If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le secche rocciose di Luigi Piazzi

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: secche rocciose, idrodinamismo

 

Nelle aree più esposte alle correnti, il movimento dell’acqua seleziona popolamenti peculiari, dominati da organismi, detti reofili, ovvero che vivono in acque correnti caratterizzate da forte dinamismo ondoso e di correnti, il cui sviluppo è ovviamente legato a questo fattore ambientale.

Tutte le scogliere sommerse sono generalmente caratterizzate da un forte idrodinamismo, ma è particolarmente sulle secche, formazioni rocciose che si innalzano da fondali profondi, che si sviluppano organismi tipicamente reofili. Infatti, sulle secche si realizzano condizioni ecologiche particolari legate alle forti correnti e alla risalita di acque profonde caratterizzate da temperature minori che permettono lo sviluppo di organismi peculiari rispetto sia alle coste continentali che insulari.

esplosione di vita su fondale roccioso, Circeo, foto credito andrea mucedola

Sulla parte più superficiale si possono trovare densi popolamenti di alghe brune di profondità, come cystoseire, sargassi e laminarie. Queste ultime, veri e propri relitti boreali, sono distribuite solo in pochi distretti mediterranei, tra cui la secca di Cala Scirocco in Gorgona, le secche del Golfo di Porto in Corsica e alcune secche attorno alle isole della Sardegna. Nella parte più profonda, le secche sono normalmente colonizzate da popolamenti rigogliosi di filtratori, come gorgonie e spugne, che possono svilupparsi in condizioni ottimali perché favoriti dalla presenza costante di correnti che facilitano loro l’ottenimento del cibo e l’eliminazione delle sostanze di rifiuto. Inoltre, le secche rappresentano ambienti privilegiati per i contatti tra il mondo bentonico e quello pelagico.

I dentici (Dentes dentex) cacciano spesso attorno alle secche rocciose attirati dalla ricchezza del cibo. immagine da L’ambiente marino mediterraneo – Caratteristiche ecologiche e biogeografiche del Mediterraneo 

.
È sulle secche, più che altrove, che è possibile l’incontro con organismi del grande largo, come barracuda (Sphyraena sphyraena), ricciole, (Seriola dumerili), lecce (Lichia amia), pesci luna (Mola mola), palamite (Sarda sarda), etc.
.

Salpa salpa comunemente conosciuta come salpa, è un pesce osseo marino appartenente alla famiglia degli Sparidae. È l’unica specie del genere Sarpa. La salpa è presente in tutto il Mediterraneo, nonché nell’Atlantico orientale: dal Golfo di Biscaglia fino al Sudafrica. Si tratta di una specie strettamente costiera che si trova dalla superficie fino a oltre 60 metri di profondità. Popola fondali rocciosi con crescita di piante acquatiche e praterie di Posidonia oceanica dove si nutre in branchi.

.La ricchezza di vita che caratterizza le secche rocciose le rende meta ambita per le attività ricreative subacquee, ma anche per i pescatori che cercano di sfruttare il loro effetto aggregante per la fauna ittica.

La beach rock è una formazione clastica (sedimentaria formata da detriti di rocce preesistenti che si origina tramite il processo di cementificazione carbonatica dei sedimenti di spiaggia nelle zone intertidale.

isola di Caprera, photo credit andrea mucedola

Il cemento primario è di solito costituito da carbonato di calcio precipitato nella zona di contatto fra l’acqua della falda freatica, satura di carbonati disciolti, e l’acqua di mare. In genere, un affioramento di beach rock è indicatore di un erosione costiera recente, con relativo arretramento della linea di riva e abbassamento del profilo della spiaggia sommersa, con conseguente rimozione dei sedimenti che solitamente coprono l’affioramento. Gli affioramenti di beach rock costituiscono comunque una difesa naturale della spiaggia, in quanto contribuiscono alla dissipazione dell’energia del moto ondoso e sono sorgente di sedimento per l’alimentazione della spiaggia.

Gli organismi viventi possono interagire sia con altri organismi della stessa specie (interazioni intraspecifiche) che con organismi di specie diverse (interazioni interspecifiche). Nel primo caso rientrano tutti i comportamenti riproduttivi e sociali in genere, sono però le interazioni tra organismi di specie diversa che possono essere estremamente importanti da un punto di vista ecologico, in quanto regolano in molti casi la struttura dei popolamenti e degli ecosistemi stessi.

Interazioni
Le interazioni interspecifiche possono essere positive o negative. Interazioni negative sono la predazione (o il parassitismo, che è una forma particolare di predazione) e la competizione; quest’ultima si viene ad avere quando organismi diversi competono per le stesse risorse di cibo, luce, spazio, etc. La competizione per lo spazio è una delle più importanti per gli organismi sessili di costa rocciosa che hanno bisogno di una porzione di substrato libero per potersi fissare e accrescersi. La competizione per lo spazio porta all’instaurarsi di popolamenti complessi, con una struttura spesso stratificata, come accade, per esempio, nell’habitat coralligeno. Particolarmente interessanti sono le interazioni positive. In alcuni casi solo uno dei due pattern ne trae beneficio, come gli organismi che vivono come commensali su altre specie. In altri casi entrambi i pattern ne traggono beneficio e si parla allora di simbiosi. In mare sono moltissimi gli esempi di simbiosi. Famosissima è l’interazione tra paguri e attinie.

paguro, Banco santa Croce

I paguri non hanno un rivestimento dell’addome tale da assicurarne la protezione, così utilizzano conchiglie vuote di gasteropodi che cambiano man mano che si accrescono; sulle conchiglie vengono posizionate delle attinie che, grazie alle cellule urticanti dei tentacoli, forniscono un ulteriore apparato difensivo al crostaceo, traendone anch’esse beneficio, in quanto ampliano la loro capacita di spostamento e quindi di reperimento del cibo.

L’interazione positiva più grandiosa è quella che si instaura tra madrepore e alghe unicellulari, simbiosi che è alla base della costruzione delle barriere madreporiche tropicale. Associazioni tra antozoi e alghe unicellulari, che vivono nei loro tessuti utilizzando le sostanze di rifiuto dell’animale e fornendogli cibo, si verificano anche in Mediterraneo, non solo con le madrepore ma anche con attinie e gorgonie. Ma vi sono anche associazioni molto più evolute, come quella di pulizia. In questo caso si realizza un’interazione estremamente complessa tra diverse specie di pesci o tra pesci e invertebrati, che implica segnali di riconoscimento. Ricordo quello dei gamberetti e delle murene.

La gorgonia rossa (Paramuricea clavate) è una formazione arborescente con fitte ramificazioni di colore rosso scuro, che forma ventagli che possono raggiungere dimensioni fino ad un metro di altezza. 

Dotata di uno scheletro proteico, la superficie presenta spicole calcaree che fungono da rifugio per i polipi, retrattili. Le colonie assumono l’aspetto di un vero e proprio bosco sommerso, tra i cui rami si sviluppa una notevole biodiversità animale. photo credit andrea mucedola

.
Infatti, molti pulitori potrebbero essere potenziali prede e occorre quindi che i due animali comprendano le intenzioni dell’altro. La pulizia si svolge normalmente in aree ben precise, dove si recano i pesci che hanno bisogno di liberarsi da parassiti. La pulizia è uno dei più affascinanti comportamenti che è possibile osservare nelle acque marine costiere e ha anche un importante significato ecologico, in quanto concorre a mantenere la salute delle popolazioni ittiche.

.

Luigi Piazzi
docente universitario e ricercatore subacqueo scientifico presso l’Università di Sassari

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 91 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share