


Le aree marine protette

I provvedimenti più importanti per la conservazione della biodiversità sono legati alla conservazione degli habitat e dell’eterogeneità del paesaggio. La creazione di aree marine protette pur rappresentando un fondamentale strumento di conservazione è solo una parte di quanto è necessario prevedere in un piano strategico per la difesa della biodiversità. Questo, infatti, deve comprendere una serie di azioni mirate ad una gestione integrata della fascia costiera, all’interno della quale uno dei principali obiettivi è rappresentato da un utilizzo sostenibile dell’ambiente. La creazione di aree protette rappresenta uno degli aspetti più importanti nei piani di gestione e conservazione dell’ambiente naturale e della biodiversità. In ambiente marino si possono avere differenti categorie di aree protette, ognuna in risposta a differenti esigenze e legate a differenti livelli amministrativi. A livello comunitario, la direttiva n.43 del 1992, nota coma Direttiva “Habitat” e recepita in Italia a partire da1997, ha posto come obiettivo la creazione di una rete di aree protette, denominata “Natura 2000”, destinate alla conservazione della biodiversità. Questa direttiva riconosce due differenti tipologie di aree importanti da un punto di vista ambientale, i SIC (Siti di Interesse Comunitario o Siti di Importanza Comunitaria) e le ZCS (Zona di Conservazione Speciale).

LE AREE ZPS E SIC IN BASILICATA. 19 ZPS (Zona di Protezione Speciale) 47 SIC (Siti di Interesse Comunitario) Delle 47 Aree SIC della Basilicata. a Maratea ne sono individuate: 3. credito disegni Arch. Mario De Filippo.

Un’area marina protetta, o AMP, è una zona di mare circoscritta, di particolare pregio ambientale e paesaggistico, all’interno della quale è in vigore una normativa relativa alla regolamentazione e alla gestione delle attività consentite. Gli obiettivi delle AMP sono relativi alla protezione degli habitat tramite regolamentazioni della fruizione e delle attività di pesca e di prelievo, ma anche alla promozione di programmi di studio, ricerca e ripopolamento abbinati a progetti didattici ed educativi, che permettano una maggiore conoscenza e sensibilità nei confronti della natura. Tipicamente le AMP sono suddivise in 3 zone denominate zona “A”, zona “B” e zona “C” Le zone “A” sono delle aree delimitate dove non è possibile svolgere alcuna attività, quindi neanche il transito e la balneazione, che non sia di carattere scientifico e di controllo, mentre le zone “B” e “C” sono fruibili ma la pesca e le attività turistiche sono consentite con autorizzazioni contingentate.

Aree marine protette sono state istituite a Capo Caccia-Isola Piana, Capo Carbonara, Isola dell’Asinara, Penisola del Sinis-Isola Mal di Ventre, Tavolara Punta Coda Cavallo in Sardegna, Scandola e le Bocche di Bonifacio in Corsica, le Secche della Meloria in Toscana. Sono parchi nazionali l’Arcipelago di la Maddalena e l’Arcipelago Toscano; quest’ultimo, che comprende le isole di Gorgona, Capraia, Pianosa, Montecristo, Elba, Giglio e Giannutri, è più grande parco marino d’Europa. Aree tutelate sono anche lo Scoglietto di Portoferraio all’isola d’Elba e alcune zone della Corsica, come Punta della Revellata e la baia di Porto. Inoltre i mari della Toscana, della Corsica e della Sardegna settentrionale fanno parte del Santuario “Pelagos”, un’ampia area marina transfrontaliera, istituita nel 2001 e destinata principalmente alla protezione dei mammiferi marini.

Sono state inoltre recentemente istituiti molti Siti di Importanza Comunitaria (SIC) marini o sono state quantomeno individuate molte aree marine idonee alla costituzione di SIC. Tra queste ultime, oltre a molte zone costiere, è stata proposta anche un’area situata lungo la scarpata continentale, tra l’Arcipelago Toscano e Capo Corso, intorno ai 400 metri di profondità.

Desmophyllum dianthus, un corallo solitario a crescit alenta (2 mm all’anno) spesso associato a Lophelia pertusa and Madrepora oculata

Quest’ultima area è caratterizzata dalla presenza di coralli profondi, quali Desmophyllum dianthus, Madrepora oculata e Lophelia pertusa, e rappresenta un habitat particolarmente raro e peculiare.

Luigi Piazzi
docente e ricercatore Università di Sassari 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 55 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share