If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Come pianificare l’immersione subacquea di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NA
parole chiave: didattica
.

Adoro i piani ben riusciti” diceva Hannibal Smith del famoso A-Team. Come subacquei dovremmo fare nostra questa frase essendo una buona pianificazione alla base di immersioni sicure e piacevoli.
.

.Il primo punto per una corretta pianificazione è decidere gli obiettivi. Questi dovranno essere ragionevoli e proporzionali alle possibilità dei subacquei coinvolti in termini di esperienza, capacità, e disponibilità di materiali. Per quanto possa sembrare una banalità, bisogna inoltre evitare di avere obbiettivi contrastanti. Ad esempio, se lo scopo dell’immersione è di esplorare un relitto sarebbe inopportuno aggiungere a questo obbiettivo altri, come testare un nuovo scooter subacqueo o la macchina fotografica appena acquisita. Testare nuova attrezzatura dovrebbe infatti essere l’obbiettivo di specifiche immersioni da effettuarsi in ambienti tranquilli,  che permettono al subacqueo di concentrarsi al meglio sul test. Come sempre, fare troppe cose insieme non va bene

le immersioni sui relitti necessitano di un’attenta pianificazione

Nel caso di obbiettivi complessi è spesso meglio dividere le operazioni in più immersioni in modo da ridurre il carico di lavoro per ogni singola operazione. Facendo riferimento all’esempio precedente (l’esplorazione di un relitto) una serie di immersioni potrebbero essere dedicate all’osservazione delle parti esterne per passare quindi all’individuazioni di possibili punti di ingresso e finalmente iniziare la fase più complessa dell’esplorazione dei suoi interni.

Stabiliti gli obbiettivi bisogna identificare le risorse necessarie, sia in termini di personale coinvolto che di materiali. I componenti del team subacqueo devono essere scelti con cura, garantendo che ognuno abbia capacità ed esperienza adeguate al tipo di operazione da compiere. Come abbiamo sottolineato tante volte, in un team è il membro con meno esperienza e capacità che condiziona il risultato finale. In alcune situazioni bisogna considerare la presenza di personale di supporto come, ad esempio, l’equipaggio della barca appoggio.

la complessità di certe operazioni richiede un gran numero di strumenti il cui utilizzo deve essere pre-pianificato precedentemente

La scelta delle attrezzature include sia i materiali necessari per l’immersione subacquea (SCUBA) sia quelli necessari per le specifiche attività.  Ad esempio se si dovranno fare delle misure dovranno essere predisposti gli strumenti necessari. Scoprire di essere partiti senza la strumentazione necessaria è una sorpresa non gradita. A volte il problema può essere ancora più banale. Pesate alle batterie  dei vostri strobe o alle carte memoria.

Per quanto riguarda la configurazione subacquea questa deve essere adatta alla tipologia di immersione pianificata. Ad esempio, il consumo stimato  delle miscele necessarie durante le varie fasi dell’immersione è un’informazione necessaria ed essenziale per stabilire il numero delle bombole da trasportare. Inoltre, per quanto concerne le dotazioni individuali, i subacquei dovrebbero avere configurazioni il più possibile simili e avere ottima conoscenza delle reciproche attrezzature in modo da essere in grado di intervenire rapidamente e più efficacemente in caso di emergenza.


Le esigenze legate ai materiali, come ad esempio fotocamere e video camere, devono essere sempre valutate nel loro impatto sull’immersione in termini di pesi, ingombro e complessità di utilizzo. Una volta identificati obbiettivi e risorse bisogna pianificare le varie fasi dell’immersione, considerando la profondità massima e tempo di fondo stabilito. Nel caso sia necessaria una sosta decompressiva si deve decidere se i gas necessari verranno trasportati dai subacquei o saranno disponibili ad un punto predeterminato. In questo secondo caso è ovviamente essenziale che tutti i subacquei siano assolutamente certi di poter raggiungere in autonomia la quota decompressiva dove le bombole aggiuntive sono state collocate. Sebbene oggi i computer subacquei siano divenuti di uso comune ed abbiano un’ottima affidabilità, in fase di pianificazione è bene identificare un sistema alternativo per gestire l’immersione in caso di avaria dei computer.

L’uso di tabelle, commerciali o personalizzate, è anche un ottimo sistema per “ragionare” sui parametri dell’immersione e per essere consapevoli dell’impegno necessario in termini di tempi e profondità. Ricordiamoci sempre che non basta avere con noi delle tabelle decompressive … servirà annotare il tempo di entrata in acqua ed avere con noi il vecchio ma sempre utile orologio. Una buona pianificazione dovrebbe anche includere dei punti “go-no-go” al passaggio di fasi critiche dell’immersione. Ad esempio, durante i controlli a 3/5 metri; se un’anomalia viene identificata si è ancora in tempo per emergere, risolverla per poi subito dopo ricominciare l’immersione.

Un altro punto consigliato è il raggiungimento della profondità massima; ricordiamoci che un problema scoperto in fase iniziale può essere più facilmente controllato e risolto. Il raggiungimento del massimo tempo di fondo previsto o della minima riserva d’aria prevista sono altri due punti critici.

Nella pianificazione pre-immersione bisogna anche considerare le condizioni meteorologiche ed ambientali che si incontreranno. Lo stesso sito d’immersione può presentare difficoltà molto diverse legate alle fasi stagionali, di marea o meteorologiche. La possibilità che le condizioni ambientali possano mutare durante l’immersione non è un’ipotesi tanto rara durante la giornata. Ad esempio, esistono aree dove al cambio della marea si associano forti correnti. In questi casi occorre pianificare la tempistica d’immersione in funzione delle tabelle di marea, prediligendo le fasi di stanca quando le correnti sono più deboli.

Nonostante tutte le nostre migliori intenzioni è sempre possibile che qualcosa non vada come previsto. Per questo motivo occorre aver pianificato delle soluzioni alternative.
Ad esempio, stabilire obbiettivi secondari, nel caso quelli primari non siano raggiungibili, e definire un piano di emergenza da attivare in caso di necessità. Questo dovrebbe includere il migliore sistema di comunicazione con il personale sanitario, la disponibilità in sito di personale  addestrato per il primo soccorso e procedure standard da attivare.

Per quanto possa sembrare ovvio, una volta che abbiamo definito il nostro piano in tutti i suoi dettagli è essenziale seguirlo.
Deviazioni dalle procedure concordate andrebbero sempre evitate perché generano confusione nel team e perché è probabile che azioni dettate dall’impulso del momento non siano quelle più adatte e logiche. Il metodo osserva, orientati, decidi e agisci è sempre valido.

Giorgio Caramanna
geologo e ricercatore subacqueo scientifico
Giorgio Caramanna è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 la società GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 143 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share